USATA
cerca auto nuove
NUOVA

Eicma 2011: presentazione gamma 2012 Ducati

Alla kermesse organizzata dalla casa italiana vengono presentate le nuove moto, dalla Diavel AMG alla 848 SP Corse, mentre tutti gli occhi sono puntati sulla nuovissima 1199 Panigale

Novità Ducati all’Eicma 2011
È ormai consuetudine che l’annuale appuntamento milanese dell’EICMA venga inaugurato dalla sontuosa conferenza organizzata dalla Ducati, motivo per cui il teatro Dal Verme, nel centro storico di Milano, è stato letteralmente invaso dalla stampa di settore di tutto il mondo.

Sempre come tradizione vuole, ha aperto le danze Francesco Rapisarda, responsabile delle relazioni esterne Ducati che, dopo aver fatto i saluti e ringraziamenti del caso, ha lasciato la parola al presidente Ducati, Gabriele Del Torchio. Immancabile il punto della situazione sulle condizioni di salute del marchio bolognese. 
Del Torchio, ha subito dichiarato che il mercato delle moto, negli ultimi 5 anni, si è contratto del 47%, per quanto riguarda le moto oltre ai 500 cc, situazione a dir poco preoccupante per un’azienda di moto come Ducati, votata alla qualità e all’esclusività.

Eppure, sempre Del Torchio, subito dopo mostra che Ducati, nell’ultimo anno, nonostante le aspettative, è cresciuta in termini di vendite. Forse la fortuna della Ducati risiede proprio in quello che potrebbe essere proprio in questa rischiosa scelta, ossia la produzione di moto molto esclusive e realizzate con una cura e precisione che pochissime altre case motociclistiche di massa hanno, risulta essere una garanzia per l’utente finale che sceglie proprio le moto di Borgo Panigale.

Ma torniamo alle moto che, una volta lasciata la parola da Del Torchio a Valerio Staffelli, vengono portate sul palco ed offerte alle raffiche di flash dei tantissimi fotografi presenti. Cinque nuove moto: andiamo con ordine e vediamole una ad una.

Diavel Cromo
Ducati Diavel Cromo, già esclusivissima nella sua essenza e forma, è stata ulteriormente personalizzata con una nuova colorazione a base di cromature, con il serbatoio specchiato, impreziosito dallo stemma “vintage” che utilizza il vecchio font della Ducati Meccanica.

Diavel AMG
Nata dalla collaborazione tra la casa bolognese ed il più famoso preparatore tedesco, nasce il Diavel AMG, una versione ancora più esclusiva della sport custom.
Molto evidenti le note della AMG sul nuovo Diavel, note che hanno saputo sposarsi alla melodia del bicilindrico italiano, pur mantenendo un tipico stile AMG, come dimostrano i bellissimi cerchi cromati o la sella in alcantara nautico, trattato per resistere anche alle piogge più abbondanti.
Anche le due prese d’aria frontali ricordano moltissimo quelle che solitamente abbiamo visto sulle Mercedes AMG. Completamente ridisegnato il terminale di scarico che lascia la consueta forma circolare in favore di una forma trapezoidale con angoli smussati molto esclusiva, come esclusiva, ovviamente, è la colorazione in nero con banda bianca e telaio bianco. 
Come molti sanno, in AMG un ingegnere specializzato controlla le auto una volta finite e ne valuta il perfetto funzionamento, firmando quindi, una placca di metallo che si trova sotto al cofano, sul motore. In modo analogo i carter motore del Diavel AMG sono stati firmati dal tecnico supervisore della fasatura.

Ducati 848 EVO Corse Special Edition
La Dcuati 848 Evo Corse Special Edition di casa Ducati viene ulteriormente migliorata sia in estetica che in componentistica.
La livrea è quella ormai classica della famiglia Corse, mentre l’allestimento viene mutuato dalla 1198 SP, la più potente della famiglia, offrendo quindi il DTC (Ducati Traction Control), il Ducati Quick Shift, oltre alle solite dotazioni come il DDA (Ducati Data Analyzer).

Streetfighter 848
La prima delle due nuove moto è la Streetfighter 848 che abbiamo provato pochi mesi fa sulla pista del nuovo circuito di Modena.
La piccola nuda è stata pensata per garantire le stesse scosse adrenaliniche della sorella maggiore ma con un controllo più facile per tutti i tipi di pilota. Adatta insomma a tutti coloro che apprezzano sia i minori cavalli che la maggiore ergonomia e l’incrementato angolo di sterzo. Tutto viene infine coadiuvato dall’aiuto dell’elettronica che, grazie al Ducati Traction Control, la rende sempre fruibile in totale sicurezza.

1199 Panigale
La grande attesa di quest’anno, in casa Ducati, è ovviamente la nuova sportiva, l’erede della 1198, una nuova supersportiva che, come tutte le superbike nate in Ducati negli ultimi anni, prende spunto dalla leggendario 851 del 1988.
Il design delle ammiraglie di casa Ducati è variato molto, ma la costante è sempre stata un bicilindrico potentissimo incastonato in una moto dal design avveniristico.
Mantenendo quindi sia la tradizione del bicilindrico, sia la costante volontà di innovazione estetica, nasce la 1199 Panigale.
Motore completamente riprogettato e chiamato Superquadro prende il posto del radizionale Testastretta, così come il telaio che passa dal tradizionale traliccio in tubi ad un monotrave.
Grazie alla sua architettura, il Superquadro riesce a sviluppare fino a 195 Cv, ossia ben 25 in più rispetto alla 1198.
Sempre rispetto alla 1198, inoltre, ha anche un peso massimo molto minore, 10 chilogrammi in meno, e soprattutto una ripartizione più simile alle moto da competizione, ossia 52% all’anteriore e 48% al posteriore.
Anche il telaio, dal peso di 4,2 chilogrammi, come accennato, è stato riprogettato con una configurazione in monotrave in alluminio con anche funzione di airbox.
Inutile dire che il top delle conoscenze tecniche della Ducati è stato ampiamente utilizzato per accessoriare la Panigale che quindi disporrà di ABS, Quick Shift, Traction Control e sospensioni Ohlins regolabili elettronicamente.
Per tutti gli altri dati tecnici e le prestazioni che potrà vantare la Panigale, lasciamo le speculazioni in attesa della prova dinamica in pista, mentre per ora possiamo apprezzare la linea della moto che è in armonia con lo stile delle Ducati che l’hanno preceduta pur innovando molto lo stilema Ducati.
Forse uno dei cambiamenti maggiori, in fatto di estetica, è il silenziatore che torna laterale e in basso, per mantenere le masse centralizzate e diminuire i momenti di inerzia, lasciando la piccola e affusolata coda più snella e aggraziata.
La Panigale, che verrà proposta in versione standard e versione S, sarà anche realizzata in una versione Tricolore, in commemorazione dei 150 anni della Repubblica Italiana con anche delle specifiche tecniche in più, come lo scarico completo racing.

Queste quindi le novità che potrete trovare allo stand Ducati di EICMA, tenendo però presente che, qualora non poteste prendere parte alla fiera milanese, si potranno ritrovare tutte le Ducati esposte e molto, molto di più al WDW 2012, ossia il World Ducati Week, la più rande kermesse desmodromica al mondo, che avrà luogo a giugno sul circuito di Misano Adriatico dal 16 al 17 giugno 2012.

Articoli più letti
RUOTE IN RETE