Ritiro, sospensione e revoca patente: ecco le differenze

Quali sono le differenza tra ritiro, revoca e sospensione della patente di guida? Scopriamolo assieme, analizzando i vari provvedimenti.

Conosciamo le reali differenze tra ritiro, sospensione e revoca della patente di guida? Quelle che  apparentemente sembrano parole dal significato decisamente simile – quasi in salsa sinonimo – nascondono in realtà conseguenze molto diverse da un caso all’altro. Eccole.

Il ritiro della patente di guida
Si tratta di un provvedimento messo in atto dalle Forze dell’Ordine – senz’altro il meno grave tra quelli che stiamo affrontando. Si tratta infatti di una situazione temporanea, risolvibile tra l’altro nello spazio di tempi brevissimi. Il ritiro della patente avviene ad esempio se si sta viaggiando con il titolo scaduto
oppure – se si è mal sistemato il carico sul tetto della nostra auto. E’ sufficiente quindi ottemperare a quanto richiesto dalle forze di Polizia per rientrare in possesso della propria patente.

11 Foto

La sospensione della patente
In questo caso si passa purtroppo ad una conseguenza figlia di cause ben più gravi di quelle viste in precedenza. La sospensione della patente è infatti un provvedimento più severo che segue violazioni al Codice della Strada. In base alla gravità della violazione commessa il provvedimento varia anche la propria durata – con periodi di sospensioni che possono viaggiare da appena 15 giorni ad addirittura 5 anni. A sospendere la patente di guida in questo caso possono essere il Prefetto, la Motorizzazione o la stessa autorità giudiziaria. Esempi di sospensione della patente ci arrivano in caso di doppie violazioni commesse nel ciclo di un biennio come – la mancata concessione della precedenza, il mancato uso delle
cinture sicurezza o il divieto di sorpasso. In questo caso si rischia una sospensione della patente per un periodo che va da 1 a 3 mesi.

La revoca della patente di guida
Ed eccoci a che fare con la sanzione più grave che la nostra patente di guida possa subire: la revoca. Questo tipo di sanzione arriva nel caso in cui sia comprovato che il titolare della patente non presenti più i requisiti per potersi considerare idoneo alla guida di un mezzo. Al contrario di ritiro e sospensione – la patente revocata non può più essere recuperata, ammesso che non si sostenga (da zero quindi) un nuovo esame di guida. Esame che tra l’altro non potrà essere sostenuto se non dopo due anni la revoca della patente. Questo sempre che non incorrano impedimenti psicofisici o morali che inducano le autorità competenti a disporre l’impossibilità di recuperarla a tempo indeterminato.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestEmail this to someonePrint this page

- Autore Article URL: http://www.infomotori.com/guide/ritiro-sospensione-e-revoca-patente-ecco-le-differenze_142049/

Annunci Privati
Vuoi vendere la tua Auto?

Inserisci il tuo annuncio

Gratis