USATA
cerca auto nuove
NUOVA

Aquaplaning, quando si verifica e come prevenirlo

Le uscite di strada dovute al pattinamento della vettura su una superficie bagnata, l’aquaplaning, possono capitare. Ma per quale motivo si verifica questo fenomeno e come fare per prevenirlo?

L’aquaplaning (letteralmente “planata sull’acqua”) è un fenomeno ben conosciuto, ma che troppi tendono a sottovalutare. Ne abbiamo avuto chiaro riscontro in questa piovosissima estate, in cui sono aumentate a dismisura le uscite di strada dovute al pattinamento della vettura su una superficie bagnata.

L’aquaplaning si verifica quando tra le ruote e la strada si forma un velo d’acqua che impedisce il contatto tra gli pneumatici e l’asfalto: la vettura comincia a “galleggiare” e diventa del tutto incontrollabile. Frenare o sterzare non serve assolutamente a nulla, perchè, non essendoci il contatto con l’asfalto, qualunque manovra risulta vana.  L’unico atteggiamento corretto è mantenere la calma, tenere le mani ben salde sul volante e ridurre la velocità, togliendo il piede dall’acceleratore, aspettando che le gomme riprendano il contatto con l’asfalto.

Ci sono però due buoni sistemi per prevenire l’aquaplaning: il primo è quello di non aspettare troppo a sostituire gli pneumatici della nostra auto. La legge tollera limiti minimi di battistrada sino ad 1,5 mm, ma sarebbe meglio cambiare le gomme già quando questo valore è sceso a 3 mm. Un battistrada ben scolpito, infatti, smaltisce molta più acqua di uno consumato. Il secondo sistema, che è dettato anche dal buon senso, è semplicemente quello di ridurre la velocità in caso di pioggia, soprattutto se non si percorrono strade con asfalto drenante. Più aumenta la velocità, infatti, maggiore è la quantità di acqua che le ruote “spingono” in avanti, aumentando il rischio di trovarsene troppa da smaltire.

Attenzione, la situazione peggiora se montate cerchi con pneumatici ribassati di larga sezione: le “gomme larghe” hanno un bella impronta a terra e questo favorisce la guida dinamica, perchè aumenta la superficie d’appoggio. Ma questa qualità, per le ragioni elencate, si trasforma in svantaggio quando piove. Quindi… prudenza, sempre!

Articoli più letti
RUOTE IN RETE