bmw moto – F 650 scarver

Oggi arriva la 650 CS Scarver, completamente nuova, che si distingue per il suo notevole comfort, la sua indole verso il turismo e la facilità di trasportare anche un secondo passeggero.

BMW F 650 Scarver. Con la F 650 GS, BMW lanciava nella primavera del 2000 il primo modello della nuova Serie F. Oggi arriva la 650 CS Scarver, completamente nuova, che si distingue per il suo notevole comfort, la sua indole verso il turismo e la facilità di trasportare anche un secondo passeggero. Forte della sua maneggevolezza su strada e la sua attitudine ad un leggero impiego fuori strada, la 650 CS è la prima monocilindrica al mondo ad essere dotata di elettronica digitale per la

gestione del motore e di un catalizzatore regolato. Oltre a ciò può essere richiesta – come tutte le motociclette BMW – con ABS. A settembre, BMW presenta all’IAA (il Salone Internazionale dell’Automobile) di Francoforte e al Salone di Milano il secondo modello della rinnovata Serie di monocilindriche – la nuova F 650 CS. Con la F 650 CS è nata una motocicletta completamente ridisegnata che, sia nel design sia nel contenuto, si presenta come una straordinaria novità in questa classe.

Il Design “Scarver”

Già il suo aspetto estetico – scattante, provocante e libero – segnala il suo carattere assolutamente indipendente e la sua forte personalità: Scarver ovvero la nascita dello “Street Carving”. Come gli sci carving consentono al principiante di sperimentare rapidamente una discesa facile e gratificante e al professionista di esprimere al meglio la propria abilità, così è per la nuova F650 CS Scarver. Una moto facile e divertente per chi si avvicina al mondo delle due ruote oppure una “divoratrice di curve” per chi cerca una moto leggera, agile e potente per divertirsi sui percorsi tutto-curve. Il regno della F 650 CS è quindi la strada; come «city-bike» la si può usare per andare in centro, recarsi al lavoro, all’università o per andare a passeggio. Il nuovo vano portaoggetti “Stuff bay” nella carena centrale offre molte possibilità per riporre oggetti d’uso giornaliero. Grazie alla sella alta solo 780 mm – a richiesta addirittura 750 mm – è adatta a motociclisti di qualsiasi statura. Data la sua eccezionale maneggevolezza ed il suo motore brillante, elastico e contenuto nei consumi, sulle strade extraurbane la F 650 CS dimostra di avere qualità sportive. Gran merito di tutto ciò va attribuito al motore. Come tutte le motociclette BMW, anche la F 650 CS dispone di un’elettronica digitale per la gestione del motore e di un catalizzatore regolato.

Il motore

Il propulsore a quattro valvole raffreddato a liquido, si distingue per un funzionamento brillante, uno sviluppo equilibrato della potenza, un funzionamento silenzioso e rotondo. Grazie alle modifiche alla scatola filtro aria ed al nuovo impianto di scarico, le prestazioni sono leggermente cambiate. La potenza massima di 37 kW (50 CV) viene ora raggiunta a 6.800 giri/min (F 650 GS a 6.500 giri/min), la coppia massima salita da 60 Nm a 62 Nm viene raggiunta a 5.500 giri/min (5.000 giri/min).Fra 3.500 e 7.000 giri/min sono costantemente disponibili più di 50 Nm. La F 650 CS è anche disponibile in versione depotenziata a 25 kW (34 CV), conformemente alla regolamentazione delle categorie di patente. Per poter realizzare un vano portaoggetti integrato davanti al pilota, occorreva creare lo spazio. A tale scopo è stata adottata una soluzione che era già stata messa in pratica con il modello F 650 della prima generazione – l’utilizzo del telaio come serbatoio dell’olio motore. Le due travi superiori del telaio sono collegate fra loro e accolgono 2,5 litri di olio motore. L’impianto di scarico è stato interamente ridisegnato ed è uno degli elementi di maggior impatto visivo. Nel silenziatore in acciaio inossidabile, lucidato a specchio, è stato incorporato il catalizzatore regolato a tre vie e la sonda lambda. È stato così possibile eliminare il presilenziatore e creare la linea che va dal collettore di scarico al silenziatore senza soluzione di continuità.

Novità mondiale in campo motociclistico: monobraccio oscillante con trasmissione a cinghia dentata.

Alla prima occhiata, sul lato destro si notano subito due importanti innovazioni della F 650 CS – il monobraccio oscillante e la trasmissione a cinghia dentata – un accoppiamento mai incontrato finora nel mondo motociclistico. Debuttando con la trasmissione a cinghia dentata, BMW apre un nuovo capitolo nel campo della trasmissione adottata nei suoi 78 anni di storia motociclistica. Per 70 anni, e cioè dal 1923 al 1993, tutte le motociclette BMW montavano esclusivamente la trasmissione cardanica tanto caratteristica per la marca bavarese, scelta fino ad oggi per tutti i modelli BMW a due e a quattro cilindri. Con il lancio del nuovo modello monocilindrico F 650 nell’autunno del 1993, è stata utilizzata per la prima volta una catena, che si ritrova nella F 650 GS, il modello successore lanciato nella primavera del 2000.

Trasmissione a cinghia dentata: silenziosa, pulita, di facile manutenzione e durevole.

Per motociclette come la F 650 CS destinata all’esclusivo impiego stradale, la trasmissione a cinghia dentata rappresenta un’eccellente alternativa. La cinghia dentata scorre silenziosamente, non richiede lubrificazione, per cui è pulita e di facile manutenzione ed ha una durata almeno doppia rispetto alla catena. La cinghia dentata della F 650 CS è larga 26 mm, ha un passo speciale (11 mm) e un profilo particolare. Il relativo ingranaggio sulla ruota posteriore è un componente di precisione in lamiera di acciaio inossidabile stampata a freddo; il corrispondente ingranaggio all’uscita del cambio è in metallo sinterizzato di elevata resistenza.

Il monobraccio oscillante continua la tradizione BMW nell’innovazione delle sospensioni.
Con il monobraccio oscillante della F 650 CS BMW continua la propria tradizione nel campo delle sospensioni. Il monobraccio oscillante alla ruota posteriore (Monolever BMW), è stato adottato nel 1980 con la R 80 G/S. Nel 1987 seguiva poi con la R 100 GS il monobraccio oscillante a doppio snodo, il Paralever BMW, che successivamente veniva adottato su tutti i modelli della Serie K e R (eccetto per la R 1200 C dotata di Monolever). Nel 1993 seguì il Telelever BMW sulla R 1100 RS. Questa sospensione, unica nel suo genere, si incontra oggi su tutti i modelli K e R. Con la sua resistenza alla torsione, l’elegante monobraccio oscillante in alluminio della F 650 CS, unico in questo segmento di mercato, contribuisce notevolmente alla stabilità della ciclistica e quindi anche al comportamento agile e preciso alla guida. Come nella F 650 GS, viene montata un’unità ammortizzante centrale con cinematismo di rinvio che assicura un’efficace progressione. Impostazione della progressione e taratura dell’unità ammortizzante (escursione 120 mm), sono state scelte in modo da rendere superflua una regolazione di questa unità. La spina dorsale della F 650 CS Come nella F 650 GS, stiamo parlando del telaio a doppia trave in profilato d’acciaio rettangolare. Dovendo anche fungere da contenitore per l’olio motore, il profilato ha una sezione maggiore, contribuendo così ad un aumento della rigidità. Le griglie lungo i profili laterali non sono un elemento puramente decorativo, ma proteggono le gambe del pilota dal calore emanato dall’olio motore. Come nella F 650 GS, la ruota anteriore viene guidata tramite una forcella telescopica, che si differenzia unicamente per un’escursione di soli 125 mm e per una taratura specifica per l’uso su strada. Eleganti ruote in fusione di alluminio. Completamente nuove sono anche le eleganti ruote di 17 pollici in alluminio fuso a tre razze, verniciate in colore argento. La ruota posteriore spicca per la forma inarcata dal mozzo al cerchio, dovuta alla disposizione sul lato destro del disco freno e dell’ingranaggio per la cinghia dentata. Il sistema frenante Come la F 650 GS anche la F 650 CS monta anteriormente un freno monodisco (diametro 300 mm) con pinza flottante a due pistoncini e pastiglie in metallo sinterizzato. Anche la ruota posteriore viene decelerata da un freno monodisco (diametro 240 mm) ma con pinza flottante a pistoncino singolo. ABS a richiesta – come per tutte le motociclette BMW. Naturalmente, anche per la F 650 CS è disponibile come optional un ABS appositamente studiato per le monocilindriche BMW, che ha incontrato grande successo presso la clientela: nel mondo oltre il 55 per cento degli acquirenti della F 650 GS ha richiesto finora questo elemento di sicurezza, che BMW – unica Casa motociclistica al mondo – offre per l’intera gamma dei propri modelli. Personalizzazione nella scelta dei colori per carrozzeria, sella e fianchetti. La F 650 CS viene offerta in tre colori: azurblu, goldorange e blu beluga. Per questi si possono scegliere selle nei colori blu scuro o sepia, oltre che fianchetti intercambiabili alla carena laterale, in bianco alluminio o in goldorange, disponendo così di molteplici (12) possibilità di personalizzazione. Nuovo doppio proiettore con riflettore ellissoidale. Nella vista frontale la F 650 CS, con il vetro del cupolino in colore grigio-azzurro, i supporti traslucidi ed il doppio proiettore, mostra un volto completamente nuovo. L’anabbagliante ha un riflettore ellissoidale e fornisce un fascio di luce chiara, l’abbagliante con riflettore a forma libera illumina una larga fascia del piano stradale. Al centro sotto i due proiettori vi è una piccola luce di posizione. Nel cockpit si trova la strumentazione combinata, derivata dalla F 650 GS. Tachimetro e contagiri hanno una grafica nuova, che richiama i più moderni orologi, e sottolinea l’aspetto complessivo della motocicletta. Il manubrio verniciato in argento ha una larghezza di 745 mm, i retrovisori e i comandi sul manubrio sono quelli della F 650 GS. Anche nella F 650 CS il serbatoio del carburante con un volume di 15 litri si trova sotto la sella nel triangolo del telaio, a tutto vantaggio di un baricentro basso e di un’ottima maneggevolezza; il bocchettone per il rifornimento si trova sul lato destro della sella in posizione comodamente accessibile. La F 650 CS è disponibile con sella di due diverse altezze: 780 mm (di serie) o 750 mm (optional). Il portapacchi traslucido (carico massimo ammesso 5 kg) viene supportato da due robusti appigli per il passeggero. Carena centrale con vano portaoggetti di nuova concezione. La parte esteticamente predominante della F 650 CS è la carena centrale, che sostituisce il serbatoio del carburante. Lo spazio divenuto così disponibile è stato utilizzato per realizzare un vano portaoggetti di nuova concezione. Lo stesso – una cavità dalla forma regolare – è dotato su entrambi i lati di maniglie in materiale traslucido e può essere utilizzato per vari scopi.

ARTICOLI CORRELATI
RUOTE IN RETE