Honda nuova Jazz – Test Drive Report

Prime impressioni a bordo della nuova Honda Jazz. Disponibile in due versioni 1.2 e 1.4, potenza dai 90 ai 119 CV

Honda nuova Jazz – Test Drive Report. Erede di un modello di successo, con circa due milioni di esemplari prodotti, la nuova Honda Jazz fa tesoro delle qualità ereditate dalla progenitrice. Un nuovo stile ed una meccanica affinata sono le principali armi con le quali combattere la dura battaglia delle citycar: un segmento in forte espansione, ricco di competitors agguerriti ma altrettanto remunerativo vista l’elevata domanda. Le nostre città, ad esempio, somigliano sempre più alle metropoli statunitensi, dove il traffico è un’abitudine con la quale convivere ed il parcheggio un miraggio all’orizzonte. Logico quindi il successo delle cosiddette compatte, ormai elevatesi allo status di ammiraglie in miniatura e qualitativamente paragonabili a vetture di dimensioni più generose.

Cresce
Il trend ormai è quello, e Jazz non fa eccezione. La piccola di casa Honda cresce di 55 millimetri in lunghezza, raggiungendo quota 3 metri e 90.
A beneficiare delle accresciute dimensioni è la funzionalità, aiutata anche dalla carrozzeria monovolume. Lo spazio per spalle e ginocchia dei passeggeri posteriori è decisamente aumentato, mentre la revisione del serbatoio regala qualche centimetro in più per la testa.

I motori
Due motori a benzina disponibili: la versione 1,2 SOHC i-DSI di 90 CV a 600 giri a 114 Nm, e 1,4 i-DSI da 82 a 100 CV e da 119 a 127 Nm.
Calate ulteriormente le emissioni e i consumi.
Versione manuale a 5 rapporti o con cambio automatico sequenziale i-SHIFT, la versione 1,2 non prevede i comandi sequenziali al volante.

Sicurezza
La nuova Honda Jazzz è dotata di una scocca tecnologia di compatibilità avanzata (Advanced Compatibility Engineering), poggiatesta attivi, controllo elettronico in curva VSA (Vehicle Stability Assist). Airbag anteriori e laterali, a tendina su tutta la lunghezza, cinture di sicurezza con attacco a tre punti in tutti i sedili
Riviste le sospensioni, il corpo più rigido e alcune modifiche al volante aumentano la stabilità..

ARTICOLI CORRELATI