USATA
cerca auto nuove
NUOVA

Kawasaki ZX-10R 2011: problemi agli alti regimi di rotazione

La supersportiva giapponese accusa problemi al motore ad alti regimi di rotazione, motivo per cui le vendite della superbike sono state sospese

La causa della sospensione delle vendite della nuova Kawasaki ZX-10R deriva da alcuni problemi quando il motore è ad alti regimi ed è particolarmente stressato (come per esempio può succedere in gara). In pratica, in marcia il motore non sopporterebbe un certo regime e questo provocherebbe blocchi pericolosi. Le informazioni arrivano da un’intervista rilasciata alla stampa estera da una voce anonima interna alla Kawasaki.
Il problema riguarderebbe alcuni motori ma per precauzione la casa giapponese ha ritenuto opportuno, dopo il caso scoppiato negli Stati Uniti, posticipare le consegne a livello internazionale fino a quando il problema non sarà risolto. La Kawasaki ha definito l’operazione “Technical Hold”, gergo tecnico interno alla casa per indicare la sospensione e l’interruzione delle consegne e delle vendite da parte dell’azienda di tutti gli esemplari ritenuti sospetti.

Curioso il fatto che questo problema non si sia verificato durante la presentazione della superbike verdona, che tra l’altro aveva suscitato commenti entusiastici. Questo perché la moto utilizzate alla presentazione stampa – fa sapere l’anonima voce interna – provenivano dalla prima catena di produzione e quindi anche quelle dovranno essere controllate, prima di essere consegnata alla stampa nuovamente.
Stando alle parole dell’insider Kawasaki, non sarebbe però una questione di sicurezza e in fabbrica si stanno arrovellando per trovare una soluzione che verrà annunciata non appena sarà individuata.
Nel frattempo, i tecnici stanno investigando sui motivi per cui il problema si è verificato successivamente alla presentazione e su quale sia la reale natura del problema, perché come tante persone in Kawasaki, nemmeno l’insider sa qual ‘è.
Per il momento, si sa solo che le Ninja ZX-10R hanno un problema di tenuta del motore ma non quale ne’ perché si è verificato dopo la presentazione.
Si prospetta un Natale di duro lavoro in Kawasaki e non ci rimane che augurare agli addetti un buon lavoro, sperando di rivedere presto l’ultima superbike verde in strada.

Articoli più letti
RUOTE IN RETE