Honda Transalp

Spostata la produzione della nuova Honda Transalp: dallo stabilimento spagnolo a quello italiano di Atessa, sempre più importante per la Casa giapponese

Honda Transalp in vent’anni ha fatto la storia dell’enduro alla portata di tutti e dei viaggi assaporati ad ogni metro, su asfalto che al di fuori di esso. Da poco, vent’anni dopo il suo primo debutto, torna sul mercato completamente rinnovata. Il motore, più leggero e potente del precedente, è un bicilindrico a V da 680cc raffreddato a liquido, 4 valvole per cilindro con alimentazione ad iniezione elettronica (PGM-FI) e catalizzatore a basse emissioni HECS3 con sonda lambda. Garantisce un’eccellente erogazione in ogni situazione di guida, sia su strada che fuori, esaltando la guida della moto, come abbiamo avuto modo di provare nel nostro test. Si è scelto di non privilegiare la potenza agli alti regimi per favorire una curva di potenza sempre “piena” e costante. Bassi costi di manutenzione e d’esercizio e piena conformità alla normativa EURO-3 sulle emissioni. Per quanto riguarda la ciclistica, telaio e sospensioni non presentano modifiche radicali rispetto al modello precedente. Ad ogni modo, la moto è più compatta di prima, mentre la posizione di guida risulta più bassa e comoda. Il catalizzatore è stato posizionato dietro al perno del forcellone, così da assicurare un baricentro più basso e migliorare il controllo della moto. Il diametro della ruota anteriore scende da 21 a 19 pollici, per facilitare la guida in città, sebbene questa scelta faccia storcere il naso ai puristi dell’on/off.. Nuovo pneumatico posteriore radiale 130/80; sostituisce i precedenti 120/90 assicurando una migliore stabilità (specialmente in curva) e maggior durata. L’interasse più lungo ed i nuovi pneumatici permettono con facilità di mantenere facilmente una velocità di crociera più elevata rispetto al modello precedente. Disponibile anche la versione CBS-ABS per un superbo controllo in frenata in ogni condizione di guida. Esteticamente, è una moto che non rompe con la tradizione, richiamando le linee di sempre; unica nota è il fanale anteriore, capace sicuramente di colpire. I colori disponibili sono carnelian red metallic, anchor grey metallic, barley yellow metallic e moody blue metallic.

ARTICOLI CORRELATI
RUOTE IN RETE