USATA
cerca auto nuove
NUOVA

Kawasaki W800

La casa giapponese sta per pensionare la W650 rimpiazzandola con una sua evoluzione per contrastare la Triumph Bonneville

Dopo la presentazione ai saloni autunnali, Kawasaki W800 arriva nei concessionari rimpiazzando riaprendo il libro di storia, fermo alla W650. E rispetto alla sorella, la W800 ha un’estetica ed una tecnica molto fedele, che esaltano un forte gusto nostalgico.

Chiari i riferimenti alle classic come Moto Guzzi V7 e Triumph Bonneville T100: cerchi a raggi montati su gomme strette da 19” davanti e 18” dietro, soffietti sulla forcella (telescopica da 39 mm), grande faro tondo anteriore, serbatoio stile anni ’60 con logo retrò e para ginocchia in gomma, manubrio alto e largo, ampio ricorso alle cromature per parafanghi e scarichi bassi, due ammortizzatori posteriori in acciaio. La sella è morbida e comoda per due, bassa per toccare terra con entrambi i piedi senza problemi di equilibrio che rendono la W800 maneggevole e precisa. Ad impreziosirne il look vintage le cuciture  trasversali.
Pur di rimanere fedeli allo stile, il freno posteriore è a tamburo, a discapito di una frenata potente e modulabile. A disco singolo stretto da pinza a due pistoncini invece il freno anteriore.
Unico aggiustamento moderno è l’iniezione elettronica.

Il motore è un bicilindrico parallelo da 773 di cilindrata raffreddato a aria con una erogazione rispettosa dello stile retrò e una coppia massima che si raggiunge ad appena 2.000 g/min.

Anche il video di presentazione prodotto da Kawasaki richiama lo stile di una volta. Forse anche in modo un po’ troppo esagerato.

Con la Kawasaki W800 Potremmo iniziare a respirare il buon sapore dei ’60, ad un prezzo di 8.190 euro.

Articoli più letti
RUOTE IN RETE