dr 3 e dr 5

Filosofia vincente e value for money

dr 3 e dr 5. Al Motor Show 2006, una delle novità più interessanti è lo stand dr. Le due vetture protagoniste del padiglione dedicato alla giovane azienda molisana, sono la dr 3 e la dr 5: sigle semplici che ben si adattano alla filosofia costruttiva di casa dr che di originale, sinceramente, mostra ben poco…
Viste da vicino dal Team di Infomotori.com le due versioni non sono affatto male, essendo una bella replica della Toyota Rav4 con qualche ricordo di Suzuki SX4 e di qualche altro mezzo di origine nipponica.
Onore comunque al coraggio ed alla realtà imprenditoriale sviluppata dal patron Massimo Di Risio che, sulla base di un’esperienza ventennale nella commercializzazione e distribuzione di automobili, si è lanciato nel mondo della produzione (o meglio dell’assemblaggio).
Secondo la cartella stampa della casa italiana, “la produzione dr, per filosofia economica e costruttiva, si rivolge ad un pubblico particolare ed emergente: automobilisti che vogliono spendere ben i loro soldi, acquistando un prodotto realizzato con canoni di economicità e sinergia senza rinunciare alla qualità ed al buongusto estetico”.
Confidiamo che i crash test di Euroncap confermino questa positività ed intraprendenza che meritano rispetto, come tutti coloro che investono del loro denaro, specie se nell’insidioso campo automobilistico che fa pagare davvero in maniera salata gli errori compiuti, premiando invece chi semina bene (Marchionne e Fiat Auto insegnano…).
Diesel d’autore
Le due vetture adottano componenti provenienti da varie aziende, primo fra tutte il motore 1.9 turbodiesel Mjet di origine Fiat. La potenza massima è di 120 cavalli tra 3.500 e 4.000 giri, mentre la coppia di 280 Nm si apprezza già da 2.000 giri.
La trazione viene demandata alle sole ruote anteriori, mentre il cambio è manuale a cinque marce.
Adeguateble prestazioni, con uno 0-100 in 12,4 secondi ed una velocità massima di 175 orari, grazie anche ad un peso (a secco) che non supera i 1.400 kg.
Non ci resta che attendere ulteriori info e magari aver l’opportunità di testarle!

ARTICOLI CORRELATI
RUOTE IN RETE