Oltre 10.000 auto elettriche circolano in Italia

Nel 2017 circolavano 7.650 vetture elettriche in Italia e vi erano 14 province con più di 100 vetture. Nei primi 8 mesi del 2017 ne sono state già vendute 4167 portando quindi il totale sopra la simbolica cifra di 10.000 elettriche che sono ancora poche ma destinate a crescere molto più velocemente di quaanto qualcuno si attenda.

L’elettrico è il presente per 10.000 pionieri fra cui Infomotori. Se l’Italia unita è stata fatta da 1.000 garibaldini, allora la nuova mobilità può partire da 10.000 pionieri elettrici che oggi circolano con auto ad emissioni zero. Nel 2017 circolavano infatti 7.650 vetture elettriche in Italia (fra cui la nostra!) e vi erano 14 province con più di 100 vetture. Nei primi 8 mesi del 2017 ne sono state già immatricolate 4.167 portando quindi il totale sopra la simbolica cifra di 10.000 elettriche.

Certo si tratta di una goccia in mezzo al mare in mezzo a milioni di vetture a benzina, Diesel, metano e GPL, ma i tassi di crescita fanno ben sperare considerando che in pochi mesi si è passati dallo 0,1% all’attuale 0,4% con una previsione di chiudere il 2019 sull’1% per cercare poi nel 2025 di soddisfare gli ordini della Comunità Europea di arrivare al 20% dell’immatricolato (se le Case non lo faranno partiranno multe miliardarie ed unica deroga per raggiungere le emissioni richieste sarà di vendere ibride plug in che però sarebbero un mero palliativo in vista del 2030).

Quali sono le province più elettriche?
Per i leasing Roma, Trento , Milano e Firenze per i privati Bolzano, Torino ed il lombardo veneto emiliano. Il Centro Studi Continental su base dei dati ACI ha stilato una classifica che conferma il pesante ruolo dei leasing (simile ai motori tradizionali) con città come Roma, Trento, Milano e Firenze che svettano grazie alle immatricolazioni di vetture che poi circolano altrove (come la nostra immatricolata da un leasing di Milano ma che circola a Vicenza!).

Sicuramente l’Alto Adige è la regione più green ed elettrica d’Italia spinta dalla vicina Germania, da una multiutility come Alperia molto avanti, da tante colonnine e pure agevolazioni a base di euro per acquistare una vettura elettrica! 823 vetture a Trento più 546 di Bolzano si un totale di 7.560 (dati fino al 2017) fanno una bella fetta considerato anche il numero di abitanti e di vetture circolanti tanto che se il modello altotesino fosse replicato a livello nazionale avremmo già su strada da 50 a 100.000 vetture.

Dietro all’alto Adige ed alle maggiori città italiane come Roma (dove le auto elettriche in circolazione sono 1.014), Trento (823), Milano (811), Bolzano (546), Firenze (528), Torino (290) troviamo la dinamica provincia del lombardo veneto emiliano e più precisamente Brescia (186), Bologna (168), Reggio Emilia (144), Vicenza (141), Treviso (133), Bergamo e Padova (119) ed infine Verona (118).

Le vetture elettriche seguono il PIL
Le auto elettriche quindi seguono quindi le province con il maggior peso del Prodotto Interno Lordo e purtroppo da questa classifica non ntroviamo nessuna provincia sotto Roma pur essendo la Sicilia una città in cui l’energia è completamente rinnovabile e turisticamente oltre che geograficamente si presterebbe perfettamente ad una mobilità elettrica come la Sardegna per non parlare della Puglia. Le più vendute fra le 10.000 circolanti: Nissan Leaf al comando seguita da Renault Zoe e Smart con quasi mille Tesla.

Una classifica precisa ve la possiamo dare degli ultimi mesi che da soli valgono più del 40% dell’attuale parco circolante. Al primo posto come in tutto il mondo troviamo la Nissan Leaf (eletta da Infomotori Auto Piu’ Bella del Web 2018) seguita dalla coppia Renault Zoe e Smart oggi disponibile sia in versione due e quattroporte con la ForTwo e la Forfour. Nei primi 8 mesi troviamo poi le Tesla Model S e Model X che dalloro lancio sono ormai arrivate al migliaio (nel 2019 con la Model 3 i numeri saranno ben superiori) seguite poi da BMW, Citroen, Jaguar e le ultime Hyundai e Kia.

Il dado è tratto o forse sarebbe meglio dire che la spina è stata attaccata alla colonnina e speriamo che siano sempre più numerose e soprattutto della giusta potenza per caricare sempre più velocemente. E voi non volete provare la “scossa elettrica”?

Se volete anche votare la vostra auto elettrica preferita, vi ricordiamo che potete farlo nell’ambito del nostro concorso Infomotori Web Awards, che mette in palio bellissimi premi. Qui trovate il link diretto.

ARTICOLI CORRELATI