Cos’è la TruCam Telelaser, come funziona e come fare una contestazione immediata

Come funziona e cosa è esattamente il Trucam Telelaser, il telelaser in grado di immortalare infrazioni come l'eccesso di velocità, l'assenza di cinture agganciate e l'utilizzo del telefonino in auto.

Uno dei sistemi più recenti per “pizzicare” gli automobilisti che non rispettano i limiti di velocità è il TruCam che – di fatto – altro non è che un vero e proprio Telelaser. Una diavoleria tecnologica che non ha solo il ruolo di verificare l’effettiva velocità in avvicinamento di un’automobile o un qualsiasi altro veicolo, ma che è anche in grado di scovare gli automobilisti al telefono o senza cinture.

In cosa consiste il TruCam Autovelox

In sintesi abbiamo a che fare con un normalissimo, ma ben più sofisticato telelaser, capace di realizzare video HD e non più solo semplici fotografie. E probabilmente è questa la differenza più
eclatante rispetto alle precedenti generazioni di telelaser: proprio la po ssibilità di realizzare un vero e proprio video in alta risoluzione.

Cosa può fare un TruCam radar detector?

Il suo compito principale resta quello della prevenzione – in particolare per quanto riguarda le sanzioni per chi non rispetta i limiti di velocità. Ma grazie alle sue virtù, da autentica telecamera – consente alle forze di Polizia che lo hanno in dotazione di scovare anche chi parla al telefono o non indossa le cinture di sicurezza. Abbiamo però usato il condizionale. Già, perchè di fatto il TruCam autovelox nasce proprio con il ruolo principe di rilevatore di velocità – senza essere impiegato per altri tipi d’infrazioni. Gli automobilisti che viaggiano con le mani occupate da un telefono o senza aver allacciato le cinture di sicurezza – non vengono quindi immortalati automaticamente dal TruCam, ammesso che viaggino (almeno) rispettando i limiti imposti.

Tra le sue peculiarità, c’è poi quella di essere in grado di riconoscere il tipo di veicolo in avvicinamento. Si tratta di una soluzione decisamente evoluta – in quanto così il TruCam è fin da subito in grado di comprendere il tipo di limite di velocità differendo se avrà “adocchiato” un’automobile o un mezzo pesante. Inoltre – il telelaser TruCam è anche capace d’identificare la velocità pressoché di qualsiasi veicolo, fino ad un massimo di 320 Km/h.E il fattore meteo? Salvaguardato anche quello. TruCam funziona in caso di scarsa visibilità (con pioggia sostenuta o nebbia) e addirittura di notte. Abbiamo infatti a che fare con sistema decisamente evoluto, dotato anche di flash e infrarossi.

Funziona sia in avvicinamento che in “allontanamento”

Tra i possibili impieghi del TruCam telelaser c’è la possibilità di funzionare sia se puntato verso un mezzo in avvicinamento (situazione classica), che in allontanamento. Cosa significa? Semplice. Si tratta della miglior soluzione per sanzionare quegli automobilisti che – per prassi – si limitano a rallentare nei pressi di un autovelox – per poi accelerare subito dopo. Ebbene, con il TruCam questo gioco non è possibile.

E la privacy?

Tra i ricorsi più gettonati dagli automobilisti “vittime” del TruCam autovelox c’è proprio quello che ha come protagonista il concetto di “privacy”. Tutti respinti, in quanto l’utilizzo di tale sistema di telelaser viaggia in un contesto completamente legale – anzi: il suo utilizzo è ufficialmente stato approvato dal Ministero dei Trasporti – con tanto di decreto del 2011.

A quanto ammontano le multe elevate con TruCam?

Essere “avvistati” da questo moderno sistema di telelaser non prevede una differenza nell’ammontare della contravvenzione – che seguirà quindi il “listino prezzi” previsto dal Codice della Strada –
proporzionalmente all’entità e al tipo d’infrazione. Ricordiamo quindi le seguenti sanzioni:
da 41 a 3.287 Euro – eccesso di velocità.
da 80 a 323 Euro – guida senza cintura di sicurezza
da 160 a 646 Euro – guida al cellulare da 168 a 674 Euro – revisione scaduta
da 841 a 3.287 Euro – assicurazione scaduta

Telelaser TruCam: il ricorso

Come tutti i sistemi che si occupano di rilevare la velocità delle automobili o dei camion, per sanzionarne l’eventuale superamento del limite imposto dalla Legge – anche il telelaser TruCam dev’essere sottoposto ad una “taratura periodica”. Prima d’intraprendere qualsivoglia ricorso possiamo quindi chiedere agli agenti preposti alla rilevazione il certificato che dimostri l’avvenuto “tagliando” del sistema. In caso questo non possa essere prodotto la multa è automaticamente considerata nulla.

Il vero problema – se così vogliamo chiamarlo – è che, in caso di presenza del suddetto attestato, opporsi alla decisione imposta dal TruCam autovelox diventa praticamente impossibile. Al contrario dei vecchi sistemi, come dicevamo – il nuovo telelaser TruCam è infatti capace di registrare un vero e proprio video di tutte le fasi di avvicinamento del veicolo in questione. Il sistema riesce addirittura a registrare la velocità effettiva per ogni metro percorso. Difficile negare l’evidenza.

ARTICOLI CORRELATI