USATA
cerca auto nuove
NUOVA

Aprilia Dorsoduro 1200 svelata online dal manuale

Errore o strategia di marketing, la Casa di Noale tace sulle novità che proporra all'EICMA 2010

Che Aprilia avesse intenzione di proporre la sua Dorsoduro con un motore 1200 si sa fin dalla sua prima apparizione, idea rinforzata per contrastare il successo della Ducati Hypermotard. E Infomotori ne aveva dato ampio cenna già diverso tempo fa.

Ora si sa che Noale produrrà la Dorsoduro in versione 1200 perché online è già possibile leggere le pagine del manuale della moto.
Questa può essere presa tanto per una fuga di notizie quanto per un’ineffabile operazione di marketing.
Il propulsore costruito nella sede del Gruppo Piaggio a Pontedera è il bicilindrico a V di 90° M555M da 1.197 cc. con raffreddamento a liquido. Nessuna informazione più dettagliata sulla potenza che potrebbe sistemarsi tra i 120 e i 130 CV.
Di sicuro ci sarà l’acceleratore Ride by Wire con una tripla mappatura più evoluta rispetto a quella della 750.
Non si sa se quali saranno gli elementi estetici che la distigueranno dalla sorellina, l’aspetto sarà uguale, cambieranno le dimensioni che saranno più generose: 1.528 mm di passo, 212 kg il peso a secco e 870 mm l’altezza da sella. Aumentato l’angolo di sterzo che si apre fino a 27,3°.

L’impianto frenante è composto da pinze radiali a 4 pistoncini anteriori  su dischi da 320 mm sull’anteriore mentre, al posteriore, c’è un disco singolo da 240 mm.
Disponibili due versioni con e senza ABS.

Il telaio è a struttura mista, con la piastre inferiori in alluminio imbullonate ad un traliccio superiore in acciaio.
Le sospensioni, regolabili, sono state realizzate dalla Sachs: la forcella anteriore è da 43 mm ed assicura una corsa di 160 mm. Il forcellone invece ha una corsa di 155 mm.

Alla “motardona” di Noale è stata rivista anche la capacità del serbatoio che aumenta di 3 litri (da 12 a 15, riserva compresa). Non tanto per incrementare l’autonomia ma piuttosto per mantenerla intorno ai 200 km

La sua presentazione dovrebbe avvenire all’EICMA di Milano a novembre, insieme alla nuova Tuono V4 con il motore derivato dalla RSV4.
In attesa di vederla, queste informazioni non sono male. Chissà se sono sfuggite oppure no.

Articoli più letti
RUOTE IN RETE