Motociclista e gentiluomo

Si chiama "The Distinguished gentleman's ride" ed è un evento nato quasi per scherzo che oggi è diffuso in tutto il pianeta (più o meno) e che serve per far capire che il motociclista non è per forza brutto, sporco e cattivo... ma soprattutto per raccogliere fondi!

The Distinguished gentleman’s ride è una mezza goliardata nata diversi anni fa in Australia e che, oggi, è presente in tutto il mondo… di fatto è un motoraduno dedicato soprattutto ai possessori di moto classiche, café racer, bobber ecc ecc (ma tutti i motociclisti sono ben accetti) che si presentano vestiti di tutto punto (sempre un po’ retro) per dimostrare che i motociclisti non sono per forza sporchi, brutti e cattivi. 
Ma c’è di più: a chi si iscrive e aderisce a questo evento viene chiesto di fare una donazione per una motivazione particolare (quest’anno sostenere la ricerca contro il cancro alla prostata) e i risultati non si sono fatti attendere: al momento risulta raggiunta la cifra di 917.660 euro!
I paesi dove si conta la maggior partecipazione sono Australia, Stati Uniti e Gran Bretagna, ma anche l’Italia con i suoi 1706 iscritti non è messa male… Le città italiane dove si svolgerà la manifestazione sono diverse: Milano, Roma, Palermo, Vicenza e molte altre e sul sito si possono trovare tutte le indicazioni necessarie per partecipare o solo per essere informati (www.gentlemansride.com). Inoltre Triumph quest’anno ha deciso di sostenere l’evento mettendo in palio tra chi verserà più di cento euro o raccoglierà più di cento euro in sponsorizzazione (i gruppi infatti possono anche raccogliere sponsor per partecipare all’iniziativa) una Truxton nuova nuova.
Quindi se volete siete ancora in tempo per trovare dove si svolge l’evento più vicino a voi e iscrivervi, o anche solo andare a vedere questa manifestazione! 
Per quanto ci riguarda saremo con la mente e con il cuore in Cina, visto che il numero degli iscritti è: 1.
Anche fare un motoraduno da soli ci vuole un certo carattere…

ARTICOLI CORRELATI
RUOTE IN RETE