Assogomma analizza l’emendamento sull’obbligo dei pneumatici invernali e catene da neve

Assogomma interpreta e commenta l'emandamento sull'obbligo dei pneumatici invernali e catene da neve in condizioni estreme e limitate nel tempo, approvato dal Senato.

Un primo approfondimento è quello che Assogomma,  Associazione Confindustriale che rappresenta tutto il mondo gomma e anche i produttori di pneumatici, ha cercato di dare all’ emandamento approvato in Senato in merito all’obbligo, tra gli atri, di pneumatici invernali e catene da neve in condizioni estreme e limitate nel tempo .

Approvato infatti al Senato, l’emendamento 8.17 del Decreto Legge 18 ottobre 2012 n. 179 dà all’Ente proprietario o gestore della strada la possibilità di prescrivere al di fuori dei centri abitati, nei casi di previsti rovesci nevosi, l’utilizzo esclusivo di pneumatici invernali e qualora non sia possibile, garantire adeguate condizioni di sicurezza per la circolazione stradale e per l’incolumità delle persone mediante il ricorso a soluzioni alternative.

Assogomma, Associazione Confindustriale ha quindi cercato di dare una propria interpretazione in merito. Innanzitutto si tratta di un provvedimento non ancora approvato definitivamente che dà una facoltà aggiuntiva all’Ente proprietario o gestore della strada, pertanto non si tratta di un obbligo, inoltre non sostituisce il comma e), quello che ha dato luogo all’emanazione delle attuali oltre 200 Ordinanze che prevedono l’equivalenza pneumatici invernali o catene a bordo, ma lo può integrare, senza nessun obbligo, sulla base di precise limitazioni atmosferiche e temporali.

L’emendamento ha poi carattere preventivo, ma condizionato ad una previsione di manifestazioni atmosferiche nevose di rilevante intensità. Di conseguenza, si applica solo in condizioni estreme e limitate nel tempo, che potrebbero essere soltanto ore, diversamente da quanto prevede il comma e), che disciplina un’intera stagione fredda. La norma ha quindi un’operatività laddove non sia possibile assicurare condizioni di sicurezza per la circolazione e per l’incolumità delle persone mediante il ricorso a soluzioni alternative.

Fabio Bertolotti, Direttore Assogomma, commenta infine così: “La portata dell’emendamento in parola, è del tutto limitata ed ha il chiaro obiettivo di favorire la circolazione e la mobilità in situazioni del tutto critiche e per periodi di tempo strettamente limitati”. “Ci riserveremo un approfondimento ulteriore quando la norma sarà approvata, fermo restando che non c’è dubbio che la stessa abbia una finalità di sicurezza stradale in situazioni di estrema emergenza, aspetti che meritano una attenzione particolare”.

TAGS:
ARTICOLI CORRELATI