Yamaha gamma Off-Road 2006

Una ventata di novità e tecnologia per gli amanti della terra

Yamaha gamma Off-Road 2006. Puntuali come un orologi svizzeri, nel bel mezzo dell’estate le Case motociclistiche presentano le loro gamma off-road destinata all’anno successivo. A differenza delle due ruote pensate per i nastri d’asfalto, dunque, i modelli cross si rinnovano con una certa rapidità anche se le differenze tra un anno e l’altro, spesso, sono di dettaglio.
Non è il caso di Yamaha però, dato che per le YZF e WRF 2006 ha deciso di chiudere nel cassetto dei ricordi il telaio in acciaio per far posto ad un più leggero e performante alluminio, introdotto lo scorso anno su YZ/WR 125 e 250. Cambia, notevolmente, il materiale impiegato, cambiano le dimensioni mentre la costruzione rimane sostanzialmente identica: doppia semiculla sdoppiata.
Centralizzazione delle masse Una configurazione che permette di contenere il peso e centralizzare notevolmente le masse, a tutto vantaggio – secondo quanto dichiarato da Yamaha – del piacere di guidare. Non solo lo “scheletro” tra i protagonisti del restyling ma anche le sospensioni, che ora fanno leva su una forcella rivista nei foderi e nell’interasse, con lo scopo di rendere l’avantreno più preciso. Cambia anche il forcellone posteriore, più rigido, ed il relativo ammortizzatore che basa il suo effetto elastico su di una molla in titanio.
Solo ciclistica? No, certamente. YZ e WR della serie F (le 4 tempi) 250 sono state riviste in alcuni dettagli per offrire una maggior linearità di erogazione e minori vibrazioni; per la 450, invece, c’è un nuovo basamento, che permette un posizionamento più verticale del cilindro, un nuovo sistema di lubrificazione con serbatoio dell’olio integrato nel carter ma anche un contralbero di bilanciamento più efficiente nuovi radiatori ed un cambio a cinque rapporti rivisto nella meccanica e nella rapportatura.
Novità anche per la veste estetica: come al solito, lo sviluppo si è orientata verso una maggior morbidità delle forme ed una maggior integrazione della moto al pilota. Molto interessanti anche le grafiche che riprendono i colori delle moto da competizione Yamaha ufficiali.

ARTICOLI CORRELATI
RUOTE IN RETE