Ducati Hypermotard

100 cavalli desmodromici per una motard estrema

Ducati Hypermotard. L’ascesa delle enduro gommate stradali, meglio note come supermotard, sembra non conoscere fine. Tanto che la concept bike presentata da Ducati all’EICMA di Milano interpreta, per la prima volta nella sua storia, questo nuovo segmento con lo stile e l’originalità tipica del marchio bolognese. Dagli storici capisaldi di compattezza e potenza scaturisce Ducati Hypermotard, la fusione tra un telaio leggero e “svelto” ed un motore bicilindrico raffreddato ad aria che offre valori di potenza impensabili per un mono pur mantenendo una sezione frontale snella grazie alla sua architettura.
1000cc Dual Spark Quando si parla di una Ducati non si può che partire dal motore, il bicilindrico più famoso al mondo, quello che si distingue ad orecchio per il suo rombo inimitabile. In questo caso si tratta della versione da 1000cc raffreddata ad aria con distribuzione desmodromica e doppia accensione Dual Spark. I suoi 100 cavalli si fanno apprezzare su tracciati differenti grazie ad una curva di erogazione piuttosto lineare mentre la ruota posteriore, nelle scalate più violente, ringrazia la frizione con sistema antisaltellamento che evita fastidiosi bloccaggi quando si seleziona un rapporto basso con troppa irruenza.
Le prestazioni si preannunciano a dir poco esplosive, con 175 Kg ed una potenza da sportiva la concept Ducati supera i 220 Km/h in pista mentre su percorsi guidati ha tutte le carte in regola per staccare rivali ben più potenti.
Componentistica al top La rigida geometria del telaio in traliccio si abbina sapientemente alla forcella anteriore Marzocchi R.A.C. con steli da 50 mm mentre al posteriore troviamo un ammortizzatore Ohlins che agisce su di un forcellone monobraccio. I cerchi Marchesini sono leggerissimi oltre che molto valorizzanti dal punto di vista estetico ed il quadro tecnico della Hypermotard si completa con l’impianto frenante griffato Brembo, composto da pinze radiali a quattro pistoncini che mordono un disco anteriore da 320mm ed uno posteriore da 240mm.
Già apprezzata Prima ancora dell’ufficializzazione la concept Ducati Hypermotard ha conquistato un importante riconoscimento: è stata infatti premiata come moto più bella tra quelle esposte al Salone EICMA 2005. I presupposti per ben figurare sul mercato ci sono tutti, del resto la presentazione ufficiale sembra questione di tempo. Dalle prime indiscrezioni il debutto dovrebbe avvenire nel corso del 2006 mentre il listino si preannuncia prossimo ai 12.000 euro.

The Ducati Hypermotard – a radical concept bike – takes power, aggressiveness, versatility, and sport performance to a new extreme. Taking advantage of the compactness and agility of a traditional supermotard, Ducati has upped the ante with potent street power thanks to a new air-cooled twin engine. The front of the bike is as slim and compact as a single cylinder, in part thanks to the engine layout, but also due to the absence of weighty cooling radiators.
The Ducati Hypermotard takes-on urban canyons and attacks mountain curves with total abandon. High performance starts with attitude. Pared down to its essentials, the Ducati Hypermotard is an extreme performance, over-the-top motorcycle. Its purpose is single minded – to thrill. Incredibly slim, compact and exceptionally light, with riding position to dominate, it’s ready to rock every road with big-bore acceleration. Supermotard styling makes the blood boil. This bike offers what no Supermotard can: speeds exceeding 220KPH on the race track, fuel injection and 100 horsepower on only 175 kg of dry weight. The Ducati Hypermotard – the most extreme mountain conquering, urban assaulting machine ever from Ducati.
On the Road Bring on the curves, the bumps, the unexpected A rigidly triangulated tubing Trellis frame and track tested chassis geometry is matched with state-of-the-art suspension. Start off with the road-holding of huge 50mm Marzocchi R.A.C. forks, gripped by a triple screw lower fork crown, then add an Ohlins remote reservoir shock that mounts to a stout single-sided swingarm. Ultra light forged and machined Marchesini racing wheels are paired with a single radial mounted Brembo four piston, four pad calliper gripping a 320mm disc up front and a 240mm disc at the rear.
Making power 1000cc’s of DESMO power The 1000 Dual Spark engine pumps out torque and horsepower that is smooth and linear, because the roads that the Ducati Hypermotard seeks are neither smooth nor linear. A Slipper type racing clutch makes aggressive downshifting and heavy braking more exciting and by damping the abrupt engagement of lower gears while entering a turn. Magnesium engine covers subtract more weight for a feathery feel and athletic manoeuvres.
Pilot controls A ride on the Ducati Hypermotard is road domination. The wide tapered section handlebars transfer control of the tarmac to the rider. A wide full length seat design lets the pilot move fore and aft, up-front entering the turns, back for maximum traction on exit. Ducati Hypermotard – two wheels, one purpose – to thrill.

Tag:,
ARTICOLI CORRELATI
RUOTE IN RETE