Kawasaki Ninja ZX-6R

Dati e immagini ufficiali della supersportiva verdona. Motore 636 cc da 128 CV. Svelata a Intermot a Colonia a ottobre e poi a Eicma Milano a novembre

Kawasaki ZX-6R
Più cilindrata e più prestazioni per la Verdona. Dopo la Kawasaki Z800 e la Kawasaki Ninja 300  è il turno della Kawasaki ZX-6R. Le moto del costruttore giapponese salgono di cilindrata e anche la supersportiva abbandona il 599 cm3 per salire a 636 cm3. Inoltre gode di una ciclistica riconfigurata in grado di emozionare in tutte le condizioni di guida, dalla pista alla montagna, dall’autostrada al traffico cittadino.
La supersportiva dagli occhi a mandorla (per la verità molto somigliante alla sua sorella maggiore, la superbike Kawasaki ZX-10R), viene equipaggiata con il sistema KTRC a 3 modalità, la selezione della mappatura motore e il sistema KIBS.

Motore della Kawasaki ZX-6R 2013
L’aumento di cilindrata del motore quattro cilindri verrà apprezzato tanto da chi frequenta spesso le piste quando da chi predilige i tornanti alpini. Ma per chi utilizza la ZX-6R tutti i giorni, il motore è stato reso più fruibile con un aumento di coppia ai regimi medio-bassi. La nuova frizione di ispirazione racing offre una funzione di limitazione della coppia in scalata e una sensazione di maggiore morbidezza alla leva.
Ora la potenza è di 128 CV a 13.500 giri e la coppia massima è di 71 Nm disponibile fino a 11.500 giri.
I condotti di aspirazione e di scarico sono stati perfezionati per adattarsi alla maggiore cilindrata del motore e regalare prestazioni migliori e una sensazione di maggiore potenza.
La camma servoassistita permette di incrementare la capacità di coppia della frizione, in modo da adattarsi al motore più potente senza aggiungere peso. In caso di freno motore eccessivo, ad esempio a causa di una serie di scalate rapide o di una scalata accidentale, la camma antislittamento si attiva allontanando il mozzo e il piatto spingidisco. In questo modo si allevia la pressione sui dischi della frizione per ridurre la coppia in scalata e prevenire derapate e saltellamenti dello pneumatico posteriore.

Ciclistica della nuova Kawasaki Ninja ZX-6R
Con una ciclistica riconfigurata per garantire le migliori prestazioni nelle curve strette, lanuova Ninja ZX-6R 636 è meglio equipaggiata per una gamma di utilizzo più ampia rispetto alla ZX600R. Non soltanto offre al conducente un alto livello di prestazioni su pista, ma la maggiore maneggevolezza, la nuova forcella SFF-BP, le pinze monoblocco, la posizione di guida sportiva naturale e le  regolazioni più affidabili della nuova Ninja ZX-6R 636 le consentono buone prestazioni anche quando l’asfalto non è liscio come quello del circuito.
Telaio, telaio posteriore e forcellone sono essenzialmente gli stessi della ZX600R, garantendo una ciclistica equilibrata e famigliare. I componenti del telaio di base offrono un eccezionale equilibrio tra agilità, stabilità a metà curva e capacità di cambiare traiettoria in qualsiasi momento, riunito
all’eccellente reattività della ciclistica.
Il nuovo design del paraolio del piantone di sterzo riduce l’attrito, aumentando la maneggevolezza in maniera evidente intorno ai 50-60 km/h.
La nuova forcella (Separate Function Fork – Big Piston) è dotata di molle su entrambi i lati, con la regolazione del precarico nello stelo sinistro e lo smorzamento affidato allo stelo destro.
L’azione morbida nella parte iniziale della corsa garantisce un’eccellente compostezza in frenata.
Le regolazioni della forcella sono state ottimizzate per le strade tortuose. Ciò garantisce non solo grandi prestazioni in pista, ma anche in autostrada e in città.
La forcella SFF-BP è molto più semplice da regolare. Tutte le regolazioni si trovano nella parte superiore degli steli della forcella (sui coperchi superiori): precarico a sinistra; smorzamento in compressione ed estensione a destra.
Per la sospensione posteriore c’è una molla più morbida con rapporti di leva più elevati che consentono alla sospensione di comprimersi più facilmente migliorano il comfort di guida al retrotreno, offrendo una sensazione di maggiore morbidezza in città o in autostrada.
Le possibilità di regolazione della sospensione posteriore comprendono precarico, smorzamento in estensione e smorzamento in compressione.
La nuova Ninja ZX-6R 636 è dotata di pinze monoblocco Nissin ad attacco radiale potenti ed estremamente rigide che offrono un controllo eccellente e una sensazione di maggiore solidità alla leva.
I due dischi anteriori semi-flottanti a margherita in acciaio inox dal diametro  maggiorato di 310 mm garantiscono una frenata più potente.
Il posteriore è rallentato da un disco a margherita da 220 mm.
Grazie al risparmio di peso per quanto riguarda motore, sospensioni e dischi, il peso della Ninja ZX-6R è di 192 kg (194 con l’ABS).

In sella alla Ninja ZX-6R
La posizione di guida è sostanzialmente la stessa della ZX600R. Il rapporto tra sella, poggiapiedi e manubri delle supersportive Ninja Kawasaki offre una naturale posizione per la guida sportiva.
La forma del serbatoio svasata rende più facile per il conducente appoggiare la parte interna del
braccio durante la piega in curva. L’ampia area di contatto migliora le sensazioni di guida trasmesse dalla moto.
La sella si restringe nella parte anteriore, per una posizione di guida più raccolta e per agevolare l’appoggio a terra dei piedi. Sebbene l’altezza da terra della sella (830 mm) sia leggermente superiore a quella della ZX600R, con le regolazioni più morbide delle sospensioni la moto ha all’incirca la stessa altezza una volta saliti in sella.
La carenatura anteriore e il cupolino (ecco dove deriva la somiglianza con la ZX-10R) offrono una buona protezione dal vento nella guida sportiva.

Dotazione tecnologica della Kawasaki Ninja ZX-6R
La nuova Ninja ZX-6R 636 è dotata di tutti i sistemi tecnologici più recenti.
Il sistema di controllo della trazione è lo stesso che troviamo sulla Kawasaki ZZR1400 ed è ancora più avanzato di quello della Ninja ZX-10R.
Insieme alle due modalità di mappatura del motore, questo sistema offre al conducente otto combinazioni per un’ampia gamma di condizioni di guida.
Come per la 10R, i modelli con ABS sono dotati di KIBS, un sistema altamente avanzato progettato specificatamente per le supersportive.
Il sistema di controllo della trazione KTRC riunisce i migliori elementi dei due sistemi di controllo della trazione di Kawasaki: S-KTRC e KTRC. Tre modalità coprono  un’ampia gamma dicondizioni di guida, offrendo migliori prestazioni nella guida sportiva o la possibilità di affrontare superfici scivolose in tutta sicurezza.
Il conducente può scegliere fra tre modalità.
Le modalità 1 e 2 hanno come priorità la massima accelerazione in avanti (come nel sistema S-KTRC della Ninja ZX-10R 2011) e oprono una
gamma molto più ampia di condizioni di guida. Una programmazione altamente sofisticata consente una leggera perdita di aderenza, al fine di massimizzare l’accelerazione. La quantità ideale di perdita di aderenza dipende dalle condizioni di guida e dal tracciato.
La modalità 3 (la più invasiva) è simile al sistema KTRC presente sulla 1400GTR ABS 2010 (Concours 14 ABS), che garantisce la sicurezza del conducente facilitando una guida fluida su superfici scivolose. I conducenti possono anche decidere di disattivare il sistema.
Viene utilizzata la stessa logica e controllo delle modalità 1 e 2 durante il funzionamento normale. Tuttavia, quando viene rilevato uno slittamento eccessivo della ruota posteriore, la modalità 3 passa al controllo a tre vie – regolamento di fasatura dell’accensione, apporto di carburante e flusso d’aria (attraverso le valvole secondarie a farfalla) – e la potenza del motore viene ridotta ad un livello che consente alla ruota posteriore di riguadagnare aderenza.
In modalità 3, il sistema KTRC consente al conducente di affrontare sia brevi tratti scivolosi (binari o tombini), sia lunghi tratti con manto stradale in cattive condizioni (su bagnato, acciottolato, ghiaia, ecc.) senza alcun problema. La perdita di aderenza della ruota è limitata anche in caso di partenza su superfici scivolose.
Come impostazione predefinita, il sistema KTRC è sempre attivato all’avvio del motore (la modalità sarà quella che era in funzione al momento dell’ultimo spegnimento del motore, oppure la modalità 1 se il sistema era spento). Per guidare senza il sistema KTRC, il conducente deve spegnere
volontariamente il sistema (utilizzando il pulsante sulla manopola sinistra).
Il KIBS (sistema frenante antibloccaggio intelligente, solo ZX636F) è un sistema a più sensori che riceve segnali da numerosi componenti della moto. Oltre ai sensori di velocità delle ruote anteriore e posteriore, come in qualsiasi altro ABS, il KIBS tiene sotto controllo anche la pressione idraulica delle pinze anteriori e numerose altre informazioni provenienti dall’ECU del motore (posizione della valvola a farfalla, velocità del motore, attivazione della frizione e marcia inserita). È la prima volta che in una moto di serie l’ECU del motore e l’ECU dell’ABS comunicano tra di loro.
Con le opzioni KTRC e mappatura del motore, il conducente ha a disposizione otto combinazioni tra le quali scegliere. Ad esempio, su asfalto asciutto un conducente esperto può scegliere la modalità Full e la modalità 1 del sistema KTRC per una guida sportiva. Sul bagnato o su superfici stradali scivolose può selezionare la modalità Low e la modalità 3 del sistema KTRC. Ciascun sistema può essere impostato in modo indipendente per soddisfare al meglio le capacità/preferenze del conducente, la situazione di guida e le condizioni della strada.
Come il sistema KTRC, anche la mappatura del motore può essere controllata dalla manopola sinistra.

Stile Ninja più aggressivo sulla nuova ZX-6R
Il nuovo stile aggressivo, influenzato dal design della Ninja ZX-10R, assicura che la nuova Ninja ZX-6R 636 sia subito riconoscibile come membro della famiglia.
La carenatura anteriore presenta un  muso appuntito come la Ninja ZX-10R, che le conferisce un’immagine più aggressiva.
Le aperture ampie aumentano inoltre il flusso d’aria che migliora la dispersione del calore.
Il nuovo design aggressivo dei fari anteriori prevede dei proiettori. Le doppie luci di posizione si trovano sui margini esterni dei fari anteriori. Il nuovo design delle luci posteriori a LED contribuisce ulteriormente all’aspetto sportivo della Ninja ZX-6R 636.
Il quadro strumenti permette di ottenere tutte le informazioni a colpo d’occhio. Il contagiri in stile analogico è accompagnato da un display LCD multifunzione. Le nuove funzioni comprendono: KTRC, mappatura del motore e indicatore di guida economica.
L’indicatore numerico della marcia inserita a caratteri grandi fornisce al conducente informazioni istantanee, particolarmente utili in caso di errore di cambiata.
La nuova Kasawaki Ninja ZX-6R è disponibile in due colorazioni: Lime Green/Metallic Spark Black e Pearl Flat Stardust White/Flat Ebony.

TAGS:
ARTICOLI CORRELATI