Anticipazioni EICMA 2015: uno scorcio sulle più grandi novità

il salone dedicato alle due ruote più atteso dell'anno è ormai alle porte, ed anche nel 2015 EICMA stupirà gli appassionati. Grandi novità attese su tutti i fronti, dai concept ad i modelli prossimi all'uscita. Ecco qualche anticipazione sulle principali novità.

Le case produttrici hanno lavorato molto per arrivare da protagoniste ai saloni autunnali, in particolare per EICMA 2015, il più grande evento in tema motociclistico dell’anno. Come di tradizione, vedremo numerose anticipazioni di quelli che saranno i modelli pronti ad entrare nel mercato, soluzioni inedite e marchi che si impongono sugli altri. Vediamo, a grandi linee, cosa aspettarci da questo appuntamento, che si terrà dal 18 al 22 novembre 2015, mentre il 16 ed il 17 novembre saranno giorni dedicati alla stampa

Cominciamo subito con MV Agusta
che qualche mese fa ha anticipato, in occasione del raduno “Gli Amici di Claudio” tre nuove moto con motore 1.000cc e quattro cilindri. In particolare, ci si attende una supersportiva totalmente nuova rispetto al progetto F4, ormai troppo datato per quanto  sia stato aggiornato e rivisto. Non più F4 quindi, ma qualcosa di inedito anche nel nome che, speriamo, riesca a raccogliere al meglio la pesante eredità di quella che è stata definita a più riprese la moto più bella al mondo. (Cliccate qui per maggiori informazioni)

Continuando con il Made in Italy
, o quasi, abbiamo visto come Ducati abbia già pronta una nuova Diavel (qui l’articolo), che dopo il restyling ha ricevuto un vero e proprio aggiornamento sotto tutti i punti di vista, strizzando l’occhio al mercato statunitense. Per svecchiare i propri listini, la casa di Borgo Panigale potrebbe anche aggiornare la Streetfighter, rimasta finora ferma al bicilindrico da 848cc. Grande novità Ducati sarà poi il 4 cilindri (qui tutte le info), anche se essendo previsto per il 2017 probabilmente bisognerà aspettare EICMA 2016. Oltretutto, arrivano aggiornamenti per Panigale ed Hypermotard, che raggiungono rispettivamente le cubature 959 e 939 (qui l’articolo). Domenicali ha assicurato 9 nuovi modelli, ecco perché ci aspettiamo anche la Multistrada Adventure, ovvero una maxienduro (cliccate per le info)

BMW invece porterà, probabilmente, una nuova supersportiva che assomigli alla HP ma con maggior possibilità di essere guidata su strada. La casa di Monaco poi ha mostrato il “Concept 101”, maxi cruiser che potrebbe diventare presto realtà. 
Per KTM invece è quasi certo vedere la Super Duke 1290 declinata in versione turistica, una moto potentissima e capace allo stesso tempo di macinare molti chilometri, per entrare in quella piccola fetta di mercato dedicata a chi, dopo tanti anni sulle supersportive, vuole viaggiare con comodità senza però rinunciare al brivido della velocità, un po’ come ha fatto l’apprezzatissimo GSX-S1000. 
 
Spostando lo sguardo in Inghilterra la notizia di maggior spessore è la rinascita della Norton, pronta a mostrarci una supersportiva da 200CV  equipaggiata con un motore a V da 1200cc e quattro cilindri, che darà vita anche al bicilindrico per una sportiva da 650cc, che verrà anche coniugata in naked e forse crossover (qui l’articolo con più dettagli).

Sempre rimanendo in terra inglese, Triumph avrà di certo una nuova versione della Tiger 800 con la sella ribassata, ed ha presentato ben 5 nuovi modelli della Bonneville, che si presenta con motore raffreddato a liquido e cubature che vanno da 900cc a 1200cc.  La casa di Hinckley però non ha lasciato trapelare nulla in merito alla chiaccheratissima sorella maggiore della Daytona, la quale non crediamo verrà aggiornata. 
 

Ma, come spesso accade nel mondo delle due ruote, le novità di maggior rilievo arrivano dall’estremo oriente. I colossi giapponesi sono infatti in procinto di svelare i loro “buoni propositi” per l’anno nuovo, a cominciare dalla Honda Africa Twin 2015 che potremo finalmente osservare dal vivo. Honda non ha intenzione di rimanere a guardare mentre le altre case sfornano moto da 200CV e la CBR 1000 Fireblade è davvero un po’ in là con gli anni; questo significa che, anche se al momento ci sembra difficile vederla ora, potrebbe davvero arrivare la nuova arma di Tokyo per competere davvero in Superbike. grande novità di casa Honda poi è il Neowing, il tre ruote con due motori elettrici ed uno termico che, forse, entrerà in produzione nei prossimi anni.
 
Anche Akashi sfoggia diverse novità, a cominciare dalla nuova Kawasaki Ninja ZX-10R 2016, un prodotto che punta a superare le rivali, con un design che prende spunto dalle recenti H2 ed H2R. Con il nuovo regolamento della Superbike infatti le moto dovranno essere sviluppate sempre meno, cosa che forza i costruttori a produrre moto estremamente competitive già di serie e che lascerà in molti davvero soddisfatti. 
Discorso analogo anche per la casa di Hamamatsu: dopo l’ingresso in MotoGP e molti nuovi modelli, la GSX-R 1000 è alle porte. Si parla anche in questo caso di un motore da 200CV con tutta l’elettronica del caso, in modo da allinearsi con le concorrenti. Oltretutto, ci potrebbe anche essere una versione entry level, con le stesse linee ed una cubatura da 250cc. Sicuramente è in arrivo la nuova Hayabusa, hyperbike di Hamamatsu.
 
Ed i Tre Diapason? Yamaha ha già depositato i brevetti di una “YZF-R1S”, forse un modello premium della nuova sportiva che sostituisca la “M” che era uscita in edizione limitata. Ciò che è certo è che stà arrivando la MT-07 Tracer, amata e chiaccherata da molti, così come l’MT-03 (ecco i dettagli) con le stesse quote della piccola sportiva R3 e circa 40 CV. 
 
Ci aspettiamo anche molte novità sul fronte dell’elettrico, con la Victory che ha recentemente acquistato Brammo e potrebbe presentare un modello ad emissioni zero alla portata di tutti. Altro importante colpo di scena potrebbe essere la presentazione di qualche 600 con  motore turbocompresso, che ora che il turbo ha trovato la sua dimensione potrebbe essere sfruttato per produrre sportive di nuova generazione.  
 
Di sicuro abbiamo dimenticato molte cose ed altre le scopriremo più avanti, ma se non ci fosse un po’di attesa l’EICMA non troverebbe più senso di esistere. Ecco allora le date e gli orari di EICMA 2015, che trovate cliccando qui. 

ARTICOLI CORRELATI