Volkswagen Touareg TDI V10: Test Drive

Accoglienza di classe Chi venisse da un’Audi o una delle ultime VW, sarà felice di poter respirare una certa aria di casa. Lo stile, infatti, è decisamente tradizionale ma sa essere allo stesso tempo moderno ed elegante, offrendo abbondanza di materiali pregiati, come la pelle e la radica. Il confort a bordo è molto elevato, […]

Accoglienza di classe
Chi venisse da un’Audi o una delle ultime VW, sarà felice di poter respirare una certa aria di casa.
Lo stile, infatti, è decisamente tradizionale ma sa essere allo stesso tempo moderno ed elegante, offrendo abbondanza di materiali pregiati, come la pelle e la radica.
Il confort a bordo è molto elevato, perché l’abitacolo riesce a mettere a proprio agio tutti gli occupanti, grazie agli ampi spazi disponibili, alla luminosità offerta dalle ampie superfici vetrate e tutte le migliori attenzioni funzionali che si possono pretendere da una ammiraglia di alto livello.
Molto gradevole il design della plancia, al centro della quale troviamo le bocchette d’areazione e, spostandoci verso il basso, i futuristici comandi del computer di bordo, che implementa anche le funzioni di navigatore satellitare, di bussola, di altimetro e, proprio come nelle jeep più specializzate, l’inclinometro.
Per gli amanti della musica segnaliamo l’eccellente impianto stereo, capace di ben 300 watts… esagerata in tutto!
Su “strada”: in pista ad Adria !
Per provarla abbiamo scelto il terreno “limite” per questa SUV GT:il circuito di Adria (Rovigo) dove Marangoni ci ha invitato a provare la sua ultimissima novità: il pneumatico MAXO’ 4×4.
Sul breve quanto nervoso tracciato rodigino (dove sono scese in campo anche le berlinette del DTM tedesco), la “Passattona” ha mostrato di aver un gran temperamento sebbene i rettifili non fossero adeguati alla sua esuberanza ed il cambio automatico non gradisse tutti questi cambi di traiettoria improvvisa che però sono stati tollerati sia dallo sterzo (efficace) che dai pneumatici che si sono fatti allegramente torturare dimostrando che Marangoni non scherza neppure sui prodotti “estremi”.
Freni super, comfort assoluto e tecnologia che ci spingeva a tagliare tutte le curve per farle assaporare un po’ di sterrato, rischiando le ire dei poveri commissari che non avevano ancora visto scendere in pista degli Sport Utility.
Complessivamente, la Tuareg ha superato la prova pista benché ci sembri che in tale vettura l’esagerazione superi la ragione! Il mercato sembra dare ragione ai progettisti tanto che i tempi di consegna si stanno allungando a dismisura grazie al fatto di essere la vettura più alla moda del momento, tanto da aver offuscato persino la stessa “cugina” Cayenne. Tutto sta a vedere per quanto durerà questa “bolla”: dopo la new economy la follia si è forse spostata sui SUV, ma l’importante è che i possessori siano contenti e che i passeggeri continuino ad allacciarsi le cinture! Buon decollo.

ARTICOLI CORRELATI