Nuova Honda Africa Twin CRF 1100 L: sale la potenza, cala il peso

La nuova Honda Africa Twin 1100 acquista qualche cavallo in più (da 95 a 101) e perde qualche chilo di peso. Sarà rivisto l'impianto di scarico per rispettare l'imminente normativa Euro5, ma potrebbe arrivare anche l'iniezione diretta, prima volta per una motocicletta

Sembra essere sempre più vicina la data di uscita della nuova Honda Africa Twin 1100. Già da inizio anno si susseguono delle voci in merito e la notizia che arriva dal Giappone sullo stop alla produzione dell’attuale modello non fa altro che alimentare le vaglia di novità.

Honda Africa Twin 1100: ecco come potrebbe essere

Quanto manca all’uscita della nuova Honda Africa Twin 1100? È ancora presto per dirlo, ma le immagini diffuse in rete da Motorcycle.com sono un bel traino a chi non vede l’ora di mettere le mani su uno dei modelli di punta della Casa dell’Ala. A livello tecnico la nuova Africa Twin 1100 potrebbe avere un motore bialbero a iniezione diretta, al posto di quello attuale con schema Unicam. La cilindrata effettiva sarà 1.084 cc (da qui il nome CRF1100L), mentre la potenza salirà 95 a 101 cavalli. Ma non è tutto. Se sulle dimensioni del serbatoio non ci sono particolari certezze, ma sarà rivisto l’impianto di scarico per rispettare l’imminente normativa Euro5. Potrebbe poi arrivare, per la prima volta per una motocicletta, anche l’iniezione diretta, già da tempo utilizzata in ambito automobilistico.

Tutto nuovo il frontale con un capolino più ampio, regolabile e la (bella) sorpresa dei fari a LED. La gamma della nuova Honda Africa Twin 1100 dovrebbe essere composta da versioni: standard d Adventure Sports con cambio tradizionale; D2 e D4 con trasmissione DCT. Ci saranno come di consueto più allestimenti: attualmente sono sei per la base e sei per la Adventure Sports. Secondo quanto si apprende, la versione 1100 potrebbe essere anche leggermente più “snella” rispetto alla 1000. Non resta che aspettare la sua presentazione che potrebbe avvenire addirittura prima di EICMA.

Photo credits: Motorcycle.com

ARTICOLI CORRELATI