USATA
cerca auto nuove
NUOVA

NCR

Nata nel 1967 a Borgo Panigale in provincia di Bologna come officina meccanica attrezzata nella costruzione di moto da corsa su base Ducati, oggi conta sul supporto del Gruppo Poggipolini e produce moto da corsa, su misura e su ordinazione

NCR: un sogno a Borgo Panigale
NCR è l’acronimo del cognome di tre sognatori che nel 1967 diedero vita ad un’officina meccanica attrezzata nella costruzione di moto da corsa: Rino Caracchi, Giorgio Nepoti e Rizzi che dalla periferia nord di bolgona, a Borgo Panigale, iniziarono a costruire moto racig su base Ducati. A due passi dallo stabilimento di Via Cavalieri Ducati.
La loro attività viene supportata da Franco Farnè, Recchia, Pedretti, Cavazzi e anche dall’ Ing. Taglioni. Tra fine anni ’60 e inizio ’90 i fondatori realizzarono moto uniche capaci di vincere competizioni mondiali: tra tutte, la mitica e gloriosa Ducati 900NCR di Mike Hailwood che nel 1978 vinse il Titolo Mondiale Formula 1 all’isola di Man.
Quando Rizzi abbandonò l’impresa il nome rimase sempre NCR, ma la “R” si trasformò in Racing e e diventò scuderia NCR, diventando il primo reparto corse distaccato della Ducati, perché all’epoca, negli anni ’70, Ducati non era coinvolta direttamente nelle corse e quindi i motori e le parti ciclistiche venivano affidate alla NCR per essere poi elaborate e assemblate insieme dando vita a moto da corsa pronte a confrontarsi con i team ufficiali. Da sempre il binomio Ducati-NCR è sinonimo di corse
Oggi NCR costruisce solo moto su misura e su ordinazione. Dalla fine del 2001 può contare sul sostegno del Gruppo Poggipolini, azienda leader mondiale nella lavorazione di leghe leggere come titanio, magnesio, alluminio e acciai speciali, e affermata realtà in ambiti importanti come Formula1, MotoGP, aeronautica e nautica.
Ma come ieri le moto e le parti speciali NCR vengono sviluppate, prodotte e assemblate a mano, modello su modello, numero su numero applicando la più avanzata tecnologia e la cura più attenta:, con estrema attenzione al dettaglio per un risultato eccellente.
La costruzione delle moto NCR segue un processo unico dove la più avanzata tecnologia viene plasmata dall’eccellente  artigianalità, tale da ottenere moto su misura del cliente stesso, che può richiedere soluzioni a sua discrezione.

Le moto NCR
L’officina (anche se è riduttivo chiamarla così) bolognese distingue le sue moto in due categorie: le moto NCR e quelle di derivazione Ducati.
Le prime sono MC16, Macchia Nera, Millona e
La NCR M16 parte dal motore Ducati D16RR e si sviluppa su un design semplice ma funzionale e con prestazioni da prima della classe date dallo straordinario rapporto peso/potenza, sfruttando mateirali sofisticati come il titanio ed il carbonio.
Il risultato è una moto di 145 kg (più leggera di una MotoGP!) che sprigiona una potenza superiore ai 200CV.
Macchia Nera è un prototipo, una moto costruita con un fuocus singolare ed è realizzata con vasto uso di prodotti in titanio e altre leghe leggere e speciali, derivati da settori come F1, MotoGP e aerospaziale.
Il design è nato dopo una collaborazione con Aldo Drudi il quale è riuscito brillantemente a realizzare il modello che NCR aveva in mente. La potenza è di 185CV distribuiti su un peso davvero contenuto: appena 135 kg.
realizzato in fibra di carbonio e titanio.
La Millona è nata nel 2009 è una moto per la pista. Il motore sviluppa una potenza di 116 CV che corrono su un peso di soli 125 kg, ma che può variare a seconda della configurazione.
Il target della NCR Millona è molto alto, si rivolge a una nicchia di mercato alla ricerca di un pezzo unico e di alta classe, un oggetti d’arte di alta orologeria meccanica. Ma soprattutto ai veri intenditori di meccanica e tecnica pura, montata su un telaio in alluminio Alu4.0 dal peso di 3,9 kg

Le NCR derivate dalle Ducati
La Leggera deriva dalla Hyperrmotard, riprogettata su un telaio in titanio per un peso complessivo di 157 kg. Le sospensioni sono state sviluppate direttamente in collaborazione con Ohlins montando componenti da competizione regolabili; le pinze dei freni sono le monoblocco Brembo Racing mentre i cerchi sono in carbonio disegnati su specifiche NCR da BST.
NCR e Mike Hailwood hanno scritto insieme una delle più avvincenti ed importanti pagine della storia motociclistica sportiva. Nel 1974 a seguito di un terribile incidente in Germania la sua carriera era finita ma nel 1977 incontra Steve Wynne della Sport Motor Cycles Ltd. che gli fa provare una Ducati 900SS preparata da lui. Hailwood ne apprezza l’assetto che decide di correre al Tourist Trophy dell’Isola di Man l’anno successivo. Vincendo la corsa.
Nel 2008 NCR volle celebrare il 30° Anniversario di quella leggendaria vittoria presentando la NCR Mike Hailwood TT, prodotta in soli 12 esemplari tutti costruiti completamente a mano e  realizzata per partecipare al prossimo Tourist Trophy dell’Isola di Man del 2009, quindi il suo livello tecnologico è senza precedenti. Il telaio è completamente in titanio e pesa 5 Kg e regge un motore da 1120 cc che eroga una potenza di 130 CV a 8.700 giri/minunto ed una coppia di 13,5 Kgm/7.000 giri.
NCR New Blue è un progetto sviluppato su richiesta e insieme a Ducati North America. Viene costruita in serie limitata solo per l’uso pista ed è un omaggio alla vittoria di Cook Neilson ottenuta nel 1977 a Daytona a bordo di una Ducati 750SS, conosciuta come Old Blue preparata da Phil Schilling. Fu la prima vittoria per un marchio italiano negli Stati Uniti, quindi fondamentale per il mercato USA.
La base è la nuova Ducati Sport 1000S 07, completamente rivista da NCR e alleggerita in ogni suo punto, arrivando al peso di 150 kg contro i 188 kg del modello stradale contro un incremento del 40% della potenza fino a 116 CV. Il motore, infatti, è il 1100NCR, la ciclistica è di derivazione corse, così come l’impianto frenante tutto made in Ohlins, Brembo e Poggipolini Titanium.
Anche il progetto NCR 848 nasce in collaborazione con Ducati North America. Grazie al supporto ufficiale della sede amaericana NCR è diventata team Ufficiale Ducati per parteciapre al campionato Superbike in Canada nella classe Thunder con due Ducati 848 interamente sviluppate e realizzate ad hoc per questo campionato.
L’obiettivo era quello di vincere e di dimostrare che la 848, elaborata con tutti gli accessori e parti speciali NCR è davvero molto competitiva. Obiettivo raggiunto: infatti, i due piloti ufficiali, Valter Bartolini e il canadese Andrew Nelson, hanno dominato tutte le 7 prove del campionato canadese, aggiudicandosi 7 vittorie su 7, 7 pole positions, 7 giri record di categoria e 4 doppiette.

Articoli più letti
RUOTE IN RETE