Cadillac STS

Ecco l’erede della Seville

Cadillac STS. La nuovissima ammiraglia Cadillac STS è una delle stelle del Salone dell’Auto di New York 2004. Si tratta di una vettura molto importante per il marchio di lusso americano, perché nel corso del 2005 andrà a sostituire la gloriosa e popolare Seville.
In realtà, non si tratta di un progetto completamente nuovo perché la piattaforma sulla quale è stata sviluppata è la medesima utilizzata per la più “piccola” CTS e la Roadster SRX. Dimensioni relativamente contenute, quindi – poco meno di 5 metri di lunghezza -, ma che da un punto di vista europeo potrebbero perfettamente alle esigenze di chi è alla ricerca di una berlina di elevatissimo prestigio, leggasi Audi A8, Mercedes Classe S, BMW Serie 7 senza trascurare l’ultima e – secondo noi – più seducente Maserati Quattroporte.
Meno spigoli Il design riprende i nuovi canoni stilistici recentemente introdotti da CTS, anche se le linee spigolose e mascoline da “Batmobile” sono state rese più morbide, senza disdegnare qualche richiamo al “classico”, come nel caso della grossa calandra cromata.
Rispetto a CTS, quindi, i designers americani hanno cercato di rispettare i gusti del popolo Yankee, proprio come testimonia il taglio della coda e la forma dei gruppi ottici posteriori, che certamente non spiccano per personalità.
Cuori potenti Che sia una macchina studiata per il mercato americano, inoltre, lo testimoniano anche i due propulsori disponibili, entrambi a benzina: la motorizzazione di accesso è un V6 da 3,6 litri, in grado di erogare 255 CV e 342 Nm di coppia massima, mentre per chi è alla ricerca di qualche CV in più, i tecnici Cadillac hanno messo a punto un V8 da 4,6 litri, capace di 320 CV e 430 Nm di coppia.
“No” al cambio manuale Praticamente scontato il “no” al cambio manuale, visto che l’unico cambio disponibile sarà un automatico a cinque rapporti. Sempre in tema di trasmissione, segnaliamo che il più potente delle due unità motrici sarà fornita in abbinamento alla trazione integrale.
Interni lussuosi Gli interni sono pensati ed “arredati” per incontrare i gusti della clientela USA. Materiali di alto pregio, quali radica, pelle o alluminio definiscono un ambiente che guarda con attenzione verso le ultime tecnologie, quali il GPS, il lettore MP3 o il sistema DVD car-cinema.
Arriverà anche in Italia La realizzazione della vettura avverrà negli stabilimenti di Lansing, in Michigan, mentre le prime consegne non avverranno prima dell’estate 2004. Non solo USA per questa vettura nei piani Cadillac, ma anche Giappone, Russia, Sud Corea, Israele ed Italia a partire dal 2005.

ARTICOLI CORRELATI
RUOTE IN RETE