Yamaha T-Max 500 2009

Anche in versione ABS, il TMax si prepara al 2009 rispolverando l'Extreme Yellow; dal 2000, anno di nascita, risiede stabile nella top ten dei mezzi più venduti

Leggi la nostra prova e guarda il video!

Yamaha T-Max 500 2009. Quando, nel 2001, il primo T-Max di Yamaha arrivò sulle strade, rivoluzionò istantaneamente e per sempre il mondo degli scooter: si trattava infatti del primo maxiscooter capace di offrire un entusiasmante mix tra prestazioni sportive, lusso e funzionalità.

Design funzionale
Il nuovo Yamaha T-Max si distingue per uno stile sportivo completamente rinnovato, le linee eleganti della carenatura ne scolpiscono dinamicamente il profilo, l’accattivante design del faro anteriore e la nuova marmitta accentuano l’immagine sportiva e sofisticata del modello originale e contribuiscono a definire le masse, compatte e raccolte. Il design innovativo mantiene i caratteristici fianchetti a forma di boomerang e ripropone lo stile “proiettato in avanti” delle street bike e delle supersportive Yamaha, per enfatizzare la distribuzione del peso spostata sull’avantreno che garantisce un eccellente controllo. La carenatura alleggerita contribuisce a ridurre il peso di 5 kg e il nuovo design migliora la stabilità in caso di vento laterale.

Nuovo telaio
I collaudatori Yamaha hanno testato il nuovo T-Max su pista per verificare che il nuovo telaio interamente in alluminio consentisse una maneggevolezza simile a quella delle moto sportive. Il nuovo telaio – che sostituisce la precedente struttura tubolare in acciaio – è composto da un insieme di sezioni in alluminio estruso e alluminio pressofuso, frutto dell’esclusiva tecnologia di pressofusione Yamaha. Il nuovo telaio è completato da una ruota anteriore da 15” (i modelli precedenti montavano una ruota da 14”) che assicura una stabilità superiore e un maggior comfort di guida, soprattutto sui tratti stradali più accidentati.

Motore
Yamaha T-Max è equipaggiato con un motore bicilindrico da 499cc che offre prestazioni che non deluderanno neanche i più smaliziati piloti di moto sportive. Dotato di un sistema di iniezione digitale, con quattro valvole per cilindro e un rapporto di compressione 11.0:1, T-Max sorprende con un’accelerazione che permette di districarsi rapidamente e senza sforzo nel traffico di città mentre il sistema di bilanciamento integrato garantisce una guida morbida e fluida. Il nuovo T-Max presenta anche una nuova marmitta sportiva dotata di un convertitore catalitico di maggiore capacità per emissioni ridotte e conformi alla normativa Euro 3.

Tag:
ARTICOLI CORRELATI
RUOTE IN RETE