Nuove Yamaha YZF-R1 2020 e R1M 2020: ancora più MotoGP!

Entrambe le versioni sono dotate di motore a 4 cilindri da 998 cc mette a disposizione del pilota 200 CV ed è uno dei propulsori più entusiasmanti nell'intero panorama motociclistico

Yamaha rinnova la propria gamma di moto supersportive lanciando le nuove YZF-R1 e YZF-R1M. La YZF-R1 adotta un look completamente nuovo ispirato alle competizioni, con un motore perfezionato e un telaio migliorato che confermano il suo ruolo di supersport Yamaha. Ogni modello R-Series si ispira alle YZR-M1, e la nuova carena della YZF-R1 2020 sottolinea lo stretto legame tra le moto Yamaha che competono in MotoGP e i modelli supersport della produzione di serie. Il DNA sportivo della M1 è evidente nello stile aggressivo del cupolino e nel plexi racing, mentre i fianchetti della carena si raccordano senza soluzione di continuità alla zona del serbatoio, offendo un look integrato esaltato da colori in tinta per le plastiche sotto il serbatoio. La nuova carena offre un’efficienza aerodinamica aumenta del 5%, offrendo vantaggi significativi a velocità elevata. I fari anteriori a LED dal nuovo disegno e le luci di posizione a LED riviste esaltano ulteriormente una linea estrema da moto di ultima generazione e il carattere del modello 2020.

Yamaha YZF-R1 2020: com’è fatta

Entrambe le versioni sono dotate di motore a 4 cilindri da 998 cc mette a disposizione del pilota 200 CV ed è uno dei propulsori più entusiasmanti nell’intero panorama motociclistico. Il sofisticato motore crossplane offre prestazioni inarrivabili in pista e nel 2020 presenta una serie di innovazioni che assicurano livelli elevati e costanti di prestazioni superlative, rientrando allo stesso tempo nella normativa Euro 5. I tecnici Yamaha hanno ulteriormente migliorato le straordinarie prestazioni del propulsore al limite del contagiri con l’adozione dei nuovi bilancieri a dito e nuovi profili del lobo delle camme, per ottimizzare l’alzata delle valvole e renderne più stabile l’apertura e chiusura a regimi di giri elevati. Il risultato è un funzionamento del motore più fluido ed efficiente. Una delle innovazioni più significative è il nuovo design del sistema di aspirazione, con la testa cilindro ridisegnata e il gruppo iniettori riposizionato per ottimizzare le prestazioni del motore. I copri farfallati sono stati avvicinati alla camera di combustione per ridurre il volume di aria in aspirazione migliorando la stabilità e l’efficienza della combustione. Altre migliorie sono il nuovo design dello scarico con un totale di 4 catalizzatori, due collocati di fronte alla camera di espansione e l’altro paio dietro. I paracalore del silenziatore e del motore sono dotati anche di soluzioni che permettono di ridurre ulteriormente il rumore.

La moto è equipaggiata col Yamaha Chip Controlled Throttle (YCC-T), il sistema che controlla i corpi farfallati, è presente anche nel 2020. Per migliorare il feeling all’acceleratore e contenere i pesi YZF-R1 adotta un nuovo sistema APSG (Accelerator Position Sensor Grip) con un magnete e un sensore che trasmette informazioni a YCC-T. Per mantenere la sensazione intuitiva della manopola tradizionale, la nuova unità APSG è dotata di molla, cursore e ingranaggio che offrono una sensazione naturale e progressiva, mentre i setting sono stati pensati per migliorare i livelli di controllo e l’interazione tra il pilota e la sua moto. L’eccellente forcella Kayaba con steli da 43 mm ed escursione di 120 mm è considerata tra le migliori della categoria e la struttura interna degli steli è stata modificata per migliorare il feedback. La frenata è al vertice della categoria grazie ai doppi dischi anteriori da 320 mm con pinze monoblocco di YZF-R1 sono conosciuti per il loro straordinario feeling in frenata e per le loro prestazioni.

Nel 2020 le pastiglie sono realizzate in un nuovo materiale ad alto attrito che garantisce arresti ancora più decisi. Sul nuovo modello anche le gomme migliorano e gli ultimi pneumatici Bridgestone Battlax RS11 offrono una trazione eccezionale e un feedback preciso, e permettono al pilota di spingere di più quando è necessario. Il nuovo sistema di controllo freni (Brake Control, BC) consente ai piloti di scegliere una delle due modalità ABS – BC1 e BC2 – che meglio si adattano alle preferenze personali e alle condizioni di guida. Il Launch Control System (LCS) di YZF-R1, invece, offre un maggiore controllo durante le partenze di gara, e per il 2020 la modalità LCS1 è stata modificata per attivarsi a 9000 giri/min con un’apertura del gas di 41 gradi. Il display è a cristalli liquidi a matrice attiva Thin Film Transistor (TFT) di YZF-R1 è stato aggiornato per comprendere indicatori per le nuove funzioni Brake Control (BC) e Engine Brake Management (EBM).

Yamaha YZF-R1M 2020: com ‘è fatta

YZF-R1M è la Supersport Yamaha più evoluta, che si è affermata come una delle moto da competizione più sofisticate e performanti, oltre ad essere considerata l’oggetto del desiderio per eccellenza dai piloti che hanno le corse nel sangue. Con la sua tecnologia di controllo elettronico di frontiera e l’aggressiva carena in carbonio ispirata a M1, questa esclusiva moto da pista offre a ogni motociclista l’opportunità di provare le autentiche prestazioni di una Superbike ufficiale.

Inoltre, grazie all’avanzatissima CCU e alle sospensioni elettroniche Öhlins Electronic Racing Suspension (ERS), i piloti che passano un giorno in pista e i professionisti sono in grado di ottenere il miglior setting del motore e del telaio senza la necessità di attrezzature costose e altamente specializzate. Tutto questo offre a un maggior numero di piloti la possibilità di sviluppare tutto il loro potenziale e di provare le emozioni forti e l’adrenalina che solo il motociclismo sa trasmettere. La YZF-R1M adotta il sistema Öhlins Electronic Racing Suspension (ERS) di ultima generazione che offre la massima possibilità di regolazione per un controllo totale e prestazioni vincenti in competizione.

Novità esclusiva per il 2020 è il leggero codone in carbonio che completa la nuova carena e il parafango anteriore in carbonio stile M1. L’utilizzo di una carena ultraleggera sottolinea l’esclusività di YZF-R1M e contribuisce a rendere la moto estremamente leggera e reattiva. Yamaha ha sviluppato per YZF-R1M diverse applicazioni che consentono ad ogni pilota di avere accesso alla sofisticata tecnologia utilizzata dai team ufficiali. Il software intuitivo rende queste app semplici da usare e, con la loro capacità di regolare istantaneamente i setting dell’elettronica avanzata di YZF-R1M, queste app svolgono le funzioni di una squadra personale di meccanici Yamaha.

ARTICOLI CORRELATI