Toyota ES3

47 km con un litro di gasolio, CX pari a 0.23, 700 kg e design piacevole sono i punti di forza di questo prototipo spinto da un 1400 TD ad iniezione diretta con cambio CVT.

Toyota ES3 (E-S cubic). La ES3 è una concept-car a quattro posti che adotta tecnologie tendenti ad assicurare un elevato grado di riciclabilità e basse emissioni, consentendo anche un consumo estremamente ridotto: 47 km con un litro di gasolio. Il suo nome vuole sottolineare, con l’esponente al cubo, l’approccio tridimensionale allo spirito ecologico “Eco Spirit”.
Tecnologie all’avanguardia per ottenere consumi ultraridotti. Il telaio in alluminio e resina permette infatti di ridurre il peso al di sotto dei 700 kg, mentre il basso coefficiente aerodinamico (CX 0,23) riduce la resistenza all’avanzamento. Il risparmio di carburante è incrementato abbinando inoltre un motore turbodiesel di 1,4 litri ad iniezione diretta con un cambio CVT a variazione continua del rapporto. Oltre a quelle implementate nel propulsore e nella trasmissione, altre due importanti tecnologie ibride,”idling stop” ed i freni con sistema di rigenerazione d’energia, contribuiscono a ridurre gli sprechi. Con il sistema “idling stop” il motore viene infatti automaticamente spento quando il veicolo si ferma. I freni con sistema di rigenerazione vengono utilizzati per recuperare l’energia dispersa durante la decelerazione.
Rispettosa dell’ambiente grazie ad emissioni più pulite e materiali riciclabili. Il sistema di riduzione del particolato e dei Nox, DPNR (Diesel Particulate-Nox Reduction), di proprietà Toyota, basato su una innovativa tecnologia di conversione catalitica, applicato al motore diesel dell’ES3 assicura altresì un livello di emissioni pari al J-LEV (Japan-Low Emission Vehicle) previsto in Giappone per i veicoli a benzina. Il grado di riciclabilità dei materiali è ottenuto con l’utilizzo del polimero superolefinico sviluppato da Toyota, ulteriormente migliorato e caratterizzato da elevate proprietà di riciclaggio. Un contributo è dato anche dalle plastiche biodegradabili derivate da fibre naturali ed altri materiali e processi d’avanguardia, che consentono un elevato tasso di riutilizzo dei componenti.
Il design: aerodinamica all’esterno e futuristica all’interno. Le caratteristiche aerodinamiche della carrozzeria danno all’estetica un tocco di sportività segnalando il tetto che fluisce verso la parte posteriore, i pannelli laterali posteriori rastremati intorno al posteriore e il sottoscocca liscio. Gli interni sono di ispirazione futuristica, dove il cruscotto ha i rinforzi in alluminio, il pannello centrale è traslucido ed un nuovo sistema di interruttori raggruppa i comandi a portata di mano.

ARTICOLI CORRELATI