USATA
cerca auto nuove
NUOVA

Ritorna la Cagiva Elefant?

MV Agusta ha depositato il nuovo marchio Elephant. Per il vice presidente Massimo Bordi una adventure bike è necessaria per raggiungere gli obiettivi che si è posta MV Agusta ma potrebbe chiamarsi Cagiva Elephant

MV Agusta potrebbe sviluppare una sua adventure bike
Il (trend di) mercato detta le strategie I numeri non sono una opinione e meno che meno quelli di mercato, freddi e statici. Nel senso che il segno è negativo e le vendite registrano pochi pezzi. Soprattutto nel segmento delle supersportive, quelle che una volta invece vendevano moltissimo.
Lo sa bene chi produce queste motociclette, apprezzatissime dagli appassionati ma con un mercato ridimensionato.
Ed ecco allora che uno MV Agusta, uno dei marchi più importanti in questi due segmenti, grazie alla sua storia ed a moto come la superbike MV Agusta F4, la naked Brutale e tra poco con la supersport  F3, starebbe per orientarsi verso una tipologia tutta nuova ma con annuali dati di vendita positivi.

MV Agusta Elefant o Cagiva Elefant?
La conferma di tutto ciò arriva da Massimo Bordi, vice presidente MV Agusta ed ex direttore generale in Ducati ai tempi di Claudio Castiglioni che ora è tornato in possesso della moto di Schiranna.
L’anno scorso (anche se si vocifera da diverso tempo) ai dealer MV Agusta era stata fatta un’anticipazione: la super sportiva F3 avrebbe preannunciato altri due modelli e cioè una naked inferiore alla Brutale, chiamata B3,  mentre l’altra sarebbe stata una supermoto orientata all’uso stradale.
In febbraio MV Agusta ha registrato il marchio Elephant, con il “ph” anziche la vecchia versione “f” come la precedente Cagiva Elefant.
La nuova società nata dall’uscita da Harley Davidson può contare su un finanziamento di circa 20 milioni di euro concesso da alcuni istituti di credito e su una cifra molto simile garantita in contanti da H-D. Inoltre, c’è l’impegno di non distribuire dividenti e di reinvestirli per almeno un anno.
Ma la adventure bike costruita da MV Agusta non porterà questo cognome, potrebbe chiamarsi Cagiva Elefant e in un colpo solo si differenzierebbero i prodotti più sportivi di MV e si riportebbe in auge un marchio storico come Cagiva.
Per Bordi una adventure bike è necessaria all’azienda per raggiungere i target di produzione prefissati. Inoltre, l’obietto sarebbe quello di fare di Elephant un marchio a se, com’è diventato Monster per la Ducati e Vespa per Piaggio.
Il motore della nuova Elephant, MV Agusta o Cagiva che sia, quasi certamente dovrebbe essere un bicilindrico da 1200 cc (l’immagine di apertura è un’idea del designer Oberdan Bezzi).
Ducati Multistrada e BMW R 1200 GS sono avvisate.

Articoli più letti
RUOTE IN RETE