Crossover Thinking: Nissan ed Eataly insieme nel pensiero creativo

Siamo stati alla sede centrale di Eataly a Fontanafredda insieme a Nissan, che ci ha messo a disposizione Qashqai e X-Trail. Il marchio giapponese ed il famoso brand legato alla buona cucina si riuniscono sotto il tetto del Crossover Thinking, il pensiero laterale che permette successi e grandi intuizioni.

Pensando trasversale, per andare oltre gli incroci apparentemente in contrasto, nascono le grandi idee. Una filosofia che in una giornata speciale, un decennale per due, accomuna il mondo dell’auto e quello del food. E’ questa la “banale” (ma solo per la semplificazione del concetto) spiegazione dell’incontro tra precursori che hanno tradotto in realtà grandi idee e progetti, nati proprio dalla sintesi tra posizioni apparentemente lontane, anzi a volte antitetiche.

Nissan a suo tempo ha inventato il crossover, cioé l’auto trasversale a diverse tipologie di vetture come berlina e suv, continuando nell’innovazione ha puntato sulla difesa dell’ambiente, attraverso l’elettrico e la sicurezza, mentre da parte sua Oscar Farinetti (sì, proprio lui il signor Eataly), ha invece creato un impero del gusto (38 punti vendita nel mondo, 500 milioni di euro di fatturato, 6000 dipendenti, un progetto megagalattico in arrivo in quel di Bologna, sinergie ovunque per rendere disponibili a tutti la genuinità e la qualità dei prodotti) copiato successivamente a livello mondiale. <Perchè se ti copiano significa che hai inventato qualcosa di nuovo e di memorabile, una unicità che ti porta ad essere il migliore ma ti aggiunge anche grandi responsabilità…> è un inciso di Farinetti nello scenario della cantina di Fontanafredda dove il patron di Eataly “passa la maggior parte del suo tempo” e dove i protagonisti si sono incontrati per… raccontarsi.

I Dieci anni di Eataly e del Crossover

In comune, poi, ci sono dieci anni da festeggiare: quelli di Eataly, felice contaminazione tra ristorazione e produzione, ma anche quelli di Qashqai, precursore in tempi non sospetti di quei crossover diventati oggetti di moda e protagonisti di mercato.

Se il tema di Nissan era quello di mettere a tavola (si fa per dire…) la gamma dei suoi pregiati crossover, lanciando l’operazione “Crossover Thinking”, i punti toccati da Farinetti si sposano a concetti automobilistici: l’uso delle risorse, il risparmio, l’elettrificazione dalla cucina alla mobilità, la produzione di energia, il riciclaggio dei materiali, l’abbandono della plastica, la valorizzazione dell’acqua. Il tutto sotto valori apparentemente contrastanti come il rispetto dell’ambiente e dell’uomo, un messaggio per salvare la terra e le risorse naturali, e il piacere, quello che scuote le molle per assaporare la vita, partendo però anche e soprattutto dalle cose semplici: <Nel nostro percorso trasversale, nelle nostre sfide di mettere assieme gli opposti, abbiamo portato ingredienti da chef stellati anche a livello di osteria>.

Dal Cavallo è Nata l’Auto

Farinetti, partner coinvolto anche emotivamente nell’operazione “Crossover Thinking”, parte dalla teoria del cavallo: <Il segreto è mettere assieme contrasti che sono solo apparenti ma che portano a qualcosa di unico. Io l’ho fatto dieci anni fa con Eataly, così come Nissan lo ha fatto con Qashqai concetto di nuova auto poi copiata da molti, che dieci anni fa metteva assieme le migliori caratteristiche di berlina e di suv. In pratica è stata la creazione di un ippocampo, un animale mitologico.

Chi ha inventato l’auto ha copiato il cavallo che aveva vantaggi incredibili: costava poco, consumava biada, si rompeva raramente, non inquinava e al tempo stesso creava concime coi suoi “rifiuti”. E anche se non lo guidavi ti portava a casa. Tutte caratteristiche che sono state trasportate col tempo nell’auto e migliorate come il trasporto dei bagagli e di più persone, o l’acustica, ultima e quella che verrà, la guida autonoma che ti porterà a casa… Dunque l’auto ha copiato il cavallo. E nella vita copiando il meglio si ottiene di più e si raggiungono nuovi traguardi>.


Qashqai, il Pioniere

Il crossover più venduto in Europa (2,3 milioni di unità, 3,3 milioni nel mondo, quasi 300 mila in Italia dal 2007) si rinnova e da pioniere diventa simbolo dell’innovazione nell’ambito di quei piani Nissan verso il 2020 e la guida autonoma. Qashqai diventa ancor più esclusivo, tra design (con il nuovo look Dinamismo Premium), alta qualità dei materiali, prestazioni elevate e miglior efficienza, tecnologie innovative e sicurezza, ma anche attraverso i consigli di chi ha provato le generazioni precedenti che ha ispirato soluzioni importanti.

Senza dimenticare un valore importantissimo, quello che tocca le tasche del cliente: Qashqai è più accessibile grazie a un listino che parte da 21 mila euro per i motori a benzina e da 23 mila euro per quelli diesel. Ha caratteristiche che piacciono a un pubblico trasversale, dalla guida rialzata che aggiunge padronanza del mezzo e della strada, all’agilità necessaria a una vettura che deve districarsi nella giungla urbana, dal comfort necessario per viaggi lunghi e tempo libero a valori da segmento C dunque di pregio e di valore ma aperti a un pubblico ben più ampio.

Per esempio il nuovo allestimento Tekna+, il top di gamma (in ordine di crescita Visia, Acenta, N-Connecta, Tekna e Tekna+) offre la ricchezza che non ti aspetti: sedili in nappa superiore, lussuose trapuntature 3D sui pannelli centrali, e sul retro, nero di serie e in opzione senza costo aggiuntivo il “prugna”, il sedile guidatore con supporto lombare 4 punti per diminuire le fatiche al volante, sedile guida con memoria in due posizioni e collegamento agli specchietti retrovisori, calotte retrovisori satinate e barre al tetto, volante a D dal look sportivo e tant’altro come l’impianto audio Bose di serie (già sul Tekna) con 8 altoparlanti.

La Nostra Prova

Guidare il nuovo Qashqai diventa un piacere, grazie anche al contenuto tecnologico che semplifica la vita a bordo, come il sistema IEB frenata di emergenza intelligente guidato dai radar: resta sempre il dovere di sorveglianza e attenzione di chi è alla guida, ma le funzioni di assistenza e sicurezza aiutano e non poco. Ammortizzatori (rivisti con un cambio di tarature delle molle sulle singole ruote e e nei componenti in gomma) e sospensioni assorbono le asperità, agilità e tenuta di strada sono elevate, la rumorosità è stata ridotta lavorando su vibrazioni e attrito di marcia, ma anche con nuovi materiali insonorizzanti e guarnizioni supplementari, e un cristallo posteriore più spesso. Piaceri di guida elevati anche grazie a soluzioni come l’Active Return Control che riduce il mvimento di beccheggio, o aiuta il volante a tornare in posizione centrale con precisione e in modo più naturale riducendo le vibrazioni,. E’ piacevole la maneggevolezza aggiunta dallo sterzo più spesso e reattivo, e nelle curve il senso di sicurezza e di controllo è notevole. L’abitacolo risulta più spazioso, il bagagliaio ospita da 430 a 1598 litri e si può configurare in 18 modi grazie al Flexible Luggage Board System di Nissan.


I Motori

 

Gamma di propulsori ampliata: disponibili benzina o diesel, cambio manuale a sei rapporti o automatico CVT XTronic, due o quattro ruote motrici. Da segnalare il diesel 1.5 110 CV con emissioni di CO2 pari a soli 99 g/km e un consumo di soli 3,8 litri/100 km, leader nel segmento. Offerta diesel continua con 1.6 da 130 CV 2WD (4,4 l/100 km e 116 g/km CO2 col manuale a 6; 4,7 l/100 km e 122 g/km col CVT) e 1.6 130 CV 4WD (4,9 l/100 km e 129 g/km). Sul fronte benzina motori da 1.2 litri 115 CV 2WD (5,6 l/100 km e 129 g/km CO2 sia col manuale sia col CVT) e da 1.6 litri 163 CV 2WD (5,8 l/100 km e 134 g/km col manuale a 6). I dati su consumi ed emissioni sono quelli di omologazione.

Pro Pilot nel 2018

Nell’ambito delle nuove tecnologie elaborate dal Nissan Intelligent Mobility, definita una roadmap tecnologica, entro la primavera del 2018 Nissan introdurrà il ProPILOT su Qashqai, step importante verso la guida autonoma. ProPILOT regolerà sterzo, accelerazione e frenata durante la guida in autostrada su corsia singola anche con traffico intenso e alte velocità attraverso tre tecnologie: Lane Keep Assist (LKA), Intelligent Cruise Control (ICC) e Traffic Jam Pilot (TJP). il sistema viene attivato da un pulsante sul volante del Qashqai, le informazioni appariranno sul quadro strumenti tra i comandi.

X-Trail, Per Famiglie e Per l’Avventura

Alla festa “Crossover thinking” partecipa anche X-Trail, che vanta un aumento di vendite sul mercato italiano pari al 30%, non male, nel 2016. E’ dedicato a chi cerca più spazio e maggiori comodità, aggiunge le doti da monovolume e modernità delle linee e ammicca a chi ha voglia di interpretare al meglio il tempo libero in famiglia o in gruppo. E’ il family più venduto al mondo, un dato da non trascurare, sottolineato da Luisa Di Vita, direttore della comunicazione per Nissan in Italia. X-Trail disponibile a 5 o a 7 posti, interpreta lo spirito d’avventura, ma al tempo stesso è espressione di lusso che il top di gamma spiega al meglio… Viaggiare è un piacere, anche sulle nervose colline delle Langhe fra strade strette e curve a ripetizione salendo verso La Morra o alla ricerca di pregiati Castelli tra vigneti imperdibili allo sguardo che promettono vini superlativi e unici come Nebbiolo, Barbaresco e Barolo (purtroppo inavvicinabili quando si guida…).

Stile e dotazioni Premium, nuovo design esterno e interni più raffinati ed esclusivi, abbina stile  qualità, è pratico, comodo e ricco di tecnologie d’avanguardia e sistemi di sicurezza (entro il 2018 avrà anche il ProPILOT). Per la prima volta in listino anche con l’allestimento N-Connecta: aggiunge sistema di infotainment NissanConnect, Intelligent Around View Monitor, Intelligent Key, barre al tetto, sensori di parcheggio anteriori e posteriori e portellone con funzionalità “hands-free”. Il portellone si apre senza l’uso delle mani, muovendo il piede sotto il centro del paraurti posteriore. Il bagagliaio cresce di base a 565 litri (445 litri nella versione 7 posti) e arriva fino a 1996 litri con sedili abbattuti.

Disponibili motori benzina o diesel Low Power e High Power, cambio manuale a sei rapporti o automatico CVT XTronic, due o quattro ruote motrici. Diesel da 1.6 litri 130 CV (consumi da 4,9 a 5,3 l/100 km); da 2.0 litri 177 CV (da 5,6 a 6 l/100 km); benzina col solo 1.6 litri e 163 CV 2WD e cambio manuale a 6 marce (6,2 l/100 km), dati di omologazione.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestEmail this to someonePrint this page

- Autore Article URL: http://www.infomotori.com/auto/crossover-thinking-nissan-ed-eataly-insieme-nel-pensiero-creativo_149598/

Vuoi tenerti aggiornato su Nissan?


Ti stai iscrivendo alla Newsletter di:

OK Ho letto ed accetto l'informativa sulla Privacy ai sensi del D.Lgs. 196/2003


Annunci Privati
Vuoi vendere la tua Auto?

Inserisci il tuo annuncio

Gratis