USATA
cerca auto nuove
NUOVA

Yamaha FZ8 vs Ducati Monster 796 vs BMW F800 R

È arrivato il momento di decidere quale moto vi accompagnerà nei vostri week end o nelle scampagnate con gli amici? Ecco tre modelli pari cilindrata messi a confronto

Yamaha FZ8, Ducati Monster 796 e BMW F 800 R possono sembrare tre moto molto simili. Infatti sono tre naked, montano un motore con la stessa cilindrata (800 cc) da 2 cilindri (a parte la giapponese che ne ha 4) e costano meno di nove mila euro (rispettivamente €8.390, €8.990 e €8.250).
Quello che le caratterizza è la concezione della moto, differente una dall’altra.

La Yamaha FZ8 si inserisce tra la entry level XJ6 e la potente FZ1.
Il quattro cilindri raffreddato a liquido è equilibrato e generoso: infatti è pronto a scattare grazie a una potenza di 106 cavalli a 10.000 giri/min e 82Nm di coppia 8.000 giri/min.
Il telaio e il forcellone in alluminio sono gli stessi della sorellona FZ1 e rendono questa 800 più stabile e reattiva permettendo curvoni veloci.
All’anteriore sono montati dischi da 310 mm mentre i cerchi a 5 razze sono in alluminio, attorno a quello anteriore c’è un pneumatico da 120/70 e a quello posteriore uno da 180/55.
La guida anche se confortevole è sportiva e la rende poco incline ai lunghi viaggi e più adatta alle strade cittadine e nel misto, grazie anche a un buon controllo sulla moto dato dall’altezza della sella di 815 mm, da dove si gestisce un peso di 211 kg.
Il carattere della FZ8 si vede dal design muscoloso ed aggressivo. Le colorazioni sono tre: bianco, grigio e arancione.

La Ducati Monster 796 allarga la gamma della naked più famosa del mondo con questa cilindrata di mezzo tra il maneggevole 696 e lo sportivo 1100.
L’ultimo “Mostro” ha un motore desmodromico da 87 cavalli a 8.250 giri/min, 78Nm di coppia a 6.250 giri/min e un peso a secco di appena 167 kg.
La “rivoluzione” di questa versione è nel nuovo triangolo manubrio-pedane-sella che unisce la comodità del 696 con l’aggressività del 1100. Per ottenere questo equilibrio è stata abbassata la sella (altezza da terra di 800 mm) e si è alzato il manubrio di quasi 3 centimetri.
L’impianto frenante Brembo monta due dischi da 320 mm con pinze ad attacco radiale a 4 pistoncini all’anteriore e un disco da 245 mm con pinza a 2 pistoncini al posteriore.
Vastissima la personalizzazione grazie al progetto Monster Art, mentre le colorazioni di serie sono tre: Rosso Ducati, Arctic White Silk o Diamond Black Silk, abbinate al telaio a traliccio rosso.

La BMW F800 R è l’ultima urban della casa di Monaco di Baviera. Ha stile, personalità e soprattutto agilità per muoversi con disinvoltura anche lungo strade sinuose.
Il motore bicilindrico è quello già montato sui precedenti modelli della famiglia F 800, eroga una potenza di 87 CV a 8.000 giri/min e una coppia massima di 86 Nm a 6.000 giri/min. La ciclistica, insieme alla nuova cinematica delle farfalle che ottimizza la rapidità di risposta e dell’accelerazione, assicurano elevata maneggevolezza, precisione e divertimento di guida.
La F 800 R offre un eccellente comfort di seduta anche per il passeggero (l’altezza della sella è di 800 mm, ma si può scegliere) ed un peso a secco di 177 kg.
Sono davvero tanti gli accessori disponibili per personalizzare la F 800 R secondo le proprie esigenze. Si può adattarla ai viaggi con le capienti borse disponibili, oppure renderla più sportiva grazie all’edizione Chris Pfeiffer con i colori classici di BMW Motorsport, lo scarico sportivo Akrapovich, coprisella passeggero in tinta, indicatori di direzione a LED, set di adesivi dello degli sponsor, molla dell’ammortizzatore posteriore verniciato in rosso e frontale completamente naked, senza cupolino.

Il mercato sembra si stia indirizzando verso questa cilindrata che piace molto a chi desidera una moto più prestazionale di una 600 ma non troppo impegnativa, sotto tutti i punti di vista, di un millone.

Voi quale scegliereste?

Articoli più letti
RUOTE IN RETE