Citroen C6

Creatività transalpina contro classicità!

Citroen C6. In concomitanza del Salone di Parigi dello scorso ottobre, ci erano giunte in redazione le prime immagini (da telefonino digitale) della C6 rubate da qualche ospite indiscreto durante i primi showcar della futura ammiraglia e ci era sembrato poco “onesto” spararle in home page. Cosa invece fatta da molte riviste tedesche ed europee, ma ognuno sceglie la propria linea editoriale !
Ieri sera invece un collaboratore straniero ci ha recapitato le prime immagini definitive della ammiraglia Citroen e non potevamo certo privare i nostri lettori di questa primizia che presto tutti potranno ammirare.
Tra i valori del marchio Citroen l’anticonvenzionalità ricopre certamente un ruolo di rilievo, sia per le soluzioni tecniche assolutamente uniche sviluppate nel corso degli anni sia per le particolari scelte stilistiche che hanno dato vita a modelli destinati a essere ricordati da tutti gli appassionati. In un’epoca di massificazione e omogeneizzazione dell’offerta automobilistica, in Citroen hanno compreso l’importanza di questo valore e nel 2005 si preparano a commercializzare un’ammiraglia in grado distinguersi nettamente dalla concorrenza, riprendendo per altro alcuni tratti distintivi della storica CX degli anni Settanta.
Le linee della nuova vettura, già anticipate con la concept car C6 Lignage, si caratterizzano innanzi tutto per le proporzioni, dal momento che la futura C6 sarà una “due volumi e mezzo”, con un lungo cofano anteriore e il padiglione che si estende fin oltre il passaruota posteriore, con la porzione posteriore caratterizzata da una coda molto corta, anch’essa decisamente originale per effetto dell’accentuata bombatura che caratterizza il baule. Il frontale, invece, proporrà dei fari a sviluppo verticale e il fregio – già visto sulla C4 – ideato dai designer francesi per sottolineare il marchio della Casa.
L’abitabilità si annuncia particolarmente generosa, con il chiaro intento di offrire ai passeggeri un vero e proprio salotto viaggiante, mentre il comfort e la sicurezza beneficeranno di tutti i più recenti dispositivi messi a punto dal Gruppo PSA. Le ampie superfici vetrate, infine, contribuiranno a creare un ambiente luminoso e particolarmente accogliente.
Se la carrozzeria sarà assolutamente originale, i motori saranno condivisi con la cugina 607: tra i benzina dovrebbero quindi essere proposti un quattro cilindri di circa 2.0 litri da oltre 150 CV e un V6 3.0 da oltre 200 CV, mentre i fan del diesel potranno contare sul 2.2 Hdi da 133 CV, ma potrebbe arrivare anche il V6 2.7 turbo da 204 CV. Infine, come già la C4 anche sulla C6 dovrebbe essere disponibile il filtro antiparticolato FAP.

ARTICOLI CORRELATI