USATA
cerca auto nuove
NUOVA

Come raffreddare l’auto parcheggiata sotto al sole?

Lasciare l'auto sotto al sole cocente provoca un aumento esponenziale della temperatura nell'abitacolo: vediamo come evitare o prevenire questo fenomeno

Ci siete cascati anche voi, vero? Avete parcheggiato la vostra auto in una zona d’ombra… ma poi, dalla mattina al pomeriggio, questa si è spostata esponendo la carrozzeria al sole rovente tipico dell’estate. Quando andrete ad aprire le portiere la sensazione sarà solamente una: un caldo soffocante, che rende impossibile sedersi dietro al volante e riprendere la via di casa.

In questi casi i rimedi sono veramente pochi ma possono essere sicuramente utili a migliorare la situazione, nonchè a prevenirla se utilizzati prima di chiudere la serratura e proseguire con i propri impegni quotidiani. Il primo consiglio, per quanto banale, è immaginarsi dove l’ombra andrà a finire nell’arco della giornata in modo da non trovarsi impreparati: se però il parcheggio è direttamente posizionato sulla strada, il problema si circoscrive alla semplice fortuna di trovare per primi il luogo ideale dove far riposare la propria vettura.

Auto parcheggiata sotto al sole

Se la Dea bendata non è dalla vostra parte e, controvoglia, avete posteggiato completamente sotto il sole, potete limitare il successivo caldo nell’abitacolo attraverso l’utilizzo di schermi e tendine riflettenti da posizionare sul parabrezza e sui finestrini laterali, che limiteranno quindi l’entrata a bordo dei raggi solari. Lo stesso si può fare adottando i vetri oscurati (solo al posteriore e sul lunotto) oppure scegliendo un telo protettivo per coprire completamente la vettura, con il quale si ridurrà drasticamente il rischio di andare incontro a sedili e plancia roventi.

Nel caso in cui, invece, la vostra auto fosse comunque “off-limits”, l’accorgimento migliore da adottare è quello di aprire finestrini e portiere lasciando che il caldo fluisca all’esterno in maniera naturale. Magari spostando l’auto di qualche metro, all’ombra, e attendendo giusto un minuto o due. Non provate nemmeno ad utilizzare il climatizzatore “a tutta”, perchè il rischio è quello di uno shock termico tra la temperatura degli interni e quella del gas refrigerante proveniente dalle bocchette: accendetelo piuttosto in maniera graduale quando gran parte dell’aria viziata è uscita verso altre destinazioni…

Climatizzatore auto estate

Articoli più letti
RUOTE IN RETE