USATA
cerca auto nuove
NUOVA

Honda CB

Dietro la sigla CB c'è la grande famiglia delle naked firmate Honda: la Casa dell'Ala è sempre stata di riferimento quando si tratta di affidabilità e prestazioni, e questa linea (apprezzatissima) è una delle più complete nel segmento.

Dietro la sigla CB c’è la grande famiglia delle naked firmate Honda: la Casa dell’Ala è sempre stata di riferimento quando si tratta di affidabilità e prestazioni, e questa linea (apprezzatissima) è una delle più complete nel segmento. Per andare incontro a piloti di ogni stile ed età, Honda propone una gamma che và dal CB125F ed arriva al CB1100, passando anche per il 500cc che si guida con patente A2. La CB presenta uno stile di guida divertente e meno impegnato rispetto ad una sportiva, grazie alla posizione di guida più rilassata ed una maggiore maneggevolezza.

 

Versioni

 

Honda CB 125 F: la più piccola della famiglia si guida a 16 anni con la patente A1 o in alternativa con quella dell’auto. Nonostante la piccola cilindrata, la CB 125 F si rivela una moto apprezzabile da molti: la sella bassa, di 775mm, unita all’indicatore di marcia inserita ed il peso in ordine di marcia di 128Kg ne fanno la preda perfettta per i neofiti. Il monocilindrico a 4T da 124cc eroga 10,6CV, ma ciò che strabilia sono i consumi: Honda dichiara 51,3Km con un litro nel ciclo misto per questa entry-level da 2.490€ f.c.

 

Honda CB 500 F: il “mezzo litro” di Honda si beve tutto d’un sorso dato che la 500 F, con il suo bicilindrico da 471cc, ha la potenza giusta per essere guidata con la A2 (48CV) ed uno spirito che punta a far divertire. Le linee sono quelle delle sorelle maggiori, e la sella di 785mm è abbastanza accessibile. Sono 15,7 i litri del serbatoio e l’ABS di serie la rende un’ottima moto per entrare nel mondo delle due ruote, al prezzo competitivo di 5.695€ f.c.

 

Honda CB 650 F: la naked di media cilindrata una volta si chiamava Hornet, ma Honda ha cambiato le carte in tavola e dato vita a questa 4 cilindri del tutto diversa. Questa moto punta più ad essere divertente che prestazionale, ma dispone ugualmente di 87CV e 63Nm di coppia massima. I 17 litri di serbatoio e consumi dichiarati di 21Km con un litro danno un autonomia superiore ai 350Km. La sella è alta 810mm da terra ed il prezzo, fissato a 7.300€ f.c., potrebbe essere un po’più basso ma l’ABS di serie è un ottimo alibi per la casa di Tokyo.

 

Honda CB 1000 R: la streetfighter di casa Honda presenta un motore da 998cc capace di erogare 125CV di potenza e 99Nm di coppia massima. La moto pesa 222Kg col pieno, e la sella è alta 825mm da terra. Molto bello il para serbatoio (da 17 litri) che scende fino a diventare il fianchetto per il radiatore andando a formare una specie di saetta. Anche qui l’ABS è di serie, ed il prezzo al pubblico è di 10.745€.

 

 

Honda CB 1100: Questo modello è completamente diverso dagli altri, si tratta infatti di una moto che riprende le CB anni ’70 che hanno fatto la storia delle due ruote. Nonostante il sapore vintage la CB 1100 sa divertire ed è ben gestibile, con una sella alta 795mm da terra ed il rapporto di 84CV e 247Kg in ordine di marcia. Esce con ABS di serie a 11.250€.

 

 

Rivali: La nuova linea MT di Yamaha è sicuramente la più competitiva, anche se la gamma non è altrettanto ricca. Anche Kawasaki, con la linea Z, si dimostra una valida avversaria.

 

Articoli più letti
RUOTE IN RETE