Suzuki GSX1250FA

Novità in casa Suzuki che presenta la GSX1250FA, versione carenata della Bandit 1250, che conferma il successo della precedente versione Traveller

Suzuki GSX1250FA nasce per gli appassionati del turismo veloce, ad ampio raggio, per coloro che cercano una moto dall’affidabilità già nota della Bandit 1250 unita alla protezione della carenatura integrale, caratteristica che mancava nella gamma Bandit. La nuova GSX1250FA sarà disponibile in tre livree: grigio, nero e blu.

Le caratteristiche principali si possono sintetizzare nel motore da 1255cc lineare e potente con molta coppia ai bassi regimi; sistema d’iniezione del carburante a doppia farfalla SDTV (Suzuki Dual Throttle Valve) che assicura una risposta del gas più istantanea ed un’accelerazione superiore, oltre a ridurre le emissioni dei gas inquinanti; cilindri in alluminio con trattamento di indurimento al nickel-carburo-silicone-fosforoso, noto come SCEM (Suzuki Composite Electrochemical Material), che riduce le frizioni e migliora il trasferimento termico, la durata nel tempo e la tenuta delle fasce; albero di bilanciamento secondario per una completa riduzione delle vibrazioni; sistema automatico di controllo del minimo (ISC) gestito dalla centralina, che garantisce un regime di minimo ottimale e basse emissioni in ogni condizione; scambiatore di temperatura per il mantenimento di un’ottimale temperature di esercizio del motore; nuova centralina motore capace di un efficace controllo delle emissioni, per permettere alla GSX1250FA di raggiungere i parametri previsti dalle vigenti normative; nuovo e funzionale gruppo luci anteriore a disposizione verticale, appositamente disegnato per integrarsi alla perfezione con la sagoma del serbatoio e coda posteriore; telaio in tubi dal disegno classico ma con un’avancorsa pensata per ottenere il miglior compromesso tra sportività e confort nell’uso turistico; forcelle con steli da 43mm e mono ammortizzatore posteriore con precarico molla regolabile; dischi freno anteriori flottanti da 310mm accoppiati a pinze a 4 pistoncini, disco singolo di 240mm al posteriore accoppiato ad una pinza a pistoncino singolo; sistema di antibloccaggio (ABS) digitalizzato, per un miglior controllo della frenata nelle condizioni di scarsa aderenza; sella confortevole ed ergonomica la cui altezza può essere regolata verso l’alto e verso il basso di 20mm agendo su appositi distanziali; cavalletto centrale di serie; pannello strumenti dal design funzionale e complete di ogni indicazione, compresa l’indicazione della marcia inserita.

Il debutto ufficiale all’Eicma 2009.

ARTICOLI CORRELATI
RUOTE IN RETE