MV Agusta Brutale

Con la versione “S” diventa alla portata di (quasi) tutti.

MV Agusta, la F4 “Brutale”. Un anno dopo la presentazione mondiale della F4 Brutale Serie Oro, MV Agusta lancia la versione “S”, puntando a una più vasta diffusione di questo modello, svincolandolo dalla camicia di forza dalla tiratura limitata. Le vittorie sportive della MV Agusta sono da sempre state affiancate dal gradimento ottenuto dai suoi modelli di serie; tra questi sono numerose le moto prive di carenatura. Ecco quindi una gamma di modelli “naked” per rilanciare la sfida sul mercato delle moto “nude”. Il Centro Ricerche Cagiva, come già per la versione MV F4 Brutale Serie Oro, ha sviluppato il progetto della versione “S” intervenendo su di esso, non con l’intento di impoverirlo rispetto alla versione in tiratura limitata ma, ripensando ad ogni dettaglio in funzione delle nuove specifiche progettuali. Come per la MV Agusta F4 Brutale Serie Oro, nella linea della MV Agusta F4 Brutale S si ritrovano forme aggressive ed allo stesso tempo aggraziate, superfici dure e spigolose abbinate ad altre più morbide. La scatola filtro di generose dimensioni, integrata all’interno del serbatoio, è stata modellata con forme rastremate nella parte anteriore per agevolare la sterzata del manubrio. Questo limite funzionale è stato esaltato dai designer del CRC che ne hanno ricavato un vantaggio estetico disegnando un serbatoio che si sviluppa a cuneo nella parte centrale lasciando ai lati lo spazio utile per le prese dinamiche dell’Air-Box. Il codino essenziale e affusolato, raccoglie nelle sue forme la sella per il secondo passeggero con i maniglioni di tenuta integrati ed il gruppo ottico posteriore. Di derivazione F4, la ciclistica della MV Agusta F4 Brutale S eredita tutte le caratteristiche, le peculiarità ed i numerosi brevetti industriali. Gli aspetti tecnici più significativi come, il forcellone monobraccio con capriata integrata e catena passante, le piastre fulcro forcellone e i cerchi ruota sono per questo nuovo modello, come per la F4 S, realizzati in lega di alluminio. II telaio a traliccio che avviluppa il propulsore dotato di cambio estraibile, si collega alle piastre fulcro forcellone, ed è realizzato in tubi tondi in acciaio al cromo molibdeno saldati in TIG. Il proiettore anteriore è uno di quegli elementi che caratterizzano l’avantreno di questo modello. La lente è realizzata in vetro per garantire l’indeformabilità alle elevate temperature ed impreziosita infine dalla presenza, al suo interno, del logo della moto evidenziato da un particolare trattamento di verniciatura. Rinnovato l’impianto di scarico. I quattro collettori di abbracciano i radiatori e ne seguono il profilo, si raccolgono sotto il propulsore in due e confluiscono in un compensatore dal design ricercato, come nel particolar delle nerve di irrigidimento strutturale sormontate dal logo MV. I due terminali a “canne mozze” sovrapposti, esaltano la sonorità dello scarico permettendo inoltre un buon abbattimento dei decibel. Realizzati in acciaio inox e finemente satinati, sono arricchiti anch’essi dalla presenza del marchio MV Agusta inciso. Grazie alla loro conformazione ed al loro posizionamento rialzato ed inclinato, permettono un accesso facilitato al cerchio ruota posteriore agevolando anche le eventuali operazioni di smontaggio della ruota.

Tag:
ARTICOLI CORRELATI
RUOTE IN RETE