Gilera Nexus 500: Test Drive

Punta Ala – Emozioni da moto...

Ruote anteriore da 15” La ruota anteriore adotta uno sportivissimo cerchio in lega di alluminio a cinque razze da 15 pollici, con pneumatico 120/70. Il pneumatico posteriore, montato su un cerchio di identica fattura, ma da 14 pollici, è un possente 160/60, una misura che, se non fosse per il diametro del cerchio, sarebbe idonea a scaricare a terra la potenza del V90 di una Ducati Monster 620…
I pneumatici scelti da Gilera per il primo equipaggiamento di Nexus sono del tipo radiale. Una scelta chiaramente volta al miglior risultato in termini di precisione di guida, direzionalità e comfort, unitamente a un incremento della durata rispetto a gomme tradizionali a tele incrociate.
3 dischi per un impianto potente e sicuro L’impianto frenante, sviluppato per Nexus, si pone ai vertici della categoria maxi-scooter, non solo per potenza massima ma anche per facilità di utilizzo e resistenza allo sforzo.
Grazie all’azione del sistema di frenata integrale, la leva sinistra comanda contemporaneamente il disco anteriore destro e il disco posteriore. La leva destra comanda la frenata sul disco anteriore sinistro per una pinzata ancor più potente, coadiuvata in questo dal diametro maggiorato del doppio pistoncino.
Infatti, mentre la pinza flottante Brembo posizionata sul disco destro monta due pistoncini da 26 mm, quella sinistra eleva il diametro a 28 mm. Entrambe agiscono su dischi da 260 mm di diametro e 5 mm di spessore. Al posteriore la pinza Brembo a pistoncini contrapposti da 34 mm agisce su un disco da 240 mm.
Comodo e versatile Sotto la seduta è ricavato il vano portaoggetti capace di contenere un casco integrale e completo di luce di cortesia e presa elettrica per la ricarica del cellulare. L’apertura sella, oltre che dal pulsante elettrico nel controscudo, può essere azionata dall’innovativo telecomando integrato nella chiave di accensione.
La strumentazione, illuminata in “rosso Gilera” associa a un design ispirato allo sport, una straordinaria completezza. Accanto a tachimetro e contagiri analogici, il display elettronico fornisce dati su livello carburante, temperatura del liquido di raffreddamento, tensione batteria, consumo medio e istantaneo, autonomia, chilometraggio totale e parziale e sulle velocità media e massima raggiunte. Visualizza al pilota ora e data e segnala gli interventi programmati di manutenzione.
Il selettore che comanda le funzioni del computer di bordo è posto sulla manopola destra e consente quindi di passare da una funzione all’altra senza mai staccare la mano dal manubrio. Gilera Nexus è dotato di serie del dispositivo di sicurezza Immobilizer che impedisce l’avviamento con una chiave (anche se meccanicamente valida) non riconosciuta elettronicamente dalla centralina di controllo motore.
Prezzi e colori Gilera Nexus è disponibile presso tutte le concessionarie a partire dall’interessantissimo prezzo di 6.395 euro. Le tinte disponibili sono quattro: alla tinta pastello Rosso Dragon, si affiancano i metallizzati Giallo Light Speed, Cenere Opaco e Grigio.
In questa prova: Giacca Spidi R-Series H2OUT Casco FM Tour Mate

Gilera Nexus 500: Test Drive. Punta Ala – Emozioni da moto. Sembra quasi uno slogan propagandistico, in realtà bastano pochi metri per capire come i tecnici Gilera siano riusciti nell’impresa di rendere la guida di un maxi-scooter quanto più simile a quella di una moto con la “M” maiuscola.
A dir la verita, sensazioni simili si possono provare anche in sella al diretto rivale Yamaha T-Max M.Y.‘03, ma rispetto al maxi dei “tre diapason”, questo super-Gilera sembra avere la carta della gioventù a suo favore, che si traduce in design decisamente più aggressivo e moderno, un propulsore complessivamente più potente e vigoroso, ed un reparto ciclistico che sembra garantire maggior precisione e stabilità, anche nelle condizioni limite.
La sensazione di sicurezza è garantita anche dalla potenza e dalla modulabilità di un impianto frenante, di tipo “integrale”, davvero infaticabile e da una posizione di guida confortevole e naturale, molto simile a quanto proposto da alcune moto di tipo stradale.
Ma vediamo più da vicino le caratteristiche di questo nuovo scooter, perché sotto ad un design estremamente aggressivo e piacevole si celano novità e soluzioni tecniche molto importanti.
40 CV! Il propulsore che spinge Nexus è il noto monocilindrico di 460 cc, quattro valvole per cilindro, iniezione elettronica, conosciuto con il nome di Master 500. Oltre che su Nexus, infatti, questa tecnologica unità motrice è proposta anche su Piaggio X9 e Beverly ma anche su Aprilia Atlantic, Aprilia Scarabeo ed altri scooter di prossima commercializzazione, come lo Spidermax GT500, l’ultimo nato in Casa Malaguti.
A differenza di quanto proposto sino ad ora però, i tecnici Gilera hanno introdotto nuove ed importanti modifiche che hanno fatto lievitare la potenza oltre i 40 CV a 7.500 giri, quasi 1 CV in più rispetto al passato. Migliora anche il valore di coppia massima, pari a 43 Nm a 5.500 giri/min, che ora risulta distribuito in modo più lineare su tutto l’arco d’utilizzo, offrendo i migliori presupposti per sfruttare al 100% la raffinata ciclistica del maxi-Gilera.
Tanta potenza è ottimamente gestita grazie anche alle nuove pulegge del cambio a variazione continua CVT per una ottimizzazione della ripresa a tutto vantaggio della fluidità e l’elasticità di marcia. Il coperchio della trasmissione, realizzato in alluminio, abbatte la rumorosità, per un comfort già garantito dalla pressoché totale assenza di vibrazioni, frutto dell’adozione di un sofisticato contralbero di equilibratura.
Grazie all’iniezione elettronica e alla catalizzazione a due vie, Gilera Nexus è omologato secondo gli standard Euro2, a conferma dell’impegno tecnologico di Gilera anche per quanto riguarda le tematiche ambientali.
In tema di sicurezza Gilera Nexus adotta un dispositivo elettronico che in caso di caduta, agendo sulla centralina di iniezione, spegne il motore e la pompa elettrica di alimentazione.
Più moto che scooter Con l’obiettivo di garantire emozioni sportive, agilità straordinaria ma, al tempo stesso, mantenere la sicurezza e la stabilità alle alte velocità, i tecnici Gilera hanno progettato un telaio a doppia culla in traliccio di tubi d’acciaio. Struttura rigida e robusta che si associa, all’anteriore, con una forcella telescopica idraulica Kayaba con steli da 41mm e 109mm di corsa.
Le soluzioni adottate al posteriore hanno il sapore di una rivoluzione per il mondo scooter. Il potente motore monocilindrico è collegato rigidamente al telaio grazie all’attacco “Direct Link” che non prevede l’uso di biellette e silent block tipici degli scooter.
Una soluzione, resa possibile dalla presenza del contralbero di equilibratura, che conferisce rigidità a tutto il sistema facendo lavorare il carter della trasmissione come un vero forcellone monobraccio. Le masse non sospese sono ridotte grazie all’alloggiamento dell’airbox nel telaio. Il sistema di ammortizzazione “Power Drive” utilizza un monoammortizzatore a gas alloggiato orizzontalmente sotto la sella e collegato al carter/forcellone mediante un sistema articolato con progressione di corsa studiata per le caratteristiche di Nexus. Il risultato è una sospensione progressiva, più morbida nella prima fase di corsa ruota (così da “copiare” con naturalezza le piccole asperità) e più rigida alla fine quando si devono evitare i rischi di “tamponamento” da fine corsa sugli ostacoli più duri.
Lo stesso sistema consente, per la prima volta tra gli scooter, una regolazione completa di tutto l’assetto: il puntone di reazione è dotato di un dispositivo brevettato per la modifica della lunghezza. Si può così intervenire sulla geometria variando l’altezza del retrotreno. Una soluzione ripresa dal mondo delle moto sportive destinate alla pista e che consente una personalizzazione estrema in base all’utilizzo e alle preferenze del pilota.
Per gli amanti dei numeri, segnaliamo che Nexus vanta una ripartizione motociclistica dei suoi 195 kg di peso: essi sono ripartiti, infatti, al 48% sull’anteriore ed al 52% sul posteriore.

Tag:,
ARTICOLI CORRELATI
RUOTE IN RETE