USATA
cerca auto nuove
NUOVA

Moto Guzzi V7 Stone

Moto Guzzi V7 Stone una nuova versione dal carattere ancora più deciso viene presentata all’Ecima 2013. La V7 Stone, total-black, ha un'essenza minimalista e una destinazione metropolitana

Una nuova versione dal carattere ancora più deciso è quella presentata al Motor Bike Expo 2014 per la Moto Guzzi V7 Stone MY 2014. La V7 Stone, infatti, ora è total-black, una cromia che esalta la sua essenza minimalista e la sua destinazione metropolitana.

Ciò che ha guidato la nascita di questa nuova versione è stata l’idea di convertire la più accessibile delle V7 a un look total-black, trasformando le cromature in nero, con l’unica eccezione del motore, che conserva i toni cromatici delle leghe di metalli e la lucentezza dell’impianto di scarico. Su tutto il resto della moto, dagli specchietti retrovisori agli ammortizzatori, dai parafanghi alle ruote, fino ai fianchetti, è il trionfo del nero.

La caratteristica tecnica che differenzia la Moto Guzzi V7 Stone dalle sorelle maggiori sono le ruote in lega leggera, più moderne mentre un nuovo volano in bagno d’olio sostituisce il precedente alternatore a secco.  Modificando leggermente anche il frontale del bicilindrico a V di 90° grazie a un nuovo coperchio dall’aspetto più compatto e gradevole.

La ciclistica
Un elemento chiave del progetto è il telaio a doppia culla, con elementi inferiori imbullonati e staccabili. Si tratta di un’unità solida grazie anche al cannotto di sterzo inclinato di 27°50’, un angolo d’incidenza che assicura stabilità e precisione nei cambi di direzione. La forcella telescopica con steli da 40 mm ha un’escursione di 130 mm ed è dotata di cuffie para-polvere.

Gli ammortizzatori posteriori,sono regolabili nel precarico molla e hanno un’estensione di 118 mm. Il comparto frenante consta di un disco anteriore flottante da 320 mm e uno posteriore da 260 mm.

Il motore della V7 Stone
Per quanto riguarda la termica questa ha ripreso la forma arrotondata, tipica della prima generazione del bicilindrico di Mandello e anche il coperchio valvole è un omaggio alle V7 delle origini: realizzato in alluminio, ricopia fedelmente il profilo delle alettature esibendo la scritta Moto Guzzi che compare anche sul coperchio del nuovo volano raffreddato in bagno d’olio.

Sulla V7 l’elemento è un Magneti Marelli MIU3G da 38 mm di diametro con collettore realizzato in gomma, totalmente nervato e dall’andamento rettilineo (diametro 36 e 39 mm rispettivamente dai gruppi porta iniettori e dal corpo farfallato). Altra caratteristica è la presenza della candela centrale con filettatura d=10mm ed elettrodo prominente. 

All’efficienza del motore si aggiunge l’elevato rapporto di compressione di 10.2 l’estesa alettatura dei cilindri che tiene basse le temperature medie di esercizio e la generosa cassa filtro pensata per ottimizzare le esigenze di “respirazione” del bicilindrico di Mandello. La coppia motrice raggiunge il picco massimo di 60 Nm a soli 2800 giri/m limitando così l’uso del cambio e i consumi, tanto da percorrere oltre  23Km/l sul ciclo misto. Il cambio è sempre a 5 rapporti così come da tradizione la trasmissione finale affidata al celebre cardano, garanzia di affidabilità, sicurezza, comfort, pulizia ed assenza totale di manutenzione.

Articoli più letti
RUOTE IN RETE