USATA
cerca auto nuove
NUOVA

Revisione auto: aumenti in arrivo dall’1 novembre

Dall'1 novembre, il prezzo della revisione passerà da 45 a 54,95 euro in caso di controllo presso le sedi locali della Motorizzazione civile e da 66,80 a 79,02 euro in caso di intervento presso un centro privato autorizzato

Novità, poco gradite, in arrivo per gli automobilisti italiani: dal prossimo 1 novembre, infatti, il costo della revisione dell’auto aumenterà. Il Ministero delle Infrastrutture e il Ministero dell’Economia e delle Finanze hanno firmato un decreto che farà salire il prezzo da 45 a 54,95 euro in caso di controllo presso le sedi locali della Motorizzazione civile e da 66,80 a 79,02 euro in caso di intervento presso un centro privato autorizzato.

Revisione auto: il prezzo sale

Il costo della revisione è stato adeguato dopo 13 anni di blocco alle tabelle Istat. Fortunatamente il nuovo decreto porta anche qualche buona notizia. Il documento, infatti, prevede anche un “bonus veicoli sicuri” della portata di circa 4 milioni di euro riservato a tutti coloro che hanno acquistato una nuova auto e che permette l’esenzione dall’aumento del costo della revisione auto in occasione del primo controllo, se effettuato entro la fine del 2023. Questa esenzione sarà valida per un solo mezzo a ciascun automobilista quindi, qualora una persona possieda più vetture, per le altre dovrà pagare il prezzo pieno.

L’aumento di 9,95 euro rappresenta un adeguato riconoscimento a una tariffa che per i centri di revisione privati era ferma dal 2007 – ha detto Paolo Zabeo – . La norma è una risposta in grado di garantire la sostenibilità economica dei centri di controllo e il mantenimento qualitativo dello standard del servizio revisioni, a tutela degli utenti e della sicurezza stradale, condizioni imprescindibili per il futuro e la competitività delle imprese del settore“.

L’art. 80 comma 14 del Codice della Strada prevede una sanzione amministrativa che varia dai 173 euro ai 694 euro per chi non effettua la revisione, con l’importo che può raddoppiare in caso di recidiva. Sempre il Codice della Strada prevede anche la sanzione accessoria del divieto di circolazione del veicolo fino al superamento della revisione. In caso di circolazione con un veicolo sospeso, la sanzione minima sale a 1.998 euro in aggiunta al fermo amministrativo per 90 giorni.

Articoli più letti
RUOTE IN RETE