Audi TT 3.2 Quattro

250CV con trazione integrale e cambio DSG per sentirsi in pista!

Audi TT 3.2 Quattro. Grande novità per gli appassionati dell’originale coupè “Made in Audi” che ha avuto una vita piuttosto travagliata con alti e bassi e giudizi non sempre favorevoli. Dalla metà del prossimo anno, sarà a listino la nuova TT 3.2 Quattro equipaggiata con i 250Cv del conosciuto propulsore V6 da 3200cc, già visto sulla Golf R32.
Un motore che va a porsi sopra il 1800 turbo da 225 puledri. Sono 10 i cavalli in più del V6 marchiato Audi nei confronti del corrispondente Volkswagen, ottenuti modificando il rapporto di compressione, passato ora a 11,3:1. Invariata invece la coppia motrice, rimasta “ferma” a 320Nm.
Un propulsore moderno, caratterizzato dallo stretto angolo tra le bancate (solo 15°) e dotato, tra le altre, di un controllo della fasatura della valvole, in grado di garantire ottimi risultati per quanto riguarda la distribuzione della coppia su tutto l’arco di utilizzo. Decisamente contenuti anche i consumi: 9,8 litri per 100km il valore medio dichiarato dalla stessa Audi, anche se temiamo che premendo il piede del gas il benzinaio si debba salutare con una certa assiduità!
Tali valori ipotetici sono il frutto di un ingegnoso sistema di controllo dell’alimentazione, che oltre a migliorare i consumi, rende più pronta la risposta della TT agli ordini del… piede destro. Una tecnologia che si sposa felicemente con il rivoluzionario sistema di doppia frizione del cambio DSG (Direct Shift Gearbox), una novità assoluta derivata direttamente dalle competizioni. Da un cambio ed un motore così innovativi non ci si può attendere che prestazioni da primato: la velocità si autolimita a 250Km/h e per scattare da 0-100Km/h sono sufficienti solo 6,4 secondi: insomma occhio alla patente!
Come funziona il sistema DSG La base del cambio è un manuale classico a 6 marce, in grado di garantire un’alta variabilità nella selezione del rapporto di trasmissione. Grazie all’uso di una frizione multidisco gemellare, integrata ad un sistema di controllo elettronico, due marce possono essere innestate simultaneamente. Durante il movimento dell’automobile, solo un ingranaggio è agganciato. Quanto ci si avvicina al momento di cambiata, l’ingranaggio successivo, già preselezionato, è pronto ad intervenire, ma la frizione che lo controlla viene mantenuta disinnestata. Nell’istante in cui la cambiata viene “approvata”, il processore del cambio stacca la frizione dell’ingranaggio attivo e attacca l’altra frizione contemporaneamente. Il cambio di rapporto avviene sotto carico, quasi senza accorgersene, con il vantaggio che l’alimentazione del motore non viene mai interrotta.
La logica di controllo integrata effettua le cambiate in maniera molto veloce, ma tuttavia priva di strappi. Esistono due diverse logiche di funzionamento completamente automatiche D ed S (Sport) in cui il momento della cambiata viene ritardato e la velocità di cambiata accelerata. L’alta efficienza generale è così unita alle prestazioni. Al pilota è comunque garantita la possibilità di intervenire manualmente nella scelta del rapporto per mezzo della leva del cambio. La trasmissione DSG viene prodotta in proprio nello stabilimento di Kassel ed è in grado di sopportare coppie motrici fino a 350 Nm.
Le altre novità Nessun aggiornamento importante a livello di design, che rimane originale e personale. Rispetto alle precedenti versioni, la nuova TT 3.2 Quattro si differenzia esternamente per il nuovo spoiler posteriore, dal profilo più marcato e per le prese d’aria anteriori più ampie. Il modificato profilo dell’alettone è studiato per garantire maggiore stabilità, viste le prestazioni del nuovo propulsore. Il CX rimane di 0,32. Nuovo anche l’impianto frenante, derivato direttamente dalla RS4, costituito da dischi freno autoventilanti da 334mm di diametro all’anteriore e 265mm al posteriore. Di serie non potevano certo mancare i proiettori anteriori allo xeno con le cornici del faro color titanio.
L’abitacolo è caratterizzato dalla griglia di selezione del rapporto in alluminio lucidato, soluzione ripresa anche per gli inserti nel quadro porta strumenti. Come tutti gli altri modelli TT, anche la nuova versione monta il controllo di stabilità ESP ed il sistema ABS con EBV (ripartitore elettronico della forza frenante). Omettiamo di parlare della visibilità e dell’abitabilità visto che ci troviamo di fronte ad una sportiva senza compromessi e chi desidera comfort e luce farà meglio ad indirizzarsi verso le Sport Utility.

ARTICOLI CORRELATI