Opel Roadster

Si avvicina il debutto…

Opel Roadster. Troppo scomoda, troppo costosa, troppo estrema. Pur apprezzata dagli appassionati “duri e puri” e dalla stampa specializzata, la Speedster non ha mai riscosso il successo sperato dai vertici Opel. L’idea di sviluppare una piccola sportiva con il marchio tedesco sulla base della Lotus Elise era sulla carta vincente, ma il mercato non ha risposto alle attese. Ora la casa tedesca ci riprova, questa volta con una scoperta meno estrema e quindi appetibile a un pubblico più ampio.

La strategia rimane quella di puntare sulle sinergie per ammortizzare investimenti altrimenti troppo gravosi per un modello di nicchia: la nuova Opel Roadster, infatti, sarà in realtà una… Pontiac Solstice, una Chevrolet Nomand, una Saturn Curve o ancora una Holden Stargazer, a seconda delle strategie stabilite da GM per i diversi mercati nazionali.
Chi teme che il ricorso a simili sinergie possa penalizzare il prodotto, comunque, può stare tranquillo, perché la futura Roadster sarà certamente bella, con un frontale aggressivo e proporzioni armoniose, mentre la coda dovrebbe essere caratterizzata da una coppia di suggestivi cupolini dietro i poggiatesta.
Il corpo vettura sarà relativamente compatto, con una lunghezza entro i 4 metri e un’altezza di circa 1,3 m, a fronte di una larghezza di poco superiore ai 1.800 mm. Per quanto riguarda le motorizzazioni, la Roadster potrà contare su diversi livelli di potenza, da 155 a 240 CV, passando per i valori intermedi di 180 e 210 CV.
Infine, non è escluso che sulla base della Roadster sia realizzata anche una versione coupè, con le stesse caratteristiche tecniche e uno stile molto aggressivo. Il debutto della Roadster è previsto nel 2006.

ARTICOLI CORRELATI