Nuova Aprilia RSV4 Factory

L'italiana di Noale è stata eletta moto dell'anno dai motociclisti di 12 paesi europei. Motore a V stretta, elettronica avanzata, leggerezza e compattezza sono alcune delle caratteristiche che la rendono unica

Leggi il nostro test ride in pista a Misano!

Aprilia RSV4 Factory, la moto che ha stupito al suo esordio nel mondiale SBK, sia a livello di soluzioni tecniche, sia per i risultati (sono già due i podi conquistati da Max Biaggi), è stata premiata oggi al paddock dell’autodromo di Monza come miglior moto sportiva del 2009. Proprio in occasione del round italiano della SBK a Monza, Aprilia RSV4 Factory ha celebrato un nuovo successo di pubblico, decretato questa volta dal voto nel referendum per la Moto dell’Anno 2009 indetto dal mensile italiano “InMoto” e da altre 11 prestigiose testate specializzate europee. Sono stati i lettori di 12 Paesi che hanno decretato il trionfo di Aprilia RSV4 Factory nella categoria Moto Sportive, la più ambita e “combattuta” per la presente di tutti i più importanti Costruttori mondiali.

Delle 150 inizialmente dedicate al mercato italiano, ne sono già state vendute o prenotate un centinaio. Tanti sono gli appassionati che si vogliono accaparrare una race replica stradale. E tante le novità sia a livello estetico che in termini di prestazioni per una moto veramente ben studiata in ogni suo dettaglio. Una moto eccezionale sotto ogni profilo: primo fra tutti il rivoluzionario quattro cilindri a V di 65°, con un telaio a doppio trave in alluminio che permette di avere un motore compatto ma dalle prestazioni sorprendenti, 180 cavalli a 12.500 giri, 115 Nm di coppia a 10mila giri, frizione multidisco in bagno d’olio, cambio estraibile a 6 rapporti e telaio regolabile in alluminio a doppia trave. I dati, invece, relativi alla versione racing sono: supera i 15.000 giri e sviluppa circa 220cv.

Vista la sua “vocazione” racing, la Factory avrà ampie possibilità di regolazione, dal telaio, a geometria variabile, che offre la possibilità di variare parametri quali l’inclinazione del cannotto di sterzo ma anche il posizionamento del forcellone e persino quello del propulsore. Inutile quasi a dirlo ma precisiamo per completezza che tutta la componentistica è di altissimo livello: forcella da 43mm e ammortizzatore Ohlins, freni Brembo con pinze monoblocco e cerchi in alluminio forgiato, il tutto per un peso a secco di 179 kg.


Esteticamente i tratti distintivi Aprilia si distinguono subito. Il triplo faro anteriore ricorda la prima RSV Mille del 1998 e il codino, slanciato e leggero, denota un’attenzione particolare. L’elettronica poi avrà un ruolo centrale nella gestione della moto. Grazie alla tecnologia Ride by Wire multimappa, si aprono nuove frontiere nella gestione del motore, con possibilità di sviluppo pressoché infinite di controllo dell’erogazione di potenza e di controllo di trazione (già presente nella versione racing). In ultima il prezzo di 20.000 euro. E per i primi 150 appassionati sarà compreso nel prezzo un corso di guida sportiva e un invito, valido per due persone, a una gara del mondiale SBK 2009.

Tag:
ARTICOLI CORRELATI
RUOTE IN RETE