Honda CTX700

Da Honda due nuovi modelli su base NC700 che puntano tutto su comodità e facilità di guida, con cambio automatico a doppia frizione e abs di serie declinate in due anime: cruiser e naked. La cruiser è la nuova CTX700

Honda propone per il 2014 un nuovo modello: CTX700. E’ mosso dal bicilindrico parallelo di 670 cc con potenza mantenuta in 48 cv (35 kw) sia per poter essere guidato dai possessori di patente A2 sia per offrire un mezzo poco impegnativo ma comunque gratificante grazie alla sostanziosa coppia di 60 Nm a 4.750 giri e al cambio doppia frizione DCT di serie. Prestata ad Eicma 2013.

Honda CTX700 è una via di mezzo tra una cruiser e una moto da strada. Caratterizzata dal basso cupolino anteriore raccordato al serbatoio e dalle borse laterali (di serie) offre una posizione di guida comoda, un manubrio ampio, la sella bassa da terra (720 mm) e un baricentro basso a tutto vantaggio dell’agilità, per un totale di 244 kg in ordine di marcia e con il pieno di benzina.

Il telaio è a diamante, il motore bicilindrico parallelo da 670 cc è fortemente inclinato in avanti per abbassare il baricentro. Le soluzioni ciclistiche prevedono:  forcella telescopica con steli da 41 mm, monoammortizzatore HMAS (Honda Multi-Action System) con leveraggio progressivo Pro-Link; impianto frenante  con dischi  a  margherita  di  320  mm all’anteriore con pinza a due pistoncini e 240 mm al posteriore con pinza a singolo pistoncino e ABS a due canali di serie per finire con i cerchi in alluminio a 5 razze sdoppiate con pneumatici 120/70 ZR17 e 160/60 ZR17.

Ma il vero elemento distintivo è il cambio a doppia frizione DCT. Il sistema sfrutta due frizioni coassiali: una per le partenze e quindi per la 1^, 3^ e 5^ marcia, l’altra per la 2^, 4^ e 6^ marcia. Preselezionando  la  marcia  successiva  tramite  la  frizione  non  in  uso,  il sistema è in grado di innestare elettronicamente e  in modo istantaneo le marce garantendo un cambio di rapporto sempre rapido, fluido e senaz interruzione dell’erogazione.

Le tre modalità del cambio DCT offrono la modalità Manuale che permette  di  cambiare  marcia  agendo  sulle  apposite  palette  al  manubrio,  lasciando  al pilota la scelta sul momento più opportuno per cambiare marcia, la modalità automatica (AT) con programma Drive (ideale per le andature turistiche, per i percorsi cittadini o le percorrenze autostradali) e Sport, con il motore che sale maggiormente di giri prima di cambiare.

La CTX in Italia sarà proposta nel solo colore Darkness Black Metallic e potrà essere arricchita con i seguenti accessori: parabrezza alto, manopole riscaldabili, portapacchi posteriore, schienale con staffe di supporto, cablaggio secondario per presa corrente accessori, cover serbatoio olio freno anteriore.

ARTICOLI CORRELATI