Peugeot Instinct Concept: la libertà di osare è al Salone di Ginevra 2017

Il marchio transalpino si immerge nel futuro, portando a galla un concept raffinato e maturo. Non immagini ricercate, ma un vero e proprio scorcio su quello che potrebbe essere il concetto della mobilità tra qualche anno. A voi il Peugeot Istinct Concept, tra guida autonoma e connessioni con le cose della vita.

Se guardi troppo a lungo dentro al futuro, anche il futuro vorrà guardare te. Qualcosa di simile dev’essere passato per la mente ai tecnici del Leone: Peugeot infatti presenta al Salone di Ginevra 2017 la Instinct Concept, automobile dichiaratamente futurista raccontata nei dettagli. L’auto spicca, oltre che per le linee all’avanguardia, per i sistemi elettronici con cui è stata pensata.

Instinct Concept cerca di guardare oltre alla guida autonoma e, anche se sono previste due modalità differenti -così come per la guida pilotata-, il suo obiettivo principale è inserirsi nella vita di tutti i giorni come solo un maggiordomo inglese potrebbe fare, ovvero con un atteggiamento tra il discreto e l’adulatore. È la prima volta che si può parlare di atteggiamento per una vettura senza parlare del suo comportamento su strada. La Peugeot Instinct Concept punta infatti a riorganizzarvi la vita, ammesso e non concesso che ne abbiate voglia.

I tecnici Peugeot ci hanno spiegato cosa intendono per auto del futuro attraverso questi piccoli scorci sul quotidiano.


Lunedì, ore 7.45

Parti per il tuo appuntamento delle h.8.30, con quindici minuti di anticipo rispetto al solito.Considerando il traffico stradale e il meteo, il navigatore della tua auto e la tua agenda si sono coordinati. Ti hanno proposto di anticipare la partenza di quindici minuti per garantirti la puntualità nell’arrivo a destinazione. Quando sali a bordo della vettura, il sistema ad Alta Fedeltà Focal riprende a diffondere la musica che stavi ascoltando a casa. L’accensione del motore provoca la chiusura a chiave della porta di casa tua.

Martedì, ore 21

Sei molto stanco, dopo l’allenamento sportivo. Informata dal tuo orologio, Peugeot Instinct Concept si configura da sola nella modalità Autonomous Soft. Così potrai riposarti già nel viaggio di ritorno. Quando ti avvicini a casa, l’illuminazione esterna si attiva per illuminare la tua area di parcheggio.

Giovedì, ore 8

La tua attività fisica di ieri non è stata sufficiente, l’automobile ti propone di privilegiare la camminata, parcheggiandosi a una distanza di dieci minuti a piedi dal tuo ufficio.

Venerdì, ore 14

Per recarti al tuo appuntamento, il tragitto prevede un’autostrada e una strada provinciale con curve. La prima parte del percorso è coperta in modalità Autonomous Sharp. Poi, sapendo quanto ti piace la guida dinamica, la vettura si configura da sola nella modalità Drive Boost all’inizio della strada provinciale.

Per quanto riguarda la tecnica, Peugeot Instinct Concept viene spinta da un motore ibrido plug-in -PHEV per chi ama le sigle- a trazione anteriore con una potenza stimata attorno ai 300CV. Inutile dire che ad ogni cosa è stata data una spruzzatina di futurismo, a cominciare dall’abitacolo e continuando con il gruppo ottico.

Chiaramente si tratta di un concept nel vero senso della parola, perché l’Instinct non andrà ad anticipare un modello prossimo all’uscita. Ciò non toglie che si tratti di un lavoro spaventosamente accurato, sia per quanto riguarda la realizzazione che per lo sforzo da parte di Peugeot di predire il futuro. Presto probabilmente vedremo se e quanto la previsione è azzeccata.

TAGS:
ARTICOLI CORRELATI