Honda presenta le nuove CRF250R e CRF450R 2016

La Casa dell'Ala presenta le MX per il 2016, ancora più efficaci dopo gli ultimi aggiornamenti che hanno visto come protagonista soprattutto la CRF250R con motore completamente rinnovato. Il prezzo dovrebbe aggirarsi intorno agli 8.000€ per entrambe, con qualche centinaia di euro in più per la 450.

Dopo Kawasaki con le KX e Yamaha con le YZ, ora anche la Casa dell’Ala presenta la sua gamma da cross per il campionato MX. Le Honda CRF250R e CRF450R, modelli 2016, introducono importanti novità e vengono commercializzate ad un prezzo di listino che dovrebbe aggirarsi, per entrambe, intorno agli 8.000 euro.

Iniziamo ad analizzare la Honda CRF250R. Le modifiche principali della CRF250R 2016 ruotano intorno alla testata, al pistone e alla biella completamente rivisitati. Il risultato è la potenza elevata – particolarmente agli alti regimi, senza perdita di prestazioni nella risposta ai bassi regimi – nella sensibilità all’acceleratore e nell’erogazione. Anche la coppia risulta migliorata, sia agli alti che ai bassi regimi. Il collettore di scarico è ora caratterizzato da una camera di risonanza e da due terminali di scarico ridisegnati internamente. Anche l’airbox è stato ridisegnato per migliorare il flusso dell’aria.

La forcella SFF-TAC-Air Showa ha subito numerose modifiche interne che si aggiungono a 5 mm di lunghezza aggiuntiva dei foderi per migliorare precisione, reattività, sensibilità di guida e a un’ulteriore possibilità di regolazione. L’ammortizzatore posteriore è stato ricalibrato per adattarlo alle novità introdotte sull’avantreno. Altre modifiche includono una riduzione del diametro dei rullini della catena della trasmissione finale e una migliore capacità, del nuovo supporto, di non ammassare il fango sulle pedane.

Anche la Honda CRF450R si rinnova. Avendo praticamente ridefinito, fin dalla sua introduzione, il punto di riferimento per il feeling sull’avantreno, la nuova forcella KYB ad aria Pneumatic Spring Fork (PSF2) con steli da 48 mm, è stata rivisitata per migliorare il controllo, la stabilità e il bilanciamento tra la sospensione anteriore e posteriore; la corsa rimane invariata ma la forcella risulta ora più lunga, con una maggiore rigidità dei foderi. Entrambi i livelli di smorzamento in compressione e in estensione sono più costanti per mantenere il controllo del punto di massima compressione, mentre la gamma di regolazioni è stata ampliata. Anche l’ammortizzatore posteriore ha un maggiore smorzamento in estensione nella fase medio-alta della sua corsa ed è stato introdotto un nuovo rapporto Pro-Link. Il nuovo ammortizzatore è dotato anche di una gamma più ampia di regolazioni.

Il nuovo assetto delle sospensioni ha comportato piccole modifiche alla geometria dello sterzo che complessivamente sono state introdotte per migliorare il controllo, la sensibilità e la facilità d’uso dal punto di vista del pilota. Altri aggiornamenti includono un nuovo design del supporto delle pedane e una catena di trasmissione più leggera. Con le novità introdotte nel 2015 la CRF450R ha ricevuto un’erogazione di potenza migliorata e una eccellente trazione della ruota posteriore fin dai regimi più bassi, con la potenza massima aumentata grazie all’adozione di una nuova testa, un nuovo sistema di scarico e una messa a punto ottimale del sistema di iniezione PGM-FI Dual Fuel, il tutto con specifiche HRC. Inoltre l’introduzione del pulsante di selezione delle mappature (EMSB) Honda situato sul lato destro del manubrio, ha consentito ai piloti di scegliere fra 3 diverse modalità di guida. La modalità 1 per una combinazione standard di mappe di accensione e di iniezione di carburante, la modalità 2 per un controllo dell’accelerazione dolce e lineare e la modalità 3 aggressiva, reattiva e dedicata all’espressione costante della massima potenza. Considerati gli ottimi
riscontri del pubblico sia in termini di efficacia che di prestazioni assolute, sulla CRF450R 2016 il motore è rimasto invariato.

ARTICOLI CORRELATI