USATA
cerca auto nuove
NUOVA

Marc Coma ingrana la quinta vittoria nell’edizione 2015 della Dakar

Dakar 2015: Marc Coma batte cinque volte tutti gli altri, vincendo nuovamente l’insidiosa gara in in sella alla sua KTM, che piazza sette moto nelle prime 8 posizioni. Nono posto per la brillante Laia Sanz ed un ottimo 14° per Paolo Ceci, primo italiano in classifica.

Termina l’edizione 2015 della Dakar, con un grande Marc Coma che si riconferma uno dei più grandi talenti di questa gara incredibile e stremante: dopo aver vinto le edizioni 2006, 2009, 2011 e 2014 ecco che torna a vincere a cavallo della sua KTM.
 
Purtroppo però lo spagnolo non ha potuto fare il suo ingresso trionfale a Buenos Aires, dato che l’organizzazione (a differenza dell’ottava tappa) ha deciso di non rischiare ed accorciare l’ultimo tratto di 73Km.
Il marchio austriaco ha dominato anche in queste settimane, aggiudicandosi il 14° titolo consecutivo e piazzando sette moto nelle prime otto posizioni. Sembra quindi che per vincere una Dakar sia necessario essere in sella ad una KTM. 
Secondo Posto per Gonçlaves, rallentato dopo una penalità dopo aver rotto il motore. Il grande favorito, Joan Barreda, chiude diciassettesimo avendo perso parecchio tempo nei laghi di sale di Uyuni.
Prestazione strabiliante per  Laia Sanz, la spagnola infatti conquista una nona posizione di tutto rispetto, dimostrandosi secondo pilota del Team HRC. 
I ragazzi di casa che hanno terminato la gara sono il grande Paolo Ceci, con un quattordicesimo posto davanti a Barreda, Brioschi con un 46° posto, Toia al 57° e Casuccio con il 60° posto.

Si conclude così l’edizione 2015 della Dakar che vede, secondo noi, 79 vincitori.
In una competizione come questa partecipare è davvero la cosa più importante e, se si riesce arrivare per noi si può considerare chiaramente una vittoria. 

Un pensiero infine va a Michal Hernik, polacco di 39 anni, che ha perso la vita durante la terza tappa. È la settantunesima vittima, tra partecipanti e non, di questa competizione al limite delle capacità umane. 

Articoli più letti
RUOTE IN RETE