Alfa Romeo nuova 166: Test Drive

Temperamento sportivo La nuova vettura vanta un temperamento unico nella sua categoria al quale il modello aggiunge la capacità di dominare la strada tipica di un’Alfa Romeo. Che è poi la caratteristica apprezzata da chi, anche con una grande berlina di prestigio, vuole comunque provare il piacere di guidare. Ecco, allora, un “gruppo di potenza”, […]

After enjoying its world premiere at the recent Frankfurt Motor Show, the New Alfa 166 will go on sale from October.
The flagship, created at the Alfa Romeo Style Centre, expresses harmony of form and content while combining the elegance of a great saloon with the sports traits of a coupé. The New 166 complements these successful features with interior and exterior aesthetic motifs of great visual impact. The interior trim and exterior colour matches are also very sophisticated.
The car's imposing front end has been fully redesigned. The tall shield, for example, now forms the traditional Alfa three-part motif in conjunction with the two side air intakes. This motif marks a family resemblance to more recent models while allowing the Alfa Romeo Style Centre to reclaim and reinterpret distinctive traits from the company's illustrious past.
As on the previous model, two converging ribs delimit and emphasise a central bulge that hints at the presence of the powerful, beefy engine beneath. The side view of the New Alfa 166 features some of the chrome trim that was present on the previous model: i.e. on the door handles, roof outline and door sills. Not to mention the fact the outline immediately conveys an impression of a car that is strong, compact and firmly anchored to the ground. At the same time, the extensive metal area prevails over the glass and makes the vehicle look like a coupé from the side.
Viewed from the rear, the Alfa 166 is immediately recognisable for its broad shoulders that make it look like an animal waiting to pounce - and for its short, fleeting tail. The slightly drooping tail evokes the sensation of a very agile car despite its large saloon dimensions. The relatively unchanged bumpers are still flush with the metal surface and blend into the vehicle body. The light clusters on the New Alfa 166 are among its most distinctive features and designer objects in their own right.
And so from the exterior to the interior. The same good looks are apparent inside, where lashings of space are backed by outstanding comfort, sophisticated trim and padding and careful attention to detail. The real attraction of the new model lies in a passenger compartment that has been made lighter through careful choice of colours and materials that are a pleasure to touch and look at. An extensive choice of materials (cloth and leather) and colours combine to create three different environments: sports, elegant or classic. Customers can also choose from four different types of facia according to version and trim level. Not to mention the fact that the option list includes exclusive upholstery of huge appeal, a superlative example of Italian craft tradition.
This model is set to trump the opposition with a winning blend of breeding and temperament. And more. Beneath its attractive exterior, the new vehicle boasts a temperament unique for its category that is complemented by an ability to dominate the road typical of an Alfa Romeo. This characteristic is particularly appreciated by those who expect driving satisfaction even from a big prestige saloon. The power unit comes in various engine-gearbox combinations that are among the most powerful and efficient currently on the market. The suspension layout is able to assure absolute command of the car in any situation. A host of electronic devices is also present to enable you to enjoy the great performance levels of which all Alfa 166 versions are capable in absolute safety: from an ABS with electronic load proportioning valve to antislip systems for automatic traction control.
In detail, the model offers six power units that present different characteristics and all together make up a comprehensive range able to meet the expectations of any customer, however well-informed and demanding. The four petrol units are the 150 bhp 2.0 TS, the 188 bhp 2.5 V6 24v, the 220 bhp 3.0 V6 and the 240 bhp 3.2 V6 24v. The two turbodiesels are the 150 bhp 2.4 JTD 10v and the 175 bhp 2.4 Multijet 20v. These units are all combined with a 6 speed manual gearbox, with the exception of the 220 bhp 3.0 V6 that is only available with an automatic transmission. The lively 175 bhp 2.4 Multijet 20v may also be paired with a sophisticated new generation 5-speed automatic transmission.
But power is not all. The Alfa Romeo flagship has also been designed with a view to pleasing its passengers. The new model immediately reveals itself as a car that is extremely satisfying to inhabit: as driver or passenger, over short trips or long motorway journeys. The interior environment is comfortable because it is so ergonomic. It is pleasing due to the gratifying sensations aroused by an advanced climate control system, outstanding sound-proofing and a very comfortable suspension. It is sophisticated because the in-car technology has been designed to make life easier: with an efficient electronic interface, Cruise Control that is useful on motorway routes, a smart radio that dynamically adjusts volume to the surrounding noise and a satellite navigation system to suggest the best way to a chosen destination. The new central console display delivers a stylish metallic effect.
The New Alfa 166 range is made up of three comprehensive specifications that offer great value for money: the new Impression, Progression and Distinctive packages. A New Alfa 166 TI option pack is also available with low ride for a more entertaining drive with better handling. On the outside, this particular version offers a special badge and 18" alloy wheels. Inside, the TI environment is identifiable by seats trimmed with black leather with an embroidered TI logo in red. The same sporty look extends to the TI logo on the aluminium sill plate and red button and instrument panel lighting.
All versions are extremely well-equipped, as you would expect from a top-class flagship. The host of options will satisfy even the most demanding of customers in this market band. Not forgetting the accessory range created to meet even the most specific customisation requirements.
Here are just a few of the numerous systems and devices available on the new model: active sensor ABS with electronic brakeforce distributor; VDC; front airbags, sidebags and windowbags; automatic climate control; Cruise Control; bi-Xenon headlights; rain and parking sensor; follow-me-home lights; radio controls on the steering wheel; satellite navigation system with maps and voice guide, GSM phone with handsfree set and Hi-Fi system with 10 speakers and CD changer. Lastly, five types of alloy wheels are available according to the version: two 16", two 17" and one 18".
And finally, the long-term (starting from 24 months) hire option is confirmed with the launch of the New Alfa 166. This allows the private customer to own his very own flagship by simply paying a monthly rate, obviously without having to make any down-payment. And the price includes insurance, maintenance and warranty. So this new service brings the utmost peace of mind and the possibility of immediately and clearly planning all the expenditure connected with operating a car. Moreover, in the case of the professional, this formula makes it possible to enjoy all current tax advantages.

<< First page

Photo gallery

Alfa Romeo nuova 166: Test Drive. Berlino – Fiat Auto ama le belle capitali e proporre alla stampa internazionale la nuova 166 nella Capitale tedesca è stata un’operazione felice sia per noi che abbiamo potuto ammirare una delle più belle città d’Europa sia, soprattutto, per la Casa del Biscione che è andata a sfidare le rivali proprio nella loro “tana”.
Mossa audace e vincente perché la nuova 166 ha finalmente acquisito la grinta che le mancava con un frontale decisamente aggressivo che fa subito comprendere che sotto il cofano troviamo motori generosi ed all’interno si è provveduto ad una profonda rivisitazione con materiali degni di una vera ammiraglia.
Dopo il nostro test teutonico, la nuova 166 arriverà subito in concessionaria, tanto che la commercializzazione partirà da ottobre.
Un restyling importante, che va a stravolgere i tratti di un frontale non da tutti apprezzato, ed oggi reso più personale da una efficace rivisitazione.
Particolari che contano Tra i particolari oggetto di più cure troviamo senza ombra di dubbio lo scudetto Alfa Romeo, sviluppato in senso verticale che, assieme alle due bocche laterali delle prese d'aria, forma il tradizionale "trittico" del Biscione e qualche sobrio richiamo a celebri auto del passato.
Un frontale che acquista grande “importanza”, quindi, dominato dal grande scudetto che con il lato superiore segue il cofano e poi precipita verso il basso fino a rompere la linea del paraurti. Sempre in alto, al centro, c'è il marchio, circondato da una leggera cromatura che evidenzia e sottolinea la forza e il valore comunicativo della "firma". È appeso alla leggera bombatura della lamiera destinata a sottolineare il punto d'incontro tra cofano e culmine superiore dello scudetto, cioè la "cometa".
Cambiano anche i gruppi ottici, oggi più curati e ricercati nel design, compatti e costruiti con vetri tersi e senza prismature, attraverso i quali si vedono le parabole calcolate sottostanti. Confermate dal modello precedente le nervature convergenti a "V" che delimitano ed esaltano la bombatura centrale, sotto la quale s'intuisce la presenza di un motore potente e grintoso.
Pochi interventi stilistici, poi, hanno interessato i paraurti che sono sempre a filo della carrozzeria e si fondono con il corpo della vettura. Estesi e arrotondati, nella parte bassa ospitano gli indicatori di direzione, mascherati da vetri scuri che permettono di conservare intatto il segno grafico del "trittico".
Passiamo ora alla fiancata della Nuova Alfa 166, che ripropone alcune cromature già presenti sul modello precedente: dalle maniglie alle profilature del tetto a quelle sotto le porte. Le superfici in lamiera sono ampie e prevalgono su quelle vetrate rendendo la vettura, vista di fianco, simile a un coupé. La carrozzeria è liscia e arrotondata, completamente priva di spigoli e di gocciolatoi, con le maniglie e il lampeggiatore laterale a filo della scocca.
Vista da dietro la Nuova Alfa 166 è subito riconoscibile per le "spalle larghe", da vettura pronta allo scatto, e per la coda corta e fuggente. Il lunotto si raccorda ad un montante molto rastremato che, scendendo dall'abitacolo, si appoggia con forza sui due archi passaruota e conferisce all'auto un'impronta di forza. La coda leggermente in caduta evoca la sensazione di un'auto molto agile, nonostante le dimensioni da grande berlina. Infine, il marchio Alfa Romeo campeggia nella parte alta del bagagliaio. Sotto ci sono i gruppi ottici sui quali va ad ammorbidirsi il muscolo della fiancata. Separati e di dimensione contenuta, sono incastonati nella carrozzeria.
Per il nuovo modello il Centro Stile ha preparato una tavolozza di undici tinte di carrozzeria che esaltano le forme e i volumi della vettura. Divisi tra pastelli, metallizzati e iridescenti, appartengono al primo gruppo: Rosso Alfa e Nero Kyalami. Mentre è possibile scegliere tra otto metallizzati (i primi quattro sono inediti): Verde Cernobbio, Rosso Siena, Grigio Spoleto, Grigio Dolceacqua, Blu Lampedusa, Grigio Rialto, Grigio Marostica, Nero Pergusa. Conclude l'offerta cromatica l'esclusivo colore iridescente Azzurro Nuvola.
Interni più freschi Le linee che corrono all'interno dell'abitacolo della Nuova Alfa 166 riprendono con continuità quelle esterne. Il design è fluido e armonioso. Tra la parte anteriore e quella posteriore, tra il mobiletto centrale e i sedili, tra la plancia e i pannelli trapuntati delle porte non esistono curve spezzate. Ma la vera novità del nuovo modello è la maggiore luminosità dell'abitacolo, merito dell'accurata scelta di colore e materiali che trasmette sensazioni piacevoli al tatto e alla vista. Ecco, allora, un arredamento ricco sia dal punto di vista estetico sia nella sostanza. Un ambiente studiato in ogni dettaglio: dai tappeti in tinta con il soffitto alle guarnizioni che ripropongono il colore della carrozzeria.
Vasta è la scelta dei materiali (velluti, tessuti e pelli) e dei colori, che concorrono a creare tre ambienti diversi: sportivo, elegante o classico. Il cliente, inoltre, può scegliere tra quattro tipi di plancia, a seconda delle versioni e del livello di allestimento: una "sportiva" di colore nero; una "elegante" tono su tono beige; una "classica" tono su tono grigio; e per l'allestimento Impression una plancia nera.
In particolare, è disponibile come optional una selleria esclusiva di grande pregio. Si tratta del "pieno fiore" della pelle offerta in tre tinte diverse (nera, grigia e beige) abbinata alla plancia, anch'essa in pelle e nelle stesse tre tonalità ma con sfumature più scure. Rifinita con cuciture a contrasto rispetto alla tinta dei rivestimenti, questa soluzione rappresenta il migliore esempio della tradizione artigianale italiana.
Come su tutte le Alfa Romeo, poi, elemento centrale è il posto di guida, che è stato progettato con la massima cura. Inoltre, l'assetto di guida è sportivo ma confortevole e permette un perfetto controllo della vettura in ogni circostanza. Il cruscotto, con la sua forma curva che "copia" esattamente quella del volante, contiene i quattro cerchi degli strumenti principali. Rigorosamente analogici, come vuole la tradizione del Marchio, questi ultimi si sovrappongono leggermente perché sono distribuiti su diversi piani di lettura in modo da essere identificabili a colpo d'occhio.

Temperamento sportivo La nuova vettura vanta un temperamento unico nella sua categoria al quale il modello aggiunge la capacità di dominare la strada tipica di un’Alfa Romeo. Che è poi la caratteristica apprezzata da chi, anche con una grande berlina di prestigio, vuole comunque provare il piacere di guidare. Ecco, allora, un “gruppo di potenza”, costituito da diverse soluzioni di accoppiamento cambio-motore, tra i più potenti e sfruttabili oggi sul mercato. Schemi di sospensioni capaci di garantire un assoluto controllo della vettura in qualunque situazione. E poi ancora tanta elettronica per poter fruire sempre in assoluta sicurezza delle grandi prestazioni di cui tutte le versioni della Nuova Alfa 166 sono capaci: dall’ABS con correttore elettronico di frenata ai sistemi antipattinamento per il controllo automatico della trazione.
Sei motori per tutti i palati In dettaglio, la nuova 166 propone sei propulsori che hanno caratteristiche differenti e tutti insieme formano una gamma completa, capace di soddisfare le aspettative di qualunque cliente. Anche il più esigente e preparato. I quattro benzina sono il 2.0 TS da 150 CV, il 2.5 V6 24v da 188 CV, il 3.0 V6 da 220 CV e il 3.2 V6 24v da 240 CV. I due turbodiesel sono il 2.4 JTD 10v da 150 CV e il 2.4 Multijet 20v da 175 CV.
Sono tutti abbinati ad un cambio meccanico con 6 marce, ad eccezione del 3.0 V6 da 220 CV che è proposto solo con cambio automatico. Inoltre, il brillante 2.4 Multijet 20v da 175 CV può essere anche accoppiato ad un sofisticato cambio automatico di nuova generazione a 5 rapporti.
Tre allestimenti Infine, la gamma si compone di tre allestimenti completi e di alto controvalore: il nuovo Impression, Progression e Distinctive. Inoltre, è disponibile l’optional pack TI della Nuova Alfa 166, caratterizzata da un assetto ribassato che garantisce maggiore divertimento di guida e più “handling”. All’esterno, poi, la particolare versione propone una sigla specifica e i cerchi in lega da 18″. All’interno, invece, l’ambiente TI si riconosce per i sedili rivestiti in pelle nera sui quali è ricamato il logo Alfa Romeo. La stessa impronta sportiva presentano la scritta TI sul batticalcagno in alluminio e l’illuminazione rossa dei pulsanti e del quadro strumenti. Comune a tutte le versioni la grande ricchezza delle dotazioni, come si conviene ad un’ammiraglia di classe, compresi i tanti optional capaci di soddisfare anche la parte più esigente della clientela di questa fascia di mercato. Senza dimenticare la Lineaccessori, destinati a soddisfare le esigenze di personalizzazione più particolari. Ricordiamo alcuni dei numerosi sistemi e dispositivi disponibili sul nuovo modello: l’ABS a sensori attivi con ripartitore elettronico di frenata; il VDC; gli airbag anteriori, quelli laterali e i window bag; il climatizzatore automatico; il Cruise Control; i fari bi-Xenon; il sensore di pioggia e di parcheggio; il “follow me home”; il sistema di navigazione satellitare a mappe e guida vocale, telefono GSM con viva voce e impianto Hi-Fi con 10 altoparlanti e CD-changer. Infine, a seconda delle versioni, sono disponibili cinque tipi di cerchi in lega: due da 16 pollici e due da 17, tutti offerti in alternativa con disegno a raggi o a fori. Conclude l’esclusivo cerchio in lega da 18 pollici a raggi.
Su strada Sorge infine spontanea la domanda: ma come va su strada? Decisamente bene! Più solida e leggermente irrigidita, la nuova 166 rassicura anche i più timidi grazie alla sua notevole motricità che stupisce in considerazione delle dimensioni non certo contenute che consentono di viaggiare comodamente in cinque.
Trovato facilmente la posizione di guida più adatta alla nostra taglia, abbiamo subito apprezzato la precisione dello sterzo, la docilità del cambio e la frenata efficace che ci ha permesso di guidare allegramente senza alcun pensiero. Una vettura dal temperamento sportivo che però accetta anche la guida “quieta” di chi privilegia il confort alle prestazioni estreme.
Eccellente la Multijet 20 valvole da 175 CV che non ha nulla da temere rispetto alle più dotate rivali germaniche a cui però manca la carta vincente italiana che assicura un’elasticità ed una progressione impressionanti.
Per i cultori del benzina troviamo un poker di veri assi con potenze che vanno dai 150 ai 220 puledri del 3200 V6 24 valvole che unisce il velluto al peperoncino…
E’ incredibile come poche pennellate abbiano reso una vettura da molti considerata superata per design in una temibile avversaria delle più quotate avversarie tedesche da cui può egregiamente difendersi visto che la Audi A6 berlina annega nella tranquillità delle linee, la Classe E della Stella manca del suo temperamento e la sola Serie 5 BMW può vantare una personalità più marcata.
Giocare ad armi pari con le migliori berline europee significa che 166 ha le carte in regola per vivere una seconda giovinezza e far riscoprire l’orgoglio Alfa non solo agli italiani, ma a tutti gli appassionati continentali.
I prezzi A fronte di un rapporto qualità prezzo indiscutibilmente vantaggioso rispetto alle rivali “made in Germany”, l’obiettivo di vendita previsto dai vertici Alfa è di 20.000 unità. Un risultato senza dubbio alla portata della ammiraglia del Biscione che saprà farsi largo tra le decine di proposte con un prezzo d’attacco di 33.300 euro per la versione 2.0 TS Impression, per arrivare ai 43.300 della esclusiva 3.0 V6 24V Sportronic Progression. Inutile sottolineare che la versioni più richieste dal pubblico saranno quelle dotate del poderoso propulsore 2.4 JTD 20V, disponibile a partire dai 39.100 euro della versione Progression. Agli amanti delle comodità ricordiamo che i 175 puledri del più potente dei JTD possono essere controllati con l’interessantissimo cambio automatico a 5 rapporti, di serie nella versione Sportronic Progression, in vendita a 41.000 euro chiavi in mano.

6 Foto
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestEmail this to someonePrint this page

- Autore Article URL:

Vuoi tenerti aggiornato su Alfa Romeo 166?

Ti stai iscrivendo alla Newsletter di:

OK Ho letto ed accetto l'informativa sulla Privacy ai sensi del D.Lgs. 196/2003

Annunci Privati
Vuoi vendere la tua Auto?

Inserisci il tuo annuncio