Ultimissime: Citroen C-Cactus Concept

Elemento piuttosto interessante è che C-Cactus è composta in buona parte da materiali riciclati o riciclabili e, come la specie vegetale da cui trae il nome, consuma poco. Tra i vari obiettivi che i tecnici Citroen si sono posti in questo progetto troviamo una marcata semplificazione di alcuni meccanismi o componenti, il raggruppamento di più […]

Elemento piuttosto interessante è che C-Cactus è composta in buona parte da materiali riciclati o riciclabili e, come la specie vegetale da cui trae il nome, consuma poco. Tra i vari obiettivi che i tecnici Citroen si sono posti in questo progetto troviamo una marcata semplificazione di alcuni meccanismi o componenti, il raggruppamento di più funzioni in un unico componente e l’eliminazione di tutti i componenti non essenziali al funzionamento del veicolo o al benessere e
alla sicurezza degli occupanti, tutto ciò per rendere il veicolo più intelligente sotto svariati punti di vista. Un esempio di questo peculiare concept semplificativo: il cruscotto è stato eliminato e l’insieme delle funzioni che offre normalmente sono state riunite sulla console centrale e sul mozzo fisso del volante. Un altro esempio: il pezzo utilizzato per il paraurti anteriore che include i fari e gli chevron è uguale a quello che compone la parte inferiore del portellone. Questa scelta, oltre a potenziare il design affermato di C-Cactus, consente economie di scala nella produzione di questo elemento.

Alimentazione ibrida
Grazie all’alimentazione ibrida HDi e al peso contenuto di 1.306 kg, segna consumi di 3,4 l/100 km e un livello di emissioni di CO2 di 78 g/km. Inoltre, C-Cactus ha un prezzo abbordabile, infatti non costa di più di una berlina familiare di gamma intermedia.
Il prototipo è stato autolimitato a 150 km/h, una scelta in linea con il concetto di mobilità eco-compatibile, ma anche, a nostro avviso, con quello di mobilità responsabile.

ARTICOLI CORRELATI