Motore Gilera 850 piaggio

Piaggio entra in una nuova era: dopo essere diventata famosissima per la sua produzione di scooter, oggi presenta un 839cc bicilindrico dalla quale nascerà una nuova famiglia di motori per moto.

Nuovo motore Gilera 850 Twin: il primo frutto dell’accordo Piaggio-MV Agusta. Dopo anni ed anni di soli scooter la Piaggio presenta una nuova famiglia di motori bicilindrici. Era una mossa attesa da tempo, vista la voglia di “moto” che la casa di Pontedera ha dimostrato acquistando in passato la Gilera e recentemente gli stabilimenti e la gamma di Husqvarna e Cagiva. Da notare che prossimamente le Cagiva saranno vendute col marchio Gilera, utilizzando ancora per qualche tempo le motorizzazioni bicilindriche Suzuki (il 650 della SV e il 1000 della TL).
La nuova unità motrice è stata presentata alla stampa abbinata al telaio di una Cagiva Raptor. Esteticamente il motore si presenta di dimensioni generose, forme molto squadrate e molti tubi in vista. I tecnici Piaggio capitanati dell’Ingegner Masut, hanno tenuto a specificare che quella vista sul prototipo per la presentazione era solamente una versione sperimentale, logicamente meno curata rispetto al futuro bicilindrico destinato alla produzione di serie.

Le caratteristiche del propulsore toscano sono sicuramente interessanti: i due cilindri disposti a V, formano un angolo di 90° finora caratteristica esclusiva dei motori Ducati e Suzuki. Sofisticate centraline elettroniche comandano sia l’accensione che l’iniezione. Facile, quindi, prevedere sostanziose iniezioni di potenza se il mercato lo richiedesse lavorando semplicemente sui programmi di gestione elettronica. La potenza comunque non manca visto che il banco prova denuncia 83 CV alla ruota a 7.750 giri.
Il carattere di questo motore si avvicina molto a quello dei bicilindrici Suzuki: risponde bene al gas, la coppia è esuberante ma non strappa consentendo riprese senza sussulti già da 1700/1800 giri/min. Molto silenzioso e privo di “sferragliamenti” antipatici, questa nuova unità si rivela molto bella da guidare e può essere considerata un’ottima base di partenza anche per i futuri motori 650cc e 1000cc previsti probabilmente per il 2003.

Tag:
ARTICOLI CORRELATI
RUOTE IN RETE