Toyota RSC

Il progetto di coupé sportivo “ruvido” che si ispira ai bolidi del Mondiale Rally.

Toyota RSC rappresenta un virtuosismo stilistico destinato ad aprire nuovi orizzonti per le future vetture sportive. Il progetto RSC – letteralmente Rugged Sports Coupè, ovvero coupè sportivo “ruvido” – nasce sulla base delle vetture impiegate nel Campionato Mondiale Rally e si caratterizza per un design particolarmente aggressivo. Le vetture da corsa tradizionali sono state influenzate dai modelli prestazionali di serie, l’RSC invece deriva dalle vetture che corrono nel Campionato Mondiale Rally. La RSC è una 2+2, a trazione integrale, caratterizzata da una forma sportiva, che propone numerosi concetti innovativi. Le linee della carrozzeria evidenziano gli archi ruota e gli altri elementi meccanici per sottolineare la capacità di percorrere le strade più impervie. La linea è stata così disegnata per sottolineare l’impiego di materiali e componenti robusti. L’interno ha un taglio semplice e pratico, senza ricorrere alla tipica caratterizzazione delle vetture da corsa. È il posto di guida che riprende l’atmosfera della vettura da rally, trasmettendo la sensazione che RSC è una vettura progettata in funzione delle prestazioni e di un’eccezionale comportamento su strada piuttosto che per il comfort più soft. La strumentazione dà l’impressione che non si tratti di una vettura costruita in grande serie, ma piuttosto l’opera di un preparatore di macchine da corsa. Da segnalare anche l’ampia fascia in metallo sul contagiri. La leva di selezione del cambio sequenziale è montata in posizione elevata ed ha una forma simile a quella delle vetture da rally. L’immagine “rallistica” è ulteriormente rinforzata dal monitor del sistema satellitare GPS, e dai sedili da corsa in fibra di carbonio

ARTICOLI CORRELATI