MV Agusta porta un pezzo di storia al Retromobile 2019 di Parigi

Oggi, sabato 9 febbraio, andranno all’asta più di cento motociclette della più grande collezione MV Agusta al mondo con quotazioni che potrebbero toccare valori da capogiro

Sarà un’occasione unica per gli amanti delle moto storiche: stiamo parlando dell’edizione 2019 di Retromobile che andrà in scena oggi, sabato 9 febbraio, a Parigi e che vedrà tra le protagoniste MV Agusta.

MV Agusta al Retromobile 2019 di Parigi

MV Agusta promette di essere tra le principali protagoniste del Retromobile 2019 di Parigi, con una collezione invidiabile sia sotto l’aspetto qualitativo che numerico. E oggi gli appassionati collezionisti potranno aggiudicarsene i pezzi più rari durante un’asta organizzata da Artcurial nell’ambito della prestigiosa fiera francese. Come vere e proprie opere d’arte motociclistica, le moto sono già esposte da mercoledì 6 febbraio nel salone 2.2 di Paris Expo a Porte de Versailles. L’asta avrà invece luogo in una sala adiacente alle ore 14.00. La collezione ripercorre la storia del marchio MV Agusta dall’immediato dopoguerra fino ai giorni nostri, tra prototipi, mezzi da gara e ovviamente tanti pezzi unici per cui ci sia aspettano quotazioni da capogiro prima del fatidico triplo colpo di martello. Per i due prototipi 750 del 1975 e 750 S progettata dal leggendario Arturo Magni e appartenuta al pilota di Formula 1 Arturo Merzario, non dovremo stupirci di arrivare a offerte pari a centinaia di migliaia di euro.

MV Agusta fa rima con storia

Giustamente orgoglioso della collazione che sarà presente a Parigi, è Timur Sardarov, CEO di MV Agusta: “Le nostre moto sono tra le più collezionabili al mondo, e constatiamo con piacere una intensa attività di scambio tra appassionati anche se la casa non è direttamente coinvolta nell’evento, siamo felici che il nostro marchio e la sua storia siano così ben rappresentati su un palcoscenico mondiale tra i più prestigiosi. Apprezziamo molto l’iniziativa di Artcurial così come l’alto grado di professionista e la passione dimostrate nell’organizzazione dell’asta e della mostra”.

ARTICOLI CORRELATI