Chevrolet Malibu

L'ottava generazione pronta per la commercializzazione in circa 100 paesi di tutti i continenti dopo la presentazione al Salone di Los Angeles. Nel 2013 una versione ibrida chiamata Malibu Eco

Chevrolet Malibu  al Salone di  Los Angeles 2011
La nuova Chevrolet Malibu è uno dei pezzi forti della casa americana al Salone di Los Angeles 2011.
Dal 2012 la la vettura di Detroit sarà disponibile anche per il mercato europeo come nuova ammiraglia del marchio.
“La nuova Malibu si aggiunge alle altre sette novità lanciate nell’anno del centenario di Chevrolet” ha dichiarato Wayne Brannon, Presidente e Amministratore Delegato di Chevrolet Europe. “La Chevrolet Malibu è la nuova vettura al vertice della nostra gamma, e porta valore e caratteristiche di classe superiore nel segmento delle medie in Europa”. La costruzione della Chevrolet Malibu è prevista in vari stabilimenti nel mondo, dagli Stati Uniti alla Corea del Sud e la Cina.

Chevrolet Malibù ridisegnata con un aspetto atletico ed aerodinamico
Personalità decisa e forma atletica sono le caratteristica di una debuttante in un mercato competitivo come quello europeo. Le sue dimensioni (passo di 2.737 mm e carreggiata di 1.577 mm), insieme allo spoiler integrato, le donano un aspetto inconfondibile inoltre è una delle vetture più aerodinamiche nella gamma Chevrolet.
La Malibu incorpora le caratteristiche estetiche tipiche del marchio di Detroit, dalla griglia sdoppiata Chevrolet ai potenti gruppi ottici anteriori allo xenon o a scarica ad alta intensità (HID) e le nuove luci posteriori a due elementi con LED ispirate dalla Camaro.
Il grande logo Chevrolet con il cravattino viene riportato sia all’anteriore che al posteriore,

Abitacolo della Chevrolet Malibu
A bordo della nuova Malibu c’è uno spazio confortevole e di qualità per accogliere i passeggeri.
Le luci giocano sul contrasto tra gli inserti metallici o cromati e l’illuminazione soffusa del quadro strumenti. Per rendere gli interni più silenziosi e degni di una ammiraglia, sono stati utilizzati dei materiali fonoassorbenti.
Non mancano i portaoggetti, perfino dietro l’autoradio con display touch-screen da sette pollici: spostandosi in senso verticale cela uno spazio di circa 15 cm di profondità.
Previsti tutti i più moderni sistemi di infotainment: navigatore, sistema Bluetooth per connettere smartphone o lettori Mp3 per una guida priva di distrazioni e senza togliere le mani dal volante.

Motore della Chevrolet Malibu
L’ammiraglia europea di Chevrolet è alimentata da un motore diesel 4 cilindri da 2 litri che eroga 164 CV di potenza abbinato a scelta ad una trasmissione manuale o automatica.
Prima della sua presentazione, i tecnici di Detroit hanno testato la Malibu su strade di campagna, autostrade, provinciali e su circuiti e impianti di prova dell’azienda in tutto il mondo per garantire la stessa dinamicità e maneggevolezza di berline più costose.
Infatti, adotta una struttura rigida quanto le altre berline medie sul mercato mondiale, capace di garantire un assetto preciso e un controllo della dinamica del veicolo, rendendo la vettura maneggevole e piacevole da guidare.
Lo sterzo è stato sviluppato dai tecnici GM per garantire reazioni fluide e precise mentre il sistema di sospensioni anteriori con montante McPherson e sospensioni posteriori indipendenti multi-link si occupa della stabilità e di attutire le imperfezioni della strada.

I sistemi di sicurezza della Chevrolet Malibu
A disposizione della Chevrolet Malibu monta ABS a quattro canali, controllo della trazione, controllo elettronico della stabilità (ESC), distribuzione elettronica della frenata (EBD), sistema di assistenza alla frenata (BA), controllo della frenata in curva, assistenza idraulica alla dissolvenza e controllo della coppia motrice.
Di serie su tutti i mercati mondiali previsti 8 airbag (airbag guidatore e passeggero a doppio stadio, airbag guidatore e passeggero bacino/torace per la protezione dagli impatti laterali ed airbag montati sulle barre del tetto per la protezione antiribaltamento). Disponibili anche il sistema di assistenza al parcheggio posteriore e la videocamera posteriore.

ARTICOLI CORRELATI
RUOTE IN RETE