Peugeot 607 Pescarolo

Sotto il vestito classico della 607 si celano 400cv del 6 cilindri sportivo. Un pepato connubio tra eleganza e sportività.

Peugeot 607 Pescarolo. Lo stile classico e di rappresentanza tipico della 607, concede spazio alla sportività. I ritocchi estetici non sono volutamente evidenti: il nuovo paraurti, che integra una generosa presa d’aria protetta da una griglia forata, i passaruota allargati di 25mm e l’assetto ribassato conferiscono a questa 607 un aspetto più “muscoloso”.
Le ruote in lega leggera da 19”, dal disegno costituito da numerose razze sottili, aumentano l’aggressività generale, che trova il suo culmine al posteriore: i tubi di scarico cromati, uniti esteticamente da un elemento metallico lucidato, sono elegantemente affogati nel paraurti. Di sicuro effetto scenico anche i gruppi ottici posteriori, dotati di vetri trasparenti color rubino.
Gli interni sono in sintonia con la raffinata dinamicità dell’esterno. Sono costruiti con pellami di color porpora scuro e prugna nella stessa tonalità, pensati in modo tale da ottenere un interessante gioco di colori. La plancia, rivestita anch’essa in pelle, incorpora un nuovo schermo LCD 16/9, mentre i pannelli centrali hanno una rifinitura metallica detta chrome Shadow. Agli appassionati farà certamente piacere sapere che sono made in Italy, essendo realizzati da Pelli Pasubio. La cosa che però stupisce di più della 607 Pescarolo sono i 400 CV sprigionati dal propulsore!
La base di partenza è il classico V6 3000cc, montato di serie su alcuni modelli della casa, opportunamente rielaborato prendendo libera ispirazione dal V6 montato sulla C60 Pescarolo Sport per la 24 ore di Le Mans… Per rendere la guida ancora più piacevole e sportiva non poteva certo mancare un cambio semiautomatico a comando sequenziale.
I tecnici francesi hanno ovviamente puntato le loro attenzioni anche sull’impianto frenante: i quattro dischi ventilati di 345mm di diametro, abbinati alle pinze Brembo a quattro pistoncini, assicurano grande divertimento in staccata e spazi di arresto molto ridotti.

Tag:,
ARTICOLI CORRELATI